LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Politica USA: Obama solleva Hagel ed avvia il rimpasto di Governo

Posted in USA by matteocazzulani on November 25, 2014

Il Presidente statunitense dimissiona il Segretario alla Difesa, ed elimina così l’ultimo esponente del ‘Team dei Rivali’ interno alla sua cerchia di fedeli nell’Amministrazione Presidenziale. Il sollevamento motivato anche dal bisogno di un cambiamento dopo la sconfitta nelle Elezioni di Mid-Term

Philadelphia – La fine di un rapporto mai decollato si è consumata nella giornata di lunedì, 24 Novembre, quando il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, ha comunicato le dimissioni del Segretario alla Difesa, Chuck Hagel.

Obama, durante una conferenza stampa congiunta con Hagel alla Casa Bianca, ha ringraziato per il lavoro esemplare svolto il dimissionario Segretario alla Difesa, che continuerà a ricoprire la guida del Pentagono fino alla designazione del suo sostituto.

Nonostante i toni amichevoli della conversazione, il divorzio tra Obama ed Hagel è tutt’altro che sereno dal momento in cui, come riportato dalla CNN, i due hanno avviato un percorso di separazione da circa due mesi.

In particolare, a dividere Obama ed Hagel sono state le considerazioni sulla politica di sicurezza degli USA, dopo che lo Stato Islamico ISIS, e prima ancora la questione siriana, hanno messo a seria prova l’Amministrazione Presidenziale, che non sempre ha saputo dare risposte decise e convincenti per superare crisi di carattere internazionale.

Del resto, Hagel ha avuto difficoltà fin dal Febbraio 2013, quando la sua nomina al Senato è rimasta congelata per molto tempo a causa delle perplessità espresse sulla sua candidatura a Segretario della Difesa in maniera bipartisan sia dalla maggioranza democratica che dall’opposizione repubblicana.

Tuttavia, come riportato dall’autorevole Washington Post, l’allontanamento di Hagel è stato motivato anche dalla volontà di Obama di circondarsi di personalità a lui del tutto fedeli: una sorta di circolo ristretto di consiglieri e collaboratori nel Governo su cui il Presidente intende fare affidamento per affrontare i prossimi due anni, che si preannunciano essere particolarmente difficili per via della nuova maggioranza repubblicana al Congresso.

A motivare la scelta di Obama è la sonora sconfitta subita nelle ultime Elezioni di Mid-Term, in cui i democratici hanno lasciato ai repubblicani il controllo totale del Senato. Del resto, Hagel, un repubblicano che Obama ha nominato per via della comune opposizione alla Guerra in Iraq, è l’ultimo dei membri del Governo che non appartiene alla cerchia ristretta dei fedeli del Presidente.

Dopo la sostituzione a Segretario di Stato della centrista democratica Hillary Clinton con John Kerry -che ha sostenuto Obama nelle primarie democratiche del 2008 proprio contro la Clinton- e di quella del repubblicano Robert Gates con Hagel a Segretario alla Difesa, ora Obama ha eliminato anche l’ultimo esponente del cosiddetto ‘Team dei Rivali’ all’interno della sua Amministrazione.

Obama, inoltre, ha ingaggiato uno scontro diretto con la nuova maggioranza repubblicana al Congresso sulla riforma dell’Immigrazione, che il Presidente intende riformare avvalendosi dei suoi poteri esecutivi, e sulla sanità: due punti che finiscono per spostare l’attività del Governo notevolmente a sinistra.

Il Vicesegretario Carter e il Sottosegretario Flournoy i possibili sostituti

In aggiunta alle motivazioni del l’allontanamento di Hagel, a tenere banco è il nome del successore alla guida del Dipartimento della Difesa, per cui già si menziona il Vicesegretario alla Difesa, Ash Carter, e il Sottosegretario alla Difesa, Michelle Flournoy.

A rinunciare alla corsa per sostituire Hagel alla guida del Dipartimento della Difesa è già stato il senatore democratico del Rhode Island Jack Reed, che ha già fatto sapere di non essere intenzionato ad abbandonare il seggio del Congresso in rappresentanza del suo Stato.

Matteo Cazzulani
Analista di tematiche Trans Atlantiche
@MatteoCazzulani

IMG_0339.JPG

Ucraina e Crimea: Grillo e Berlusconi ascoltino Obama e Pittella anziché la Russia di Putin

Posted in Uncategorized by matteocazzulani on May 5, 2014

Il Sommo Poeta ci invitava a non curarci di loro, ma a guardare e passare. Vero e giusto, tuttavia certe dichiarazioni illustrano quanto la Patria di Dante sia provinciale e cieca nel comprendere che il comportamento della Russia di Putin in Ucraina è la più grande minaccia alla pace globale dalla fine della Guerra Fredda.

Negli ultimi giorni, le attività di destabilizzazione politica dell’Ucraina da parte di agenti infiltrati dell’esercito russo si sono espanse dalle regioni ucraine orientali fino a quelle meridionali, nella città di Odessa, dove, per ora, la resistenza di Kyiv ha sventato il tentativo delle milizie cosiddette separatiste di prendere il controllo della città.

Il piano di Putin, come confermano tutti i più accreditati Think-Tank, è oramai chiaro: dopo l’annessione militare della Crimea, Mosca intende controllare una lingua di territorio da Donetsk alla Transnistria che isola l’Ucraina dal mare, mettendone in ginocchio l’economia, incrementa la pressione armata sulla Moldova e su Paesi dell’Unione Europea come Romania, Ungheria, Slovacchia e Polonia.

Anche altri Paesi UE sono a rischio, come Estonia, Lettonia e Lituania, dove Putin ha già iniziato a porre i presupposti per scatenare politiche di destabilizzazione, facendo leva sulla volontà di Mosca di tutelare le minoranze russofone che vivono al di fuori della Federazione Russa.

Questa argomentazione già usata nei confronti dell’Ucraina, e prima ancora da Adolf Hitler per giustificare l’Anschluss dell’Austria e l’annessione di Cecoslovacchia e Danzica, che tuttavia è priva di fondamento, dal momento in cui né il Governo ucraino, né quelli UE estone, lettone e lituano, hanno mai discriminato alcun russo.

Malgrado la gravità della politica di Putin, che compatta l’opinione pubblica domestica contro un’Europa presentata come la Patria della perversione, c’è chi in Italia ha giustificato pubblicamente la condotta del Presidente della Federazione Russa, come l’ex-Premier Berlusconi, che, durante la trasmissione In Mezz’Ora, ha sottolineato come Mosca abbia favorito nella penisola ucraina l’autodeterminazione dei popoli.

La posizione di Berlusconi, fatta propria precedentemente dal Capo del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo, è stata sostenuta da certa stampa italiana, che ha sistematicamente presentato gli ucraini come nazisti, ha paragonano Kyiv al regime di Assad in Siria, ed ha dipinto i fatti dell’Est Ucraino come la legittima aspirazione di una fetta della popolazione ucraina russofona di fare parte della Russia.

L’annessione armata della Crimea è stata invece una palese violazione del Diritto Internazionale, sopratutto del Memorandum di Budapest, che sanciva l’inviolabilità dei confini ucraini in cambio della rinuncia all’arsenale nucleare da parte dell’esercito di Kyiv.

Inoltre, riesce difficile considerare un movimento spontaneo di autodeterminazione quello che sta avvenendo in Ucraina orientale, dove i cosiddetti separatisti sono ben armati ed equipaggiati di armamenti di tutto rispetto -missili terra-aria e mitragliatori- che non possono essere stati forniti loro da nessun altro se non dal crescente numero di divisioni dell’esercito russo che, come dimostra il Washington Post, si sono accalcate ai confini ucraini, pronte a sferrare l’attacco definitivo nei confronti di Kyiv.

In Ucraina, i veri fascisti sono chi occupa le sedi delle Amministrazioni Locali bruciando le bandiere ucraine ed europee ed avviando la caccia all’ucraino, e non chi protesta per tre mesi al freddo sul Maydan a Kyiv per ottenere Democrazia e Libertà dal regime pseudofascista di Viktor Yanukovych.

