LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Politica USA: il Senato approva il Keystone XL

Posted in USA by matteocazzulani on January 30, 2015

Una maggioranza bipartisan di repubblicani e centristi democratici approva la realizzazione dell’oleodotto concepito per veicolare olio crudo sabbioso dal Canada al Texas attraverso il centro degli Stati Uniti. Il Capogruppo repubblicano al Senato, Mitch McConnell, invita alla firma del provvedimento il Presidente statunitense, Barack Obama, che invece ventila l’ipotesi di veto

Philadelphia – 3 settimane per una mozione e più di 40 emendamenti da esaminare è quanto il Senato degli Stati Uniti d’America ha impegnato per giungere all’approvazione della realizzazione del Keystone XL, oleodotto progettato dal colosso energetico Trans Canada per veicolare 800 Mila barili di olio crudo sabbioso dallo stato dell’Alberta, in Canada, al Texas attraverso Montana, North Dakota, South Dakota, Nebraska, Illinois, Kansas, Missouri e Louisiana.

Come riportato da Politico, nella giornata di giovedì, 29 Gennaio, 62 senatori, tra repubblicani e centristi democratici, hanno votato a favore del provvedimento, contro 36 democratici liberali fortemente contrari alla realizzazione del Keystone XL.

L’approvazione della mozione, avvenuta dopo che, nella giornata di lunedì, 26 Gennaio, la maggioranza bipartisan di repubblicani e centristi democratici ha mancato i numeri per approvare il documento, porta ora la realizzazione del Keystone XL direttamente sulla scrivania del Presidente Barack Obama, un democratico liberale che ha già fatto sapere di essere orientato a porre il veto sul provvedimento.

Tuttavia, un gruppo ristretto di senatori sta valutando l’ipotesi di rinviare il provvedimento così come emendato al Senato alla Camera dei Rappresentanti, dove una mozione sulla realizzazione del Keystone XL è stata approvata ad ampia maggioranza.

Subito dopo l’approvazione, il Capogruppo repubblicano al Senato, Mitch McConnell, ha invitato il Presidente Obama ad accettare il voto del Senato per realizzare un’infrastruttura necessaria per creare posti di lavoro ed incrementare la sicurezza energetica degli Stati Uniti.

Secondo quanto riportato dall’autorevole Reuterse, l’Amministrazione Obama, che in passato ha dubitato circa la reale capacità del Keystone XL di creare nuovi posti di lavoro, ha ritenuto necessario lasciare l’ultima parola sull’approvazione dell’oleodotto al Dipartimento di Stato, che ancora si deve pronunciare in merito alla fattibilità dell’opera.

Un oleodotto che divide

Come ritenuto dai sostenitori dell’iniziativa -repubblicani e centristi democratici- la realizzazione del Keystone XL non solo permetterebbe la realizzazione di nuovi posti di lavoro e l’incremento della sicurezza energetica degli Stati Uniti, ma rinsalderebbe le relazioni tra USA e Canada in uno scenario globale in cui la Comunità Trans Atlantica necessita di unità e coesione, sopratutto sul piano energetico.

I contrari al gasdotto -democratici liberali ed ambientalisti- contestano invece il fatto che il Keystone XL provocherebbe l’incremento dello sfruttamento del greggio in un’era in cui gli Stati Uniti d’America si sono impegnati a contrastare il surriscaldamento globale.

Matteo Cazzulani
Analista di Tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

2015/01/img_05391.jpg

Advertisements

Politica USA: Obama si prende la rivincita al Senato sul Keystone XL

Posted in USA by matteocazzulani on November 19, 2014

Un fronte trasversale di repubblicani e democratici centristi non riesce ad ottenere i 60 voti necessari per approvare la realizzazione dell’oleodotto concepito dalla Trans Canada per trasportare negli Stati Uniti olio crudo dal Canada. Contrari all’infrastruttura la sinistra dei democratici e il Presidente degli Stati Uniti

È mancato un voto perché al Senato i repubblicani potessero infliggere la prima sconfitta politica al Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, dopo il tracollo dei democratici alle Elezioni di Mid-Term. Nella giornata di martedì, 18 Novembre, una maggioranza trasversale di 59 senatori, 45 repubblicani e 14 democratici, non è riuscita a raggiungere la quota di 60 voti necessaria per approvare in definitiva la realizzazione dell’oleodotto Keystone XL.

Questa infrastruttura, concepita dal colosso energetico Trans Canada per un investimento massimo di 8 miliardi di Dollari, è stata sostenuta dai repubblicani e dalla parte centrista dei democratici per diversificare le forniture di greggio e diminuire la dipendenza da Venezuela e Paesi Arabi, veicolando olio crudo dallo stato canadese dell’Alberta fino in Texas.

Di contro, la parte più a sinistra dei democratici si è opposta al Keystone XL perché ritenuto dannoso per l’ambiente ed inutile a limitare le emissioni inquinanti contro cui l’Amministrazione Obama ha promesso di lottare negli ultimi due anni alla guida degli USA.

Il respingimento del Keystone XL rappresenta una vittoria della sinistra dei democratici, dopo che venerdì, 14 Novembre, la maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti ha approvato a larga maggioranza la realizzazione dell’oleodotto.

A dare un contributo alla risicata vittoria della sinistra dei democratici è stato lo stesso Obama, che, come riportato dall’autorevole Reuters, ha fatto sapere di essere intenzionato a porre il veto al provvedimento qualora in Senato il fronte trasversale favorevole all’infrastruttura avesse trovato i 60 voti necessari per approvare il provvedimento in definitiva.

Come riportato da Politico, la vittoria della sinistra dei democratici può tuttavia tramutarsi in un boomerang elettorale, dal momento in cui, dal prossimo mese di Gennaio, la maggioranza repubblicana sia alla Camera dei Rappresentanti che al Senato avrà la possibilità di approvare il provvedimento con un ampio vantaggio.

Inoltre, il sostegno dato all’oleodotto da parte di una nutrita pattuglia di democratici al Congresso ha incrementato l’opposizione da parte delle associazioni ambientaliste che da tradizione, sostengono fortemente i candidati della del Partito Democratico nei vari stati.

I democratici verso una sconfitta anche in Louisiana

Chi, tuttavia, rischia di pagare il prezzo più alto per la sconfitta del fonte pro-Keystone XL è la Senatrice democratica della Louisiana Mary Landrieu, chiamata ad affrontare al ballottaggio delle Elezioni di Mid-Term per un seggio al Senato il repubblicano Bill Cassidy: attuale esponente della Camera dei Rappresentanti, relatore del provvedimento per la realizzazione dell’oleodotto approvata la scorsa settimana.

Per privare l’esponente repubblicano del merito di sostenere un’infrastruttura necessaria per l’interesse nazionale della Louisiana, la Landrieu ha fatto lobby su un alto numero di esponenti democratici affinché appoggiassero la sua proposta di legge per l’approvazione del Keystone XL al Senato.

Tuttavia, l’opera di persuasione della Landrieu ha finito per lambire il risultato di portare l’infrastruttura a completa approvazione prima che ad appropriarsi dell’intero merito dell’approvazione del Keystone XL siano solo i repubblicani.

Matteo Cazzulani
Analista Politico di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0359.JPG

Politica USA: ai repubblicani il primo round sul Keystone XL

Posted in USA by matteocazzulani on November 15, 2014

La Camera dei Rappresentanti approva il progetto per la realizzazione dell’oleodotto che veicola olio crudo dal Canada al Texas con il voto compatto dei repubblicani e di una parte dei democratici. La corsa per il ballottaggio delle Elezioni di Mid-Term in Louisiana tra il conservatore Cassidy e la liberale Landrieu sullo sfondo del voto sul Keystone XL

Philadelphia – Le sorti dell’Amministrazione Presidenziale di Barack Obama appese ad un oleodotto tanto dibattuto e capace di dividere in due i democratici. Nella giornata di venerdì, 14 Novembre, la Camera dei Rappresentanti del Congresso statunitense ha approvato la realizzazione dell’oleodotto Keystone XL: un’infrastruttura concepita dal colosso energetico Trans Canada per veicolare olio crudo dalle pianure desertiche dello Stato canadese dell’Alberta fino alle raffinerie degli Stati Uniti ubicate in Texas.

A favore del provvedimento hanno votato 252 Rappresentanti, tra cui tutti i repubblicani e 31 democratici. Contrari, invece si sono espressi 161 membri della Camera -tutti democratici- mentre un repubblicano si è astenuto.

L’esito della votazione rappresenta lo schieramento di forze in merito all’infrastruttura, che vede da un lato l’ampio sostegno dei conservatori, che ritengono necessario costruire il Keystone XL per creare nuovi posti di lavoro, diversificare le forniture di olio degli USA per decrementare le importazioni da Venezuela e Paesi arabi e, di conseguenza, abbassare il prezzo dell’energia per la popolazione.

Dall’altro, invece, i liberali si sono presentati spaccati, con la parte più a sinistra contraria alla realizzazione dell’oleodotto perché ritenuto insufficiente per decrementare il prezzo dell’energia ed inutile per contrastare il surriscaldamento globale dovuto all’eccessivo consumo di combustibili fossili.

La fazione più centrista dei democratici ha invece condiviso l’idea di realizzare al più presto l’infrastruttura per aumentare l’occupazione degli Stati interessati, tra cui la Louisiana, dove la candidata dei liberali Mary Landrieu è chiamata a fronteggiare il Rappresentante repubblicano Bill Cassidy nel ballottaggio delle Elezioni di Mid-Term per il Senato.

Proprio la Landrieu, per ottenere consenso in uno stato tradizionalmente repubblicano, ha invitato i suoi colleghi democratici alla Camera a sostenere il Keystone XL, e si è proposta come relatrice del provvedimento al Senato, dove la maggioranza appartiene, ancora per poche sessioni, ai liberali.

Tuttavia, come riportato dall’autorevole Politico, la legge approvata alla Camera dei Rappresentanti ha come primo firmatario Cassidy, il rivale nel ballottaggio in Louisiana della Landrieu, che così, si è vista vanificare il credito che ha pensato di capitalizzare agli occhi dei suoi elettori.

Dopo il passaggio alla Camera, il provvedimento sul Keystone XL passa al Senato, dove, secondo i pronostici, l’oleodotto dovrebbe essere approvato con il voto favorevole di 59 senatori, tra cui 14 democratici e tutti i repubblicani.

Infine, l’ultimo soglio resta quello dell’Amministrazione Presidenziale, in quanto il Presidente Obama ha lasciato intendere di essere orientato ad avvalersi del diritto di veto per bloccare il provvedimento.

Duello tra Boehner e Obama a distanza

Proprio a riguardo del possibile veto del Presidente è stato improntato il commento dello Speaker della Camera dei Rappresentanti, John Boehner, che ha invitato Obama a non opporsi ad un provvedimento voluto dalla maggioranza degli americani che diversifica le forniture di energia per il Paese.

Di diverso avviso, invece, si è detto Obama, che, come riportato dalla Reuters, durante una conferenza stampa in Birmania con la leader dell’Opposizione Democratica Aung San Suu Kyi si è detto perplesso in merito alla reale capacità dell’oleodotto di creare posti di lavoro, né di abbassare i costi dell’energia.

A spezzare una lancia in favore di Obama è la considerazione che l’esportazione di olio crudo in Texas sarà utilizzata per incrementare le esportazioni statunitensi, e non per il mercato interno.

Tuttavia, va anche considerato che l’incremento della quantità di olio importata può portare ad una minore spesa per le importazioni, e quindi ad un minore sovraccarico sulle spalle della popolazione.

Matteo Cazzulani
Analista di Tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0357.PNG