LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

MOLDOVA: LA CRISI DI GOVERNO ALLONTANA IL PAESE DALL’UE

Posted in Moldova by matteocazzulani on February 17, 2013

Il Primo Ministro moldavo sancisce la fuoriuscita del suo Partito Liberal-Democratico dalla coalizione di Governo, composta anche dal Partito Liberale e dal Partito Democratico. La crisi di maggioranza mette in forse il processo di integrazione di Chisinau nell’Unione Europea

Un’impasse che pone un punto interrogativo sulla continuazione del processo di integrazione della Moldova nell’Unione Europea. Nella giornata di mercoledì, 13 Febbraio, il Premier moldavo, Vlad Filat, ha annunciato la fuoriuscita della sua forza politica, il Partito Liberal-Democratico, dalla coalizione di Governo.

Il Premier Filat ha accusato i partner di maggioranza, il Partito Liberale e il Partito Democratico, di oligarchizzare il Paese e contrastare le riforme in cantiere, ed ha chiesto per questo un immediato voto di fiducia per verificare la reale intenzione da parte dei singoli parlamentari della coalizione di governo -l’Alleanza per l’Integrazione Europea- di permanere alla guida del Paese.

Nello specifico, il Premier Filat ha accusato il Vice Presidente del Parlamento, Vladimir Plahotniuc, di rallentare l’azione del Governo bloccando l’approvazione delle linee guida emanate dal Consiglio dei Ministri.

Pronta è stata la risposta del Presidente della Moldova, Nicolae Timofti, che ha avvisto le consultazioni con i Leader dei gruppi politici presenti in Parlamento.

I Capi del Partito Liberale e del Partito Democratico hanno ventilato possibili elezioni anticipate, mentre il Partito Comunista -il principale soggetto dell’opposizione- ha accusato la maggioranza di incapacità governativa.

L’Alleanza per l’Integrazione Europea vanta l’approvazione di riforme che hanno portato la Moldova in linea con gli standard richiesti dall’Unione Europea per l’avvio del processo di ratifica dell’Accordo di Associazione: documento con cui Bruxelles riconosce a Chisinau lo status di partner privilegiato dell’UE in campo economico e politico.

In particolare, l’UE ha apprezzato i passi in avanti compiuti dalla Moldova sul piano politico ed economico, anche se molto resta ancora da fare in materia di lotta alla corruzione.

Grazie all’attività dinamica dell’Alleanza per l’Integrazione Europea -e al regresso democratico impresso a Kyiv dal Presidente ucraino, Viktor Yanukovych- la Moldova ha sottratto all’Ucraina il primo posto tra i Paesi candidati alla firma dell’Accordo di Associazione con l’UE.

Rallentata anche l’Integrazione energetica con l’UE

Differente la posizione della Moldova sul piano energetico, poiché Chisinau, di concerto con l’Unione Europea, ha congelato per due anni l’Approvazione del Terzo Pacchetto Energetico: legge UE che stabilisce l’integrazione di Chisinau nel mercato europeo dell’energia.

A motivare lo stop è stato il mancato rinnovo degli accordi con la Russia per l’importazione di gas.

La Moldova ha tuttavia assicurato l’intenzione non solo di approvare in breve tempo il Terzo Pacchetto Energetico UE, ma di giuocare un ruolo attivo nel sostenere i piani varati dalla Commissione Europea per diminuire la dipendenza dall’oro blu russo attraverso l’importazione diretta di carburante dall’Azerbaijan e di LNG da Qatar, Norvegia, Egitto e Stati Uniti d’America.

Matteo Cazzulani

Una visita della Merkel avvicina la Moldova all’Unione Europea

Posted in Moldova, Unione Europea by matteocazzulani on August 26, 2012

Il Cancelliere tedesco applaude ai progressi in ambito democratico compiuti da Chisinau, e conferma la buona strada intrapresa dalle Autorità moldave per la firma dell’Accordo di Associazione con l’UE. A favorire tale posizione e Stato anche il regresso democratico in Ucraina, che ha allontanato Kyiv da Bruxelles

Chisinau e sulla buona strada, anche se i chilometri da percorrere per raggiungere l’Europa sono ancora molti. Nella giornata di martedì, 22 Agosto, il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha compiuto una visita ufficiale in Moldova, durante la quale la Leader della Germania ha confermato la prospettiva europea di Chisinau.

Nello specifico, la Merkel, che ha incontrato il Primo Ministro moldavo, Vladimir Filat, e il Presidente, Nicolae Timofti ha affrontato diverse tematiche, come la lotta alla corruzione, le riforme in senso economico e democratico, e la questione della Transnistria.