Le prese di posizione di Berlusconi e di certa stampa, che favoriscono l’accettazione da parte dell’opinione pubblica e di una considerevole fetta dell’elettorato della politica estera dei piani neo-imperiali di Putin -noto per la sistematica repressione del dissenso e dei giornalisti indipendenti- dipingono quanto in Italia ci sia una preoccupante disinformazione in merito alle questioni ucraine.

Per risolvere l’impasse, una soluzione potrebbe essere, come ha sottolineato l’Advisor per la politica estera del Presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski, l’adozione per l’Ucraina dello status Finlandese: un Paese dell’UE, che non fa parte della NATO e che mantiene buone relazioni con la Russia.

Per l’Ucraina, l’adesione all’UE è impossibile almeno per i prossimi 25 anni: troppe sono le riforme da compiere sia da parte del Governo di Kyiv che da parte dell’Unione Europea, che ancora deve darsi una struttura politica solida, robusta ed unitaria in grado di integrare, oltre a quella ucraina, anche altre economie dell’Europa Orientale, come quella moldava e georgiana.

Un rapido avvicinamento dell’Ucraina all’Europa sul piano commerciale e politico, mediante la firma dell’Accordo di Associazione e l’integrazione anche parziale di Kyiv in alcune delle Istituzioni europee, è possibile e necessario, così come è necessario provvedere al sostegno degli ucraini da parte della NATO nel caso Putin dovesse continuare con la sua politica imperialista.

Come ha dato da intendere lo stesso Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, gli USA sono pronti a creare un fronte comune con l’Europa per la difesa dell’integrità territoriale ucraina, per evitare che l’escalation della politica imperiale di Putin accenda altri focolai di tensione persino in Paesi membri dell’UE.

Questa necessità è innanzitutto geopolitica, dal momento in cui è proprio dall’esistenza di un’Ucraina autonoma ed indipendente che è garantita la sicurezza nazionale dei Paesi UE e, più in generale, la Pace e la Libertà nel continente europeo.

Ecco perché è opportuno che anche in Italia si capisca qual’è la vera natura della crisi ucraina, come già hanno dimostrato alcune personalità di spicco della politica italiana, come il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Gianni Pittella, il Ministro del Turismo, Dario Franceschini, e l’ex-Premier Massimo D’Alema.

Essi hanno dipinto una posizione attenta e ragionevole: l’Europa deve mantenere con Mosca il dialogo aperto, senza però mai rinunciare ai valori fondanti dell’Europa: Pace, Democrazia, Diritti Umani e Progresso.

Matteo Cazzulani
Analista di Politica dell’Europa Centrale ed Orientale
Twitter: @MatteoCazzulani

20140505-094217.jpg

“Caccia all’ucrainofono” e pressione militare: le bugie di Putin sull’Ucraina vengono a galla

Posted in Ukraina by matteocazzulani on April 20, 2014

Gli squadroni militari separatisti del Donbas dichiarano fuorilegge l’uso della lingua ucraina e l’attività dei principali Partiti democratici del Paese. L’Addetto Stampa del Presidente russo conferma la massiccia presenza di reparti dell’esercito russo a pochi chilometri da Donetsk

L’intolleranza e la forza militare sono le armi di cui il Presidente russo, Vladimir Putin, si sta avvalendo per incrementare la tensione politica in Europa Centro-Orientale. Nella giornata di sabato, 19 Aprile, il Capo degli squadroni separatisti della regione del Donbas -ubicata nell’Est dell’Ucraina- Vyacheslav Ponomarev, ha dichiarato aperta la caccia all’ucrainofono, e, dopo avere consolidato il controllo dei Palazzi Governativi occupati già da più di una settimana, ha messo al bando l’attività delle sedi locali dei Partiti di ispirazione democratica UDAR e Batkivshchyna.

Sia la messa al bando dei due Partiti principali impegnati nella campagna elettorale per le prossime elezioni presidenziali -UDAR supporta la corsa del magnate arancione Petro Poroshenko, dato per favorito, mentre Batkivshchyna è la forza partitica dell’ex-Premier Yulia Tymoshenko- che l’istigazione alla violenza nei confronti di chi padroneggia pubblicamente la lingua ucraina sono atti preoccupanti che violano gli accordi presi di recente a Ginevra tra Stati Uniti d’America, Unione Europea e Russia per assicurare la de-escalation della situazione in Ucraina.

Inoltre, il manipolo di separatisti che ha occupato le sedi dell’Amministrazione Locale, e che ha preteso l’indizione di un referendum per sancire l’annessione del Donbas alla Federazione Russa, è, secondo fonti ben accreditate, composto da agenti militari russi infiltrati in territorio ucraino per destabilizzare la regione facendo leva sulla questione linguistica, similmente a quanto già fatto da Mosca in Crimea.

A testimoniare l’assenza di sostegno politico ai separatisti da parte della popolazione del Donbas -e dunque l’appartenenza all’esercito russo se non di tutti gli appartenenti agli squadroni separatisti almeno di una loro larga parte- è una rilevazione pubblicata, sempre sabato, 19 Aprile, dall’Istituto Internazionale di Sociologia di Kyiv.

Secondo lo studio, circa il 70% degli abitanti delle regioni russofone -ma non russofile- dell’Ucraina si oppone all’annessione dell’Est ucraino alla Federazione Russa, né ritiene che i cittadini ucraini di lingua russa siano mai stati discriminati dal Governo di Kyiv.

A dare manforte ai separatisti nel Donbas è anche la massiccia presenza dell’esercito russo ai confini orientali dell’Ucraina, proprio a pochi chilometri da Donetsk, che, come riportato dall’autorevole Deutsche Welle, è stato confermato dall’Addetto Stampa del Presidente Putin, Dmitry Peskov.

Nello specifico, Peskov ha sottolineato come reparti dell’esercito russo siano stati appositamente dislocati a sostegno delle divisioni già presenti ai confini con l’Ucraina in seguito alle azioni militari dei separatisti nel Donbas.

Le dichiarazioni del rappresentante del Presidente Putin confermano quanto già da tempo rivelato dalla NATO che, sulla base di foto satellitari, ha evidenziato la presenza di 40 Mila oggetti militari russi ai confini dell’Ucraina, pronti ad un’immediata azione militare nel territorio ucraino.

Inoltre, le ammissioni di Peskov seguono quelle fatte dallo stesso Putin giovedì, 17 Aprile, quando il Presidente russo ha dichiarato che l’annessione armata alla Russia della Crimea è stata preceduta dall’occupazione della penisola ucraina da parte di reparti dell’esercito del Cremlino.

Non solo l’Ucraina: a rischio è sopratutto l’Europa

L’assenza di sostegno popolare ai separatisti del Donbas, i dati della rilevazione dell’Istituto Internazionale di Sociologia di Kyiv, e la presenza dell’esercito russo ai confini orientali dell’Ucraina sono sempre stati negati dalla propaganda russa che, potendo contare su un vasto sostegno nel Mondo, sopratutto da parte dei Paesi BRICS e da alcuni ambiti di estrema destra ed estrema sinistra in Europa Occidentale, ha propagandato menzogne per presentare gli ucraini come fascisti antisemiti che reprimono i propri concittadini russofoni.

A dare una lettura obiettiva, e preoccupante, dello scopo della propaganda russa è stato il Ministro degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, che, in un articolo sul Washington Post, ha sottolineato come la Russia sia intenzionata ad impedire in Ucraina l’attuazione delle riforme che il Governo provvisorio ha faticosamente avviato per adattare le strutture politiche ed economiche di Kyiv a quelle delle democrazie dell’Unione Europea.

Ancor più calzante è il parere espresso dal Direttore dell’autorevole Istituto Polacco di Affari Internazionali -PISM- Marcin Zaborowski, che ha sottolineato come a dovere temere le azioni militari di stampo imperialista attuate dalla Russia in Ucraina debbano anche essere Estonia, Lettonia e Lituania: Paesi UE dove vive una consistente minoranza russofona.

A confermare i timori del Direttore del PISM è la registrazione alla Duma russa di un Progetto di Legge che sancisce l’illegalità del dissolvimento dell’URSS: un fatto che, sul piano giuridico, autorizzerebbe Mosca a rivendicare il controllo Paesi baltici e, così, provocare lo smembramento del territorio dell’Unione Europea.

Matteo Cazzulani
Analista di politica dell’Europa Centro-Orientale
Twitter: @MatteoCazzulani

GAS: L’AUSTRALIA BATTE LA RUSSIA IN ISRAELE

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on December 5, 2012

Il colosso australiano Woodstock si aggiudica il 30% del giacimento Leviathan, e promette esportazioni di oro blu liquefatto in Asia ed Europa. Vinta la concorrenza del monopolista russo, Gazprom, interessato a controllare il serbatoio israeliano per impedire all’UE di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento energetiche.

I giacimenti israeliani Leviathan e Tamar

I giacimenti israeliani Leviathan e Tamar

Nella guerra del gas, Israele ha compiuto la sua scelta di campo: meglio l’occidentale Australia che la Russia neo-imperiale. Nella giornata di martedì, 4 Dicembre, il colosso energetico australiano Woodstock si è aggiudicato il 30% delle azioni per lo sfruttamento del giacimento Leviathan, ubicato nel Mar Mediterraneo, in acque territoriali israeliane.

Il colosso australiano, a cui spetta il compito di esportare il gas estratto dal Leviathan non solo in Australia, ma anche in Europa, ha battuto la concorrenza del colosso nazionale cinese CNOOC e del monopolista russo del gas, Gazprom.

Per mantenere la propria egemonia in campo energetico in Europa, la Russia è stata da sempre interessata al controllo di un giacimento di oro blu di fondamentale importanza per gli assetti geopolitici della regione e dell’Unione Europea.

Come riporta Gazeta Wyborcza, il Leviathan contiene 481 Miliardi di metri cubi di gas, tanto da coprire il fabbisogno di Israele per un decennio.

La crescente domanda di gas da parte dell’Unione Europea ha spinto Israele, in partnership con Grecia e Cipro, a presentarsi a Bruxelles come una possibile fonte di approvvigionamento alternativa al quasi monopolio della Russia, le cui forniture coprono il 40% del fabbisogno totale UE.

Con la vendita del 30% delle azioni del Leviathan al colosso australiano Woodstock, che gestirà il giacimento in partnership con la compagnia USA Noble Energy, e con le israeliane Delek Drilling, Avner Oil Exploration e Ratio Oil Exploration, Israele ha risolto solo una delle tre contese energetiche a cui è chiamato a fare fronte.

Libano e Palestina ancora questioni irrisolte

Ancora aperto resta infatti il contenzioso con il Libano, che, similmente ad Israele, ha avviato un programma di trivellazione dei fondali delle acque territoriali libanesi per la ricerca giacimenti di gas naturale.

La questione energetica ha riaperto la definizione dei confini tra le acque territoriali libanesi e quelle israeliane, su cui un accordo definivo non è ancora stato trovato.

Come riportato dal Washington Post, Cipro, presidente di turno dell’Unione Europea, ha offerto la propria mediazione affinché le parti raggiungano un accordo pacificamente.

Un altro fornite caldo che Israele si trova ad affrontare è quello palestinese, poiché Tel Aviv è intenzionato a ricercare giacimenti di gas anche al largo della Striscia di Gaza.

Come riportato da Natural Gas Asia, all’inizio di Ottobre il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, grazie alla mediazione dell’Inviato Speciale ONU, Tony Blair, per il riconoscimento alla Palestina di royalties sui giacimenti al largo di Gaza.

La recente escalation di violenze che ha contrassegnato i rapporti israelo-palestinesi ha bloccato l’operazione, che, ad oggi, resta congelata in attesa di una risoluzione ancor lontana dall’essere concordata.

Matteo Cazzulani