LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Politica USA: Obama toglie l’embargo a Cuba per passare alla storia ed aiutare la Clinton

Posted in USA by matteocazzulani on December 19, 2014

Il Presidente degli Stati Uniti d’America pone fine ad un embargo di 50 anni nei confronti del regime comunista latinoamericano per dare un senso ad una politica estera finora sottotono. Il riorientamento della politica estera statunitense in America e nell’Asia-Pacifico, ed il confronto con i repubblicani al Congresso, tra le ragioni che hanno portato Obama ad aprire all’Avana

Philadelphia – Un tentativo di passare alla storia e di mettere in crisi un Congresso agguerrito e forte nei numeri. La scelta del Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, di normalizzare i rapporti con Cuba, presa nella giornata di mercoledì, 17 Dicembre, è una manovra politica che guarda in diverse direzioni.

In primis, l’ordine di riaprire un tavolo per il ripristino di rapporti diplomatici con il regime comunista di Cuba, che il Presidente Obama ha dichiarato di intendere impartire quanto prima al Segretario di Stato, John Kerry, chiude una fase di 50 anni di embargo economico e di gelo politico avviata da John Fitzgerald Kennedy, il Presidente degli Stati Uniti ideologicamente più vicino a Obama, in piena Guerra Fredda.

La riapertura dei rapporti diplomatici con Cuba è anche l’ennesima prova della maggiore attenzione che Obama intende porgere nei confronti dell’emisfero occidentale: un riorientamento della politica estera statunitense che ha già visto le sue prime conseguenze nel maggiore impegno degli Stati Uniti nella regione dell’Asia-Pacifico e nel quasi assente coinvolgimento in Europa.

Con questa decisione di portata storica, Obama intende inoltre dare un senso ad una politica estera che, finora, gli ha fornito l’epiteto di uno dei Presidenti meno coraggiosi in ambito internazionale della storia degli Stati Uniti, dopo la gestione marginale della guerra in Libia contro la dittatura di Muhammar Gheddafi, il mancato attacco al regime di Bashar Al Assad in Siria, e la troppo tiepida gestione della crisi ucraina e della nascita dello stato islamico ISIL.

Come riportato da Politico, oltre al fatto storico, la decisione di Obama di ripristinare i rapporti diplomatici con Cuba rappresenta un atto di forza del Presidente democratico nei confronti del Congresso che, per via della vittoria dei repubblicani nelle elezioni di Mid-Term, sarà presto totalmente ostile all’Amministrazione Presidenziale.

Da parte loro, i repubblicani hanno promesso battaglia al Presidente sulla sua decisione di riaprire il dialogo con Cuba blocca di alcuni fondi destinati all’attività del Presidente in politica estera.

Tuttavia, Obama ha fatto sapere di intendere procedere con l’uso dei poteri esecutivi in suo possesso, così come promesso per la riforma della sanità e per la regolarizzazione di 4,7 milioni di immigrati irregolari: due cavalli di battaglia che il Presidente intende cavalcare negli ultimi due anni di legislatura.

Jeb Bush e Marco Rubio alla ricerca del voto dei dissidenti

Infine, come riportato dall’autorevole Reuters, la mossa di Obama di ripristinare i rapporti con Cuba ventila l’opportunità per i democratici di compattare il proprio elettorato, che secondo un recente sondaggio IPSOS è favorevole alla normalizzazione con il regime comunista della Avana, attorno al loro candidato nelle prossime Elezioni Presidenziali.

Inoltre, l’elettorato latino, concentrato per lo più in Florida, uno degli swing-state principali, potrebbe accogliere con favore la decisione di Obama, così come i tanti appassionati di baseball, uno sport in cui i più grandi campioni sono principalmente cubani.

Non a caso, l’ex-Segretario di Stato USA, Hillary Clinton, data per probabile candidata democratica nelle prossime Elezioni Presidenziali, ha subito caldamente accolto l’iniziativa di Obama di riaprire i rapporti con Cuba, dichiarando che 50 anni di embargo non sono serviti ad alcunché.

Dall’altro lato dello schieramento politico, l’apertura di Obama a Cuba ha portato i possibili candidati alle Primarie Repubblicane ad assumere posizioni di opposizione, vicine a quelle degli ambiti più conservatori.

L’ex-Governatore della Florida, Jeb Bush, e il giovane Senatore della Florida, Marco Rubio, si sono opposti all’apertura di Obama per cercare di compattare l’elettorato della comunità degli esuli cubani che, come riportato da diversi sondaggi, è tuttavia già schierato politicamente a favore dei repubblicani.

Rand Paul, senatore del Kentucky del Tea Party, ha invece accolto con favore le aperture di Obama a Cuba, sottolineando che il gesto del Presidente può aprire una nuova fase nella politica commerciale degli Stati Uniti nel Mondo.

Matteo Cazzulani
Analista di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0446.PNG

Advertisements

Politica USA: Obama e Boehner evitano lo Shut Down

Posted in USA by matteocazzulani on December 14, 2014

Il Congresso passa il nuovo bilancio che evita un’impopolare chiusura forzata degli uffici pubblici. Centristi democratici e moderati repubblicani favorevoli al provvedimento, mentre i liberali del Partito Democratico e i conservatori del Partito Repubblicano si sono schierati contro la misura

Philadelphia – Un accordo bipartisan per evitare una chiusura degli uffici statali avvertita come impopolare. Nella nottata di sabato, 13 Dicembre, il Senato degli Stati Uniti d’America ha approvato il bilancio federale per il nuovo anno.

Come riportato dalla Reuters, la misura, precedentemente approvata alla Camera dei Rappresentanti, permette di evitare lo Shut Down, ossia lo stop all’erogazione dei fondi per il funzionamento dei Dipartimenti e degli uffici pubblici.

Il provvedimento, che conferma fino a Settembre gli stanziamenti economici per tutti i Dipartimenti fatto salvo quello della Sicurezza Nazionale, che ha ottenuto una copertura solo fino a Febbraio, è stato supportato al Senato da una maggioranza composta da centristi democratici e moderati repubblicani.

Nello specifico, il budget, opposto da alcuni democratici liberali e dai repubblicani conservatori, prevede una misura di 1,1 trilioni di Dollari, frutto di una mediazione accettata dal Presidente degli Stati Uniti, il democratico Barack Obama, elaborata dallo Speaker della Camera dei Rappresentanti, il repubblicano John Boehner.

Da un lato, Obama ha ottenuto fondi per la lotta contro ebola, finanziamenti per rafforzare la lotta contro lo stato islamico ISIL e denaro per sostenere lo sviluppo in America Centrale.

Dall’altro, i repubblicani hanno ottenuto il finanziamento parziale del Dipartimento della Sicurezza Nazionale, dei cui fondi il Presidente intende avvalersi per legalizzare 4,7 milioni di immigrati irregolari.

Oltre a mettere a repentaglio la realizzazione di una delle proposte politiche di Obama, i repubblicani hanno anche ottenuto fondi per incrementare le strutture difensive della NATO in Europa Centro-Orientale dall’aggressione militare della Russia e per supportare la gestione della crisi in Siria.

La corsa alla Casa Bianca importante negli schieramenti

Nonostante la misura sia passata con una maggioranza bipartisan, la votazione sul budget ha comportato fratture notevoli all’interno sia dello schieramento democratico che di quello repubblicano, motivati dal rimescolamento degli equilibri interni ai due schieramenti in vista delle primarie presidenziali.

Lo scontro interno allo schieramento democratico si è verificato durante la votazione del provvedimento alla Camera dei Rappresentanti, dove la Capogruppo del Partito Democratico, Nancy Pelosi, ha compattato l’ala liberale del suo schieramento nell’opporre la misura perché ritenuta lesiva del ceto medio.

Cos riportato dall’autorevole Politico, con la sua strenua opposizione ad un provvedimento supportato dal Presidente Obama, la Pelosi, venendo sostenuta al Senato da Elizabeth Warren, ha effettuato una decisa scelta di campo.

Nelle prossime primarie presidenziali democratiche, la liberale Warren intende infatti contrastare la centrista Hillary Clinton.

Nel campo repubblicano, la divisione interna si è fatta più visibile al Senato, dove il senatore vicino al Tea Party Ted Cruz ha compattato l’ala conservatrice nel contrastare un documento ritenuto insufficiente per frenare l’azione e di Obama sull’immigrazione.

A favore del documento si è però schierato il Capogruppo del Partito Repubblicano al Senato, Mitch McConnel, che sembra essere orientato a supportare la corsa alle primarie presidenziali dei republicans di Jeb Bush al posto di quella di Ted Cruz.

Matteo Cazzulani
Analista Politico di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0439.PNG

Politica USA: i repubblicani chiedono a Obama di rinunciare alla riforma dell’immigrazione per evitare lo Shut Down

Posted in USA by matteocazzulani on December 11, 2014

Lo Speaker della Camera Bassa del Congresso, il repubblicano John Boehner, propone ai democratici di accettare il rifinanziamento di tutti i Dipartimenti, fatto salvo quello della Sicurezza Nazionale, di cui il Presidente vuole avvalersi per regolarizzare 4,7 milioni di immigrati irregolari come promesso agli elettori. La maggioranza concede fondi per contrastare lo stato islamico ed Ebola.

Philadelphia – Un pacchetto di 1,1 trilioni di Dollari e una corsa contro il tempo di tre giorni per evitare lo Shut Down del Governo. Nella giornata di mercoledì, 10 Dicembre, la maggioranza repubblicana presso la Camera dei Rappresentanti del Congresso ha presentato una proposta di rinnovo del bilancio federale che prevede la conferma di quasi tutte le dotazioni per ciascun Dipartimento, fatto salvo quello della Sicurezza Nazionale.

La proposta, che lo Speaker della Camera dei Rappresentanti, il repubblicano John Boehner, ha già calendarizzato al voto per evitare ogni mediazione, rappresenta una proposta di compromesso con la minoranza democratica.

Da un lato, la proposta prevede il rinnovo dei fondi per i Dipartimenti del Governo fino a Settembre 2015, ma limita l’erogazione di risorse al Febbraio 2015 per il solo Dipartimento della Sicurezza Nazionale.

D’altro canto, i repubblicani hanno concesso l’erogazione di fondi per la lotta contro lo stato islamico ISIL e per contrastare Ebola: due punti particolarmente cari al Presidente degli Stati Uniti, il democratico Barack Obama.

La decisione di non finanziare appieno il Dipartimento della Sicurezza Nazionale è stata presa per ostacolare la regolarizzazione di 4,7 Milioni di immigrati irregolari, che Obama ha promesso di attuare avvalendosi dei fondi a disposizione del Governo, dopo la storica sconfitta dei democratici nelle Elezioni di Mid-Term.

Il provvedimento, che deve essere votato entro la mezzanotte di venerdì per evitare lo Shut Down del Governo -ossia la chiusura degli uffici pubblici per mancanza di denaro- ha subito riscontrato l’opposizione dei democratici.

Come riportato dalla Reuters, la Capogruppo dei democratici alla Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi, ha accusato i repubblicani di approvare misure che danneggiano la classe media, ed ha invitato la maggioranza a rinegoziare la proposta per evitare di incorrere nell’opposizione della minoranza.

Fondi per l’Europa Centro-Orientale e l’America Centrale

Come riportato dall’autorevole Politico, il duello sul compromesso proposto dai repubblicani porterà all’approvazione di limature che, quasi certamente, non intoccheranno le misure straordinarie avanzate, sempre sulla base del compromesso, in materia di politica estera e di difesa.

La proposta prevede l’erogazione di 175 milioni di Dollari su un tema più caro ai repubblicani come il sostegno ai Paesi dell’Unione Europea e quelli dell’Europa Orientale minacciati dalla Russia di Putin, come Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia ed Ucraina.

D’altro canto, la misura prevede un pacchetto di 260 milioni di Dollari su un ambito su cui sono i democratici a tenere di più, come l’aiuto allo sviluppo sociale ed economico dell’America Centrale, finalizzato alla limitazione del flusso migratorio verso gli Stati Uniti d’America.

Matteo Cazzulani
Analista Politico di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0345.PNG

Politica USA: Obama perde anche la Louisiana

Posted in USA by matteocazzulani on December 7, 2014

L’esponente repubblicano Bill Cassidy vince decisamente sulla candidata democratica uscente Mary Landrieu nel ballottaggio per l’ultimo seggio del Senato conteso nelle Elezioni di Mid-Term. Il Partito Repubblicano vince anche in seggi della Louisiana della Camera dei Rappresentanti

Philadelphia – Un’asfaltata netta, con i repubblicani oramai padroni di tutto il sud-est degli Stati Uniti d’America e i democratici in ritirata libera. Nella giornata di sabato, 6 Dicembre, il candidato repubblicano Bill Cassidy ha battuto l’esponente democratica Mary Landrieu nel ballottaggio delle elezioni di Mid-Term per il seggio del Senato della Louisiana.

Cassidy ha ottenuto una vittoria notevole, con il 57% dei voti a suo favore contro il 43% dei consensi per la Landrieu, che, così, abbandona il Senato dopo tre legislature.

Come riportato da Politico, la vittoria di Cassidy, un medico già Rappresentante della Louisiana presso la Camera dei Rappresentanti del Congresso, è stata possibile grazie all’abilità dei repubblicani di trasformare la consultazione in un referendum contro l’Amministrazione Presidenziale di Barack Obama.

Oltre alla forte impopolarità del Presidente Obama, a punire la Landrieu è stata anche la decisione da parte del Comitato Democratico per la Campagna del Senato di non supportare la senatrice uscente, mentre il Comitato Nazionale Repubblicano ha investito su Cassidy ingenti risorse.

Oltre alla vittoria di Cassidy, che permette ai repubblicani di controllare i seggi del Senato degli Stati che vanno dalle Caroline al Texas dopo la storica vittoria nelle Elezioni di Mid-Term -nelle quali il Partito Repubblicano, lo scorso 4 Novembre, ha strappato al Partito Democratico ben 8 seggi- esponenti repubblicani hanno ottenuto vittorie anche in alcuni seggi della Camera dei Rappresentanti.

Ralph Abraham ha ottenuto la vittoria nella roccaforte repubblicana finora posseduta dal Rappresentante uscente Vance McAllister, mentre l’esponente del Partito Repubblicano Garret Graves ha vinto sull’ex-Governatore democratico Edwin Edwards per un altro seggio alla Camera dei Rappresentanti.

La questione energetica alla base della vittoria di Cassidy

Come riportato dall’autorevole Reuters, oltre che dal vento contrario al Presidente Obama, la vittoria di Cassidy è stata motivata anche dalla questione energetica, in quanto l’esponente repubblicano si è dimostrato essere un più acceso sostenitore dell’approvazione dell’oleodotto Keystone XL rispetto alla sua rivale democratica.

Una mozione proposta da Cassidy per la realizzazione del Keystone XL, infrastruttura progettata per veicolare olio crudo canadese dall’Alberta alle raffinerie del Texas, è stata approvata dalla Camera dei Rappresentanti con un’ampia maggioranza, ma la Landrieu non è stata capace di portare il provvedimento alla sua approvazione in Senato.

Ad opporsi al Keystone XL è stata l’ala più liberale dei democratici, che nonostante il coinvolgimento della Landrieu in favore dell’infrastruttura non ha accettato il verdetto espresso alla Camera dei Rappresentanti da una maggioranza di repubblicani e democratici centristi.

Grazia alla sua vittoria, Cassidy diventerà con tutta probabilità il Presidente della Commissione Energia del Senato, una posizione di prestigio che, finora, è stata ricoperta proprio dalla Landrieu.

Matteo Cazzulani
Analista di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0325.PNG

IMG_0324.PNG

IMG_0325-0.PNG

Politica USA: Obama sceglie Ash Carter come nuovo Segretario alla Difesa

Posted in USA by matteocazzulani on December 6, 2014

Il Presidente degli Stati Uniti nomina un Vice Segretario di lungo corso durante Amministrazioni democratiche come nuovo Capo del Pentagono. Il prossimo Presidente della Commissione Servizi Armati del Senato, il repubblicano John McCain, possibilista sulla conferma di Carter presso la Camera Alta del Congresso

Philadelphia – Avrebbe voluto diventare il Segretario alla Difesa dopo le dimissioni di Leon Panetta, ma il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, lo ha mantenuto al secondo posto della gerarchia del Dipartimento alla Difesa per gestire l’interregno di Chuck Hagel, un repubblicano con cui l’Amministrazione Presidenziale democratica non ha mai avuto un buon feeling.

Nella giornata di venerdì, 5 Dicembre, il Presidente Obama ha nominato l’ex-Vice Segretario alla Difesa, Ash Carter, il nuovo Segretario alla Difesa degli Stati Uniti d’America, dopo le dimissioni di Chuck Hagel, che per circa due anni ha mantenuto la guida del Pentagono.

Nel presentare Carter, il quarto Segretario alla Difesa della sua Amministrazione dopo i repubblicani Gates ed Hagel ed il democratico Panetta, Obama ha apprezzato la lunga carriera interna al Pentagono effettuata da Carter, ed ha invitato il nuovo Segretario a compiere le scelte giuste per affrontare sfide importanti in cui l’esercito degli Stati Uniti è impegnato, come la lotta contro l’ISIL e la questione siriana.

Carter, che dopo avere servito come Top Buyer degli armamenti del Dipartimento alla Difesa durante l’Amministrazione del Presidente democratico Bill Clinton e come Vice Segretario di Panetta sotto l’Amministrazione Obama, è stato confermato numero due del Pentagono su precisa richiesta del Presidente USA.

Dopo frizioni con Hagel, Carter ha abbandonato per qualche tempo il Pentagono, fino a quando Obama non lo ha riconvocato alla guida del Dipartimento, per sostituire Hagel che, ufficialmente in maniera consensuale, ha interrotto la sua permanenza nell’Amministrazione Obama come Segretario alla Difesa.

Per essere confermato, Carter, che ha promesso ad Obama “candidi consigli” sulla politica estera, necessita l’approvazione del Senato, che dal prossimo Gennaio, per via della sconfitta dei democratici nelle Elezioni di Mid-Term, sarà controllato dai repubblicani.

Come riportato dall’autorevole Politico, il prossimo Presidente della Commissione dei Servizi Armati del Senato, l’ex-candidato repubblicano alla corsa alla presidenza nel 2008 John McCain, ha dato un preventivo appoggio alla nomina di Carter per via della sua preparazione nell’ambito della Difesa.

Tuttavia, McCain si è detto perplesso sulla possibilità per Carter di attuare una politica differente da quella che gli sarà imposta dall’Amministrazione Obama, avallando l’accusa, spesso mossa al Presidente, di nominare semplici passacarte delle sue decisioni come leader del Dipartimento alla Difesa.

Ciò nonostante, la biografia di Carter sembra testimoniare una personalità tutt’altro incline a passare gli ordini di Obama, con cui spesso il probabile nuovo Segretario alla Difesa sarà in disaccordo.

Chi è il probabile nuovo Segretario alla Difesa

Ad esempio, durante l’Amministrazione del repubblicano George W Bush, Carter ha sostenuto la necessità di bombardare preventivamente la Corea del Nord per evitare la proliferazione nucleare di una dittatura nel pieno cuore dell’Asia.

Durante l’Amministrazione del repubblicano Ronald Reagan, Carter è stato autore di un rapporto che ha descritto come inattuabile il piano di riarmo proposto dal Presidente USA, anche se esso ha poi consentito agli Stati Uniti di vincere la Guerra Fredda contro l’Unione Sovietica.

Come riportato dalla Reuters, una volta ottenuta la conferma dal Senato, Carter si troverà a gestire situazioni importanti sia sul piano estero che su quello interno.

In primis, Carter è chiamato a gestire la lotta contro lo Stato Islamico e la gestione della crisi siriana, su cui il suo predecessore Hagel ha fortemente contestato le scelte prese da Obama e dalla sua Consigliera per la Sicurezza Nazionale, Susan Rice.

Un’altra sfida a cui Carter è chiamato a dare una risposta è il riarmo della Russia, a cui gli Stati Uniti, come richiesto da una Risoluzione di recente approvata dal Congresso, potrebbero rispondere incrementando la presenza di strutture militari difensive della NATO in Europa Centro-Orientale.

Carter è chiamato infine a gestire il taglio dei fondi alla Difesa sancito dal Congresso: una misura che potrebbe portare gli Stati Uniti a ridimensionare il suo impegno nel mondo in favore della democrazia e della libertà.

Matteo Cazzulani
Analista di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0430.PNG

Politica USA: il Congresso condanna la guerra di Putin all’Ucraina

Posted in USA by matteocazzulani on December 5, 2014

La Camera dei Rappresentanti ritiene illegale l’aggressione militare russa ed invita il Presidente statunitense, Barack Obama, a verificare l’effettiva preparazione delle forze militari USA per difendere gli alleati della NATO da possibili attacchi da parte di Mosca. Il documento invita gli USA ad avviare le esportazioni di shale in Unione Europea

Philadelphia – La politica, le sanzioni economiche e l’energia sono i tre aspetti della risoluzione di condanna dell’aggressione russa all’Ucraina approvata dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d’America nella giornata di giovedì, 4 Dicembre.

Il provvedimento, approvato da una maggioranza schiacciante bipartisan di repubblicani e democratici, ha ritenuto che l’intervento militare della Russia in Ucraina è una minaccia alla sicurezza globale per via della sua contrarietà alla Carta delle Nazioni Unite e al Memorandum di Budapest del 1994, firmato a garanzia dell’integrità territoriale ucraina in cambio della non-proliferazione nucleare da parte di Kyiv.

Inoltre, il provvedimento ha invitato il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ad intraprendere ogni azione di carattere diplomatico per condannare l’annessione militare della Crimea da parte della Russia e la permanenza delle truppe militari russe in territorio ucraino.

Il documento passato dalla Camera dei Rappresentanti ha poi richiesto alla NATO la sospensione immediata di ogni forma di cooperazione con la Russia, ed ha invitato il Presidente Obama a verificare la capacità di pronta reazione da parte delle truppe statunitensi in caso di attacco da parte di Mosca di un Paese membro dell’Alleanza Atlantica.

Infine, la risoluzione ha invitato gli Stati Uniti a supportare ogni forma di integrazione energetica dell’Unione Europea, ed ha invitato il Presidente Obama ad accelerare il più possibile la liberalizzazione delle esportazioni di gas shale dagli Stati Uniti in Europa.

Per via del suo carattere bipartisan, il provvedimento rappresenta una presa di posizione forte da parte degli Stati Uniti di condanna della violazione della sovranità territoriale da parte dell’Ucraina.

Repubblicani e democratici al duello sull’immigrazione

Tuttavia, a differenza del provvedimento di condanna della condotta del Presidente russo, Vladimir Putin, la Camera dei Rappresentanti si è separata sul voto in merito ad un provvedimento che dichiara come illegale l’iniziativa di Obama di regolarizzare la permanenza negli USA di 4,7 milioni di immigrati irregolari.

Come riportato dall’autorevole Reuters, con un risultato di 219 voti favorevoli contro 197 contrari, la maggioranza repubblicana è riuscita ad approvare un’iniziativa simbolica, che tuttavia dimostra quanto alto sia il livello di competizione tra il Congresso e l’Amministrazione Presidenziale democratica di Obama.

Come dichiarato dal Rappresentante repubblicano Tom McClintock, con la sua decisione, il Presidente Obama avrebbe violato la divisione dei poteri provando ad imporre il suo potere esecutivo su quello legislativo del Congresso.

A commento del voto, il capogruppo democratico al Senato, Harry Reid, ha dichiarato che, a sua volta, anche il Presidente repubblicano Ronald Reagan si è avvalso dei suoi poteri esecutivi per intervenire sul tema dell’immigrazione.

Pronta è stata la risposta dello Speaker della Camera dei Rappresentanti, John Boehner, che ha invitato il Senato, in cui i democratici hanno la maggioranza ancora per pochi giorni, a rispettare la volontà della maggioranza dei rappresentanti del popolo statunitense.

A sua volta, l’Amministrazione Presidenziale ha fatto sapere di non ritenere l’iniziativa di Obama illegale, bensì utile per porre rimedio ad una situazione di difficoltà difficile da sistemare con un rimpatrio disumano e costoso.

Matteo Cazzulani
Analista Politico di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0414.PNG