Il Cancelliere tedesco ha espresso soddisfazione per le riforme attuate da Chisinau in linea con quanto suggerito dall’Unione Europea. Secondo la Merkel, questo fatto posiziona di diritto la Moldova in prima fila tra i Paesi della Politica di Partenariato Orientale UE candidati all’ottenimento dell’Accordo di Associazione: documento con cui Bruxelles riconosce lo status di partner privilegiato, e vara una Zona di Libero Scambio con il Paese cofirmatario.

Positive sono state le reazioni da parte moldava, che ha giudicato la mezza giornata trascorsa dalla Merkel come un via libera ad un’integrazione nell’UE che la coalizione di Governo liberal-democratica – nominata per l’appunto Alleanza per l’Integrazione Europea – ha posto in cima alla sua agenda.

Con una nota, il Ministero degli Esteri di Chisinau ha dichiarato soddisfazione per il sorpasso compiuto dalla Moldova ai danni dell’Ucraina tra i Paesi in attesa della concessione dell’Accordo di Associazione.

La Diplomazia moldava ha infatti ricordato come, nel Dicembre 2011, gli arresti politici compiuti in Ucraina da parte del Presidente Viktor Yanukovych abbiano comportato il congelamento della firma del documento, e, de facto, depennato Kyiv tra le priorità della politica estera di Bruxelles.

Come sancito dall’ultimo vertice del Partenariato Orientale di Varsavia, la prospettiva di allargamento dell’UE ai Paesi dell’Europa Orientale – Ucraina, Moldova e Georgia – resta una priorità della politica estera UE, nonostante la crisi economica interna alla zona euro.

Dopo la condanna al carcere inflitta per motivi politici alla Leader dell’Opposizione Democratica ucraina, Yulia Tymoshenko, l’Unione Europea anziché l’Ucraina ha preferito concentrare gli sforzi per l’integrazione con Bruxelles di Moldova e Georgia.

Chisinau ha compiuto progressi notevoli in ambito democratico, ma ancora deve realizzare molto per adattare le sue strutture economiche a quelle dell’Unione Europea. Tbilisi, al contrario, ha registrato eccellenti progressi in ambito economico, ma registra problematiche di carattere democratico che, tuttavia, il Presidente Mikheil Saakashvili ha promesso di realizzare nel breve termine.

Una ragione energetica

Ucraina, Moldova e Georgia sono tre Paesi di importanza fondamentale per l’Unione Europea sul piano energetico e geopolitico. Kyiv, Chisinau e Tbilisi sono infatti indispensabili per la costruzione delle infrastrutture necessarie all’importazione di gas centro-asiatico direttamente in Europa, consentendo di diminuire la dipendenza dell’UE dall’oro blu della Russia.

Tra i progetti in cantiere figurano in particolare il Corridoio Meridionale – fascio di gasdotti deputati al trasporto del gas dall’Azerbajdzhan e dal Turkmenistan fino all’Europa attraverso la Georgia – il progetto AGRI – varato per inviare oro blu centro-asiatico in Unione Europea via terra fino al porto georgiano di Poti, e poi via mare in Ucraina, Moldova e al porto romeno di Costanza – e il Gasdotto White Stream – progettato dalla Georgia all’Ucraina, oppure dalla Georgia alla Romania, per veicolare in UE carburante non-russo.

L’integrazione con Bruxelles dei tre Paesi dell’Europa Orientale consente inoltre al Vecchio Continente di evitare il consolidamento nello spazio ex-sovietico della Federazione Russa, che con l’arma del gas, e – come avvenuto in Georgia nell’Agosto 2008 – anche con la forza militare, e intenzionata a ricreare un suo impero per permettere a Mosca di giuocare in ambito internazionale un ruolo di superpotenza perso dai tempi dell’Unione Sovietica

Matteo Cazzulani

MOLDOVA: LA RUSSIA CAMBIA IDEA SULLA TRANSNISTRIA

Posted in Moldova by matteocazzulani on August 3, 2012

Durante una visita ufficiale, il Viceministro degli esteri russo, Grygoriy Karasin, esprime il sostegno di Mosca all’integrità territoriale di Chisinau. Geopolitica e gas dietro al mutamento di posizione del Cremlino sulla questione della regione separatista moldava

Il Presidente russo, Vladimir Putin

Secondo l’interesse geopolitico di Mosca la Transnistria val bene una Moldova. Nella giornata di sabato, 28 Luglio, il Viceministro degli Esteri della Federazione Russa, Grygorij Karasin, ha espresso il sostegno ufficiale della Russia all’integrità territoriale della Moldova.

Come riportato dal Kommersant”, Karasin ha reso noto la nuova posizione di Mosca circa la questione della Transnistria durante una visita a Tiraspoli, organizzata in occasione del ventennale dall’inizio della missione militare russa nella regione separatista del Mar Nero. Le dichiarazioni del Viceministro degli Esteri russo sono state anticipate da un incontro bilaterale con il Presidente della Moldova, Nicolae Timofti.

Tra i due, le posizioni in merito alla Transnistria sono rimaste nella forma ancora molto lontane, con i russi favorevoli al mantenimento dell’esercito russo nei territori separatisti, ed i moldavi a sostegno di un’evoluzione della presenza militare in una missione civile. Tuttavia, nella sostanza le aperture di Mosca all’integrità territoriale della Moldova hanno avvicinato Mosca alla posizione di Chisinau e della Comunità Internazionale.

Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, la Transnistria ha dichiarato la propria indipendenza dalla Moldova e, ad oggi, dopo un breve conflitto armato nel 1992, resta un territorio dallo status politico irrisolto. I locali, sostenuti militarmente e politicamente dalla Russia, hanno autoproclamato una Repubblica Presidenziale con tanto di organi di governo ed esercito.

La Moldova, appoggiata dall’Europae dalla Comunità Internazionale, riconosce alla Transnistria solo una forte autonomia, ma non la totale indipendenza della fetta di territorio che collega la riva sinistra del fiume Nistro all’Ucraina. A dare adito alle ambizioni separatiste della Transnistria è la Russia, che, dalla fine del conflitto del 1992, ha posizionato un proprio contingente militare con il pretesto di garantire il coprifuoco e il mantenimento dell’ordine nell’area a conflitto concluso.

Chisinau ha ritenuto la presenza dei carri armati russi sul proprio territorio un’occupazione militare, mentre la Comunità Internazionale ha più volte invitato Mosca ad abbandonare quella che nella risoluzione NATO del 2008 è stata considerata come una “regione autonoma della repubblica di Moldova”.

Preso atto di tale background storico, la posizione espressa da Karasin rappresenta dunque un cambiamento di fronte radicale, motivato da tre ragioni di carattere politico interno alla Transnistria, geopolitico ed energetico.

Nelle ultime Elezioni Presidenziali della Transnistria, avvenute il 25 Dicembre 2011, il candidato alla sostenuto da Mosca, Anatoliy Kaminski è stato sconfitto dall’ex-Speaker del Parlamento della Transnistria, Yevgeny Shevchuk.

L’insuccesso della candidatura supportata dai russi ha portato la Federazione Russa a riconsiderare l’opportunità di continuare ad appoggiare apertamente l’indipendenza della Regione moldava, e, per questa motivazione, a mantenere alto uno scontro aspro con la Comunità Internazionale.

La seconda motivazione tiene conto di un enjeu geopolitico di più ampio respiro: il sostegno all’integrità territoriale della Moldova può essere una moneta di scambio con cui la Russia intende costringere Chisinau ad abbandonare ogni progetto di integrazione nella NATO e nell’unione Europea.

La coalizione liberal-democratica al potere in Moldova – l'”Alleanza per l’Integrazione Europea” – ha posto l’ingresso di Chisinau nell’UE e nell’Alleanza Atlantica come obiettivo principale della propria azione di governo, e le scelte del Primo Ministro, Vlad Filat, hanno portato un netto miglioramento sul piano della democrazia che ha consentito ai moldavi di scavalcare l’Ucraina di Yanukovych nella lista dei Paesi con cui Bruxelles ha intenzione di firmare un Accordo di Associazione.

Tuttavia, il venir meno dell’appoggio russo all’indipendenza della Transnistria, e la conseguente risoluzione di un’annosa questione che Chisinau sta cercando in tutti i modi di risolvere per garantire la propria sicurezza nazionale, è sicuramente accolto in Moldova con estremo favore, e le Autorità moldave facilmente potrebbero accettare la rinuncia al vettore euro-atlantico qualora Mosca lo richiedesse come moneta di scambio sulla questione transnistra.

Il gas dietro la partita in Transdnistria

La motivazione geopolitica ben si collega con le ragioni di carattere energetico. La Moldova appartiene alla Comunità Energetica Europea: un’Unione Europea dell’energia che prevede entro pochi anni il varo di una politica del gas comune del Vecchio Continente e, sopratutto, la messa in comunicazione di tutte le infrastrutture energetiche dei Paesi membri.

La Moldova ha iniziato i lavori per la messa in comunicazione dei gasdotti nazionali con quelli della Romania, e l’Alleanza per l’Integrazione Europea in più di un’occasione ha espresso pieno appoggio alla politica energetica dell’UE mirante a garantire il trasporto diretto nel Vecchio Continente di gas proveniente dall’Asia Centrale.

Il mutamento della posizione della Russia sulla Transnistria potrebbe spingere Chisinau a sospendere la partnership nella Comunità Energetica Europea, e a sostenere i progetti energetici con cui Mosca sta cercando di impossibilitare all’Europa l’accesso diretto ai giacimenti di gas ubicati in Azerbajdzhan e in Turkmenistan.

Oltre che con la costruzione del Southstream – gasdotto sottomarino progettato per rifornire direttamente l’Europa Occidentale di gas russo – la Russia sta contrastando la creazione di un sistema infrastrutturale unico dell’Unione Europea facendo leva sull’appoggio economico dei colossi energetici del Vecchio Continente – la francese EDF, la tedesca E.On e l’italiana ENI – e sul sostegno politico dei paesi dell’Europa Occidentale – Germania, Francia e Italia – che al benessere generale dell’UE preferiscono anteporre il proprio tornaconto nazionale basato su accordi bilaterali con la Russia.

La Moldova, seppur piccola e non ancora parte dell’UE, rappresenta una casella fondamentale nella contesa in corso tra Russia ed Unione Europea. La fuoriuscita di Chisinau dalla Comunità Energetica del Vecchio Continente, e la rinuncia ai progetti di integrazione euro-atlantici, rappresenterebbe un duro colpo per l’interesse europeo, e per i tentativi dell’Europa di consolidare la propria posizione sullo scacchiere geopolitico.

D’altro canto, con l’ingresso della Moldova nella propria sfera di influenza, la Russia certificherebbe la propria egemonia nello spazio ex-sovietico, e sarebbe più vicina all’acquisizione dello status di superpotenza mondiale e di principale competitor su scala globale della Cina e degli Stati Uniti d’America.

Matteo Cazzulani

GAS ED EUROPA: ROMANIA E MOLDOVA RAFFORZANO LE RELAZIONI BILATERALI

Posted in Moldova by matteocazzulani on July 21, 2012

In una visita ufficiale a Chisinau, il Premier romeno, Victor Ponta, e il suo collega moldavo, Vlad Filat, avviano la costruzione di un gasdotto in grado di collegare i sistemi infrastrutturali energetici dei due Paesi, e garantire, così, la sicurezza degli approvvigionamenti energetici. Bucarest rinnova il sostegno politico all’integrazione UE del Paese vicino

 

Il primo ministro moldavo, Vlad Filat

L’integrazione europea dei Paesi dell’Europa Orientale non è solo una questione politica, ma sopratutto energetica. A dimostrarlo è stato l’incontro ufficiale a Chisinau lo scorso martedì, 17 Luglio, tra i Primi Ministri di Moldova e Romania, Vlad Filat e Victor Ponta, in cui i due Paesi hanno rafforzato i legami bilaterali partendo proprio da una delle questioni più importanti per i Paesi del Vecchio Continente: l’approvvigionamento di gas.

Come riportato dall’agenzia Interlic, Filat e Ponta hanno formato l’accordo per l’avvio della costruzione del gasdotto Ungheni-Jassy: una conduttura, finanziata per 20 Milioni di Euro dalla Commissione Europea, 11 Milioni di Euro dalla Romania, e 9 Milioni di Euro dalla Moldova, finalizzata alla messa in comunicazione dei sistemi infrastrutturali energetici dei due Paesi.

Secondo quanto dichiarato al momento della presentazione del progetto alla stampa, il gasdotto ha lo scopo di garantire l’approvvigionamento di gas ai due Paesi da possibili interruzioni del flusso di oro blu da parte della Russia.

Tuttavia, proprio i russi ad oggi detengono il quasi monopolio del gas utilizzato da Bucarest e Chisinau: per questa ragione, cruciale per il funzionamento dell’Ungheni-Jassy è la realizzazione dei progetti della Commissione Europea finalizzati al trasporto di oro blu dal Centro Asia nel Vecchio Continente.

Oltre all’importante gasdotto, la cui entrata in funzione è prevista nel breve tempo, Filat e Ponta hanno varato un piano per la costruzione delle linee elettriche Sucava-Belt e Felciu-Gotest, in grado di trasportare da un Paese all’altro rispettivamente 400 Kb e 100 Kb.

Successivamente alla parte energetica, il Primo Ministro romeno ha incontrato anche il Presidente moldavo, Nicolae Timofti, e lo Speaker del Parlamento, Marian Lupu, a cui ha ribadito il fermo sostegno della Romania alle ambizioni euroatlantiche della Moldova.

Per favorire il processo di integrazione di Chisinau nell’UE, le parti hanno firmato un protocollo per la collaborazione in campo giudiziario, e la Romania ha dato il via libera all’erogazione di 5 Mila borse di studio triennali per studenti moldavi.

La Moldova in prima fila per l’integrazione europea

Le dichiarazioni di Ponta hanno un significato notevole, dal momento in cui testimoniano come, nonostante il cambio di colore del governo a Bucarest – Ponta è Leader di una coalizione socialista-liberale, da poco subentrata a un Governo a maggioranza popolare – la collocazione geopolitica nel Vecchio Continente di Chisinau rappresenta una priorità per l’attività diplomatica della Romania.

L’incontro ha avuto particolare rilievo anche per la Moldova, che ha visto confermato il sostegno politico di Bucarest, necessario per portare a termine il processo di integrazione nell’Unione Europea.

A tal proposito, è opportuno ricordare come, di recente, la Commissione Europea abbia posto proprio la Moldova in cima ai Paesi dell’Europa Orientale candidati all’ottenimento dell’Accordo di Associazione: un documento con cui Bruxelles concede lo status di partner privilegiato, oggi goduto da Norvegia, Svizzera e Islanda.

A favorire la promozione della Moldova sono i progressi effettuati dal Governo Filat in ambito politico, e il parallelo regresso della democrazia in Ucraina, dove dalla salita al potere del Presidente, Viktor Janukovych, il Paese sta assumendo una posizione molto più simile alla Bielorussia di Lukashenka.

Infatti, gli esponenti dell’Opposizione Democratica sono sistematicamente rinchiusi in carcere per motivi politici, e i media indipendenti sono privati della possibilità di diffondere informazioni non filtrate dalle Autorità.

Matteo Cazzulani

DALIJA GRYBAUSKAITE INCONTRA JULIJA TYMOSHENKO: “TRA UNIONE EUROPEA E UCRAINA E’ CRISI PROFONDA”

Posted in Ukraina by matteocazzulani on May 12, 2012

La Presidente lituana, in visita alla Leader dell’Opposizione Democratica presso la cella della colonia penale in cui è detenuta, rassicura parzialmente sulle condizioni di salute dell’eroina della Rivoluzione Arancione. A colloquio con il Presidente ucraino, Viktor Janukovych, esprime perplessità sullo stato delle relazioni tra Kyiv e l’UE

La Presidente lituana, Dalija Grybauskaite, e la Leader dell’opposizione Democratica ucraina, Julija Tymoshenko

Lo stato di salute della Leader dell’Opposizione Democratica ucraina è critico e la situazione dei rapporti euro-ucraini è in profonda crisi. Questo quanto risultato dalla visita in Ucraina della Presidente lituana, Dalija Grybauskaite, che nella giornata di venerdì, 11 Maggio, si è recata a Kharkiv per incontrare l’ex-Primo Ministro, Julija Tymoshenko, nella cella della colonia penale dov’è detenuta.

Il colloquio con la Leader dell’Opposizione Democratica – che la Grybauskaite ha saputo ottenere dopo una delicata azione diplomatica – è durato una quarantina di minuti, nel corso dei quali le due donne hanno discusso esclusivamente sullo stato di salute della detenuta ucraina.

“Lo stato d’animo di Julija Tymoshenko è buono, se si giudica che è appena uscita da uno sciopero della fame di quasi due settimane – ha dichiarato la Grybauskaite ai giornalisti – il suo morale è alto, e non si lamenta di nulla. Al contrario, è soddisfatta per le cure ricevute dal medico tedesco di sua fiducia”.

Nonostante le impressioni positive sullo stato d’animo della Tymoshenko, la Presidente lituana ha evidenziato come il Dottore tedesco, Lutz Harms, sia tutt’altro che ottimista. A colloquio con la Grybauskaite, egli ha illustrato come la detenzione della paziente non permetta la totale riabilitazione della Tymoshenko e la riuscita del programma di cure che da pochi giorni ha iniziato a intraprendere.

Dopo l’incontro con la Leader dell’Opposizione Democratica, la Presidente lituana ha incontrato a Kyiv il suo collega ucraino, Viktor Janukovych, a cui ha espresso la possibilità reale che le politiche autoritarie operate dalla sua Amministrazione acarico della Tymoshenko e di altri esponenti del campo arancione possano portare l’Ucraina all’autoisolamento internazionale.

“Se non saranno concesse garanzie di cure mediche ai detenuti politici ed il riconoscimento di pari diritti sul modello di quelli occidentali, L’Ucraina resterà isolata dal resto dell’Europa – ha dichiarato la Grybauskaite al termine dell’incontro con Janukovych – l’opinione dell’UE nei confronti di Kyiv è molto severa, e così sarebbe stato nei confronti di ogni altro Paese in una situazione simile a quella ucraina”.

Janukovych guarda alla Russia

Dal canto suo, Janukovych è apparso su posizioni opposte a quelle esposte dalla Grybauskaite: determinato a non concedere sconti all’Opposizione Democratica, disposto ad accettare un inasprimento delle relazioni con l’Europa, e convinto ad implementare quelle con la Russia.

Come dichiarato nel corso dell’incontro con il Capo di Stato della Moldova, Nicolae Timofti – avvenuto poche ore prima di quello con la Presidente lituana – una Pausa nel dialogo tra Ucraina e UE è, dal suo punto di vista, auspicabile dinnanzi alla situazione politica attuale.

“Una pausa nel dialogo sarà positiva sia per l’Ucraina che per l’Europa – ha sottolineato Janukovych – Siamo consapevoli della permanenza di certi problemi, ma non occorre politicizzarli per innalzare lo scontro”.

Altresì, il Presidente ucraino ha confermato la partecipazione del suo Paese al summit dell’Unione Eurasiatica: progetto di integrazione interstatale, verso il quale Kyiv ha espresso pieno interesse.

Concepito a immagine e somiglianza dell’Unione Europea, esso è un escamotage elaborato dalla Russia di Putin per ristabilire l’egemonia politica ed economica del Cremlino nell’area dell’ex-Unione Sovietica, con il preciso scopo di escludere l’UE – e più in generale l’Occidente – dalla competizione planetaria in un Mondo sempre più globalizzato.

Lecito ricordare che in seguito alla notizia delle percosse subite dalla Tymoshenko nella sua cella – avvalorate da diverse fotografie – i Presidenti di Repubblica Ceca, Croazia, Estonia, Lettonia, Ungheria, Bulgaria, Bosnia Erzegovina, Albania, Austria e Montenegro hanno disertato il vertice dei Paesi dell’Europa Centrale in programma a Jalta, in Ucraina, mentre i governi di Germania, Austria, Paesi Bassi, Belgio e Spagna hanno dichiarato la volontà di boicottare i campionati europei di calcio del 2012, che l’Amministrazione ucraina organizzerà insieme con quella polacca.

Matteo Cazzulani

JULIJA TYMOSHENKO: BRONISLAW KOMOROWSKI LANCIA UN APPELLO ALL’UCRAINA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on May 10, 2012

Il Presidente polacco invita le forze politiche ucraine a modificare la legislazione risalente all’epoca sovietica con la quale la Leader dell’Opposizione democratica, Julija Tymoshenko, è stata condannata al carcere per ragioni politiche. Il Capo di Stato lituano, Dalija Grybauskaite, intenzionata a visitare l’anima della Rivoluzione Arancione nella colonia penale in cui è detenuta, e a convocare un vertice urgente tra i Paesi dell’Europa Centrale

Il Presidente polacco, Bronislaw Komorowski

Dalla carota della Polonia al fioretto della Lituania, i Paesi del centro dell’Europa si sono attivati per la liberazione della Leader dell’Opposizione Democratica ucraina, Julija Tymoshenko, e per l’integrazione europea dell’Ucraina.

Nella giornata di mercoledì, 9 Maggio, il Presidente polacco, Bronislaw Komorowski, ha rivolto un appello pubblico al suo collega ucraino, Viktor Janukovych, affinché i principi della libertà e della democrazia siano rispettati sulle Rive del Dnipro, e sia così permesso il cammino di Kyiv sulla strada dell’integrazione europea.

Nello specifico, Komorowski ha ribadito come l’arresto politico della Tymoshenko sia la causa della contrarietà della maggioranza dei Paesi dell’Europa Occidentale al sostegno della firma dell’Accordo di Associazione UE-Ucraina – un documento già negoziato, ma non ancora firmato, con cui Bruxelles è pronta a concedere a Kyiv lo status di partner privilegiato.

“Il completamento delle trattative per la firma dell’accordo di Associazione è un merito che riconosciamo a Janukovych: la Polonia è da sempre favorevole alla sua ratifica – ha dichiarato Komorowski – ma faccio appello a tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, affinché la voce per cui è stata arrestata la signora Julija Tymoshenko, che appartiene a un’epoca oramai chiusa, sia cancellata”.

Il riferimento del Capo di Stato polacco è all’articolo 165 del Codice Penale ucraino, che risale all’epoca sovietica. E’ in nome di esso che la Leader dell’Opposizione Democratica è stata condannata a sette anni di detenzione in isolamento per decisioni prese sul piano politico durante il suo ultimo premierato, nel Gennaio 2009.

Komorowski avrebbe dovuto esporre il suo appello expressis verbis a Jalta, in occasione del Vertice dei Paesi dell’Europa Centrale, che Janukovych tuttavia ha cancellato per via dell’assenza della quasi totalità dei suoi colleghi: indignati per la condotta antidemocratica delle Autorità di Kyiv.

Oltre a Komorowski, tra i pochi Presidenti che hanno deciso di non boicottare il vertice di Crimea, per evitare che un aperto isolamento possa spingere l’Ucraina nella zona di influenza della Russia, sono stati anche il Presidente della Slovacchia, Ivan Gasparovic, quello della Moldova, Nicolae Timofti, e quello della Lituania, Dalija Grybauskaite.

Quest’ultima ha accettato di presenziare a Jalta solo dopo avere ottenuto la promessa da parte del collega ucraino di potere visitare la Tymoshenko presso la sua cella nella Colonia Penale Femminile Kachanivs’kyj di Kharkiv. Nonostante il rinvio del summit, la Grybauskaite ha dichiarato l’intenzione di volere comunque recarsi in Ucraina per incontrare la Leader dell’Opposizione Democratica, e ha invitato i colleghi dei Paesi che hanno deciso per il no al boicottaggio del vertice di Crimea a un incontro a Kyiv dedicato alla questione dei rapporti ucraino-europei.

Continua la repressione del dissenso

Su una posizione decisamente più radicale si sono schierati gli altri Stati dell’Europa Centrale che non confinano con l’Ucraina – Ungheria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Bulgaria e Albania – e quelli dell’Europa Occidentale con il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, in prima fila. Essi hanno optato per una linea dura nei confronti di Janukovych – che è riconosciuto come il vero responsabile della repressione politica a carico della Tymoshenko – mirante rispettivamente all’assenza dal vertice di Jalta, e al boicottaggio del campionato europeo di calcio, che l’Ucraina ospiterà con la Polonia.

In risposta alla presa di posizione del Vecchio Continente, a Julija Tymoshenko – che ha terminato uno sciopero della fame di due settimane – sono state concesse le cure del suo medico di fiducia, il tedesco Lutz Harms: necessarie per guarire l’ernia al disco di cui è affetta – e che finora è stata trascurata dalle Autorità carcerarie per tutti i circa nove mesi di detenzione.

Tuttavia, la condotta autoritaria dell’Amministrazione Presidenziale ucraina non si è interrotta, e nella serata di mercoledì, 9 Maggio, il braccio destro della Leader dell’Opposizione Democratica, Oleksandr Turchynov, è stato convocato senza preavviso in Procuratura per un interrogatorio.

Oltre a Turchynov, sono circa una ventina i dissidenti ucraini ad essere stati indagati dalla magistratura per ragioni politiche, quando non addirittura processati, arrestati o costretti all’esilio.

Tra i detenuti di spessore, oltre alla Tymoshenko, figurano l’ex-Ministro degli Interni, Jurij Lucenko, l’ex-Vice Ministro della Difesa, Valerij Ivashchenko, e l’ex-Vice Ministro all’Ambiente, Heorhij Filipchuk, mentre l’ex-Ministro dell’Economia, Bohdan Danylyshyn, e il marito della Leader dell’Opposizione Democratica, Oleksandr Tymoshenko, hanno ottenuto asilo politico in Repubblica Ceca.

Matteo Cazzulani

JANUKOVYCH RINVIA IL VERTICE DI JALTA. LA TYMOSHENKO TRASFERITA IN OSPEDALE

Posted in Ukraina by matteocazzulani on May 9, 2012

Isolato dalla comunità internazionale, il Presidente ucraino congela il summit dei Paesi dell’Europa Centrale, mentre la Leader dell’Opposizione Democratica interrompe lo sciopero della fame, e accetta il trasferimento presso una struttura ospedaliera per ricevere le cure dei medici tedeschi

Le percosse subite dalla Leader dell’Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko

“Considerando l’indisponibilità a presenziare da parte di moti Paesi, riteniamo utile spostare il vertice dei Paesi dell’Europa Centrale ad un termine successivo”. Laconica, tagliente, al limite del rassegnato, è stata la comunicazione con cui l’Addetto Stampa del Ministero degli Esteri ucraino, Oleksandr Dykusarov, ha reso nota la decisione del Presidente, Viktor Janukovych, di rinviare il vertice di Jalta.

Al summit, che rappresenta un avvenimento di importanza notevole nella politica internazionale, quasi tutti i Capi di Stato invitati hanno dichiarato la loro assenza per protestare contro le condizioni disumane a cui è soggetta la Leader dell’Opposizione Democratica ucraina, Julija Tymoshenko: detenuta in isolamento in seguito a una condanna politica, e di recente persino percossa dalle Autorità carcerarie nella sua cella.

Intenzionati a boicottare il vertice di Crimea sono stati i Presidenti di Germania Joachim Gauck, Repubblica Ceca Vaclav Klaus, Austria Heinz Fischer, Estonia Henryk Ilves, Bosnia Erzegovina Bakir Izetbegovic, Lettonia Andris Berzins, Croazia Ivo Josipovic, Montenegro Filip Vujanovic, Bulgaria Rosen Plevneliev, ma non quelli di Polonia, Slovacchia e Moldova, Bronislaw Komorowski, Ivan Gasparovic, e Nicolae Timofti, che hanno evidenziato come l’assenza a Jalta dei colleghi europei possa profondamente isolare l’Ucraina dall’Occidente, e rischi di consegnare Kyiv alla sfera di influenza della Russia.

Diversa è stata la posizione della Presidente della Lituania, Dalia Grybauskaite, che ha confermato la sua presenza al vertice solo dopo avere ottenuto da Janukovych il permesso di visitare la Tymoshenko presso la sua cella: una possibilità che finora le Autorità ucraine hanno negato a molti, tra cui esponenti politici dell’Unione Europea e l’ambasciatore francese per i Diritti Umani, Francois Zimeray.

Alla notizia del congelamento del vertice di Jalta, il Presidente della Commissione del Parlamento Europeo per i rapporti con l’Ucraina, Pawel Kowal, ha evidenziato come le Autorità ucraine da oggi debbano dimostrare al più presto di saper risolvere la questione del rispetto dei diritti umani per non peggiorare le relazioni con Bruxelles.

Dal canto suo, la Grybauskaite ha comunicato di non voler rinunciare alla visita alla Tymoshenko, e per questa ragione non ha cancellato il viaggio in Ucraina. Komorowski, invece, ha sottolineato come la decisione di congelare il vertice sia utile per consentire una più approfondita riflessione in merito ai rapporti tra Kyiv e l’Unione Europea.

La Leader dell’Opposizione Democratica accetta le cure

Nel contempo, la Leader dell’Opposizione Democratica ha comunicato la sospensione dello sciopero della fame, ed ha accettato il trasferimento presso l’ospedale dei ferrovieri di Kharkiv una volta ottenuto il permesso di essere curata dal medico tedesco Lutz Harms: su cui la Tymoshenko ripone piena fiducia.

Come comunicato dalla figlia della Leader dell’Opposizione Democratica, Jevhenija, la Tymoshenko per una ventina di giorni si è nutrita di sola acqua, ed è dimagrita di 10 chili. Sulla decisione di interrompere la protesta ha pesato il parere del Dottor Harms, che ha illustrato l’impossibilità di avviare il programma di cure mediche con una paziente malnutrita.

Durante il primo tentativo di curare Julija Tymoshenko, che ha avuto luogo il 20 Aprile, la Leader dell’Opposizione Democratica è stata picchiata e costretta con la forza al trasferimento dal carcere da parte di agenti del servizio di polizia carceraria. In risposta, la Tymoshenko ha rifiutato ogni forma di assistenza, ed ha avviato l’astensione dal cibo in segno di protesta.

La Leader dell’Opposizione Democratica è stata condannata l’11 Ottobre 2011 a sette anni di detenzione in isolamento per avere firmato nel 2009 – quando ha ricoperto la carica di Primo Ministro – accordi energetici con la Russia ritenuti svantaggiosi per le casse dello Stato. L’8 Dicembre, alla Tymoshenko – già detenuta in carcere – è stato poi sentenziato un secondo arresto perché ritenuta soggetto potenzialmente pericoloso per il prosieguo delle indagini di un secondo procedimento aperto a suo carico per evasione fiscale.

Secondo la diagnosi formulata da un’équipe di medici tedeschi e canadesi – che su pressione della Comunità Internazionale hanno potuto visitare la Leader dell’Opposizione Democratica – la Tymoshenko è affetta da un’ernia del disco, che se non curata adeguatamente può portare l’ex-Primo Ministro alla paralisi.

Dinnanzi all’insufficiente assistenza medica fornita dalle Autorità carcerarie, a offrire ospitalità presso le strutture mediche di Paesi occidentali sono stati il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, ed il Capo del Dipartimento Federale per gli Affari Esteri della Svizzera, Didier Burchalter.

Condanne al Presidente Janukovych per il mancato rispetto dei Diritti Umani in Ucraina sono pervenute a più riprese da Unione Europea, Stati Uniti d’America, Consiglio d’Europa, NATO, ONU, Canada, Australia, e persino dalla Federazione Russa.

Matteo Cazzulani

VERTICE DI JALTA: JANUKOVYCH E’ SEMPRE PIU ISOLATO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on May 5, 2012

Dodici Presidenti non parteciperanno al summit dei Paesi dell’Europa Centrale per protestare contro la repressione dell’Opposizione Democratica ucraina, mentre diversi Leader di governo nazionali e continentali hanno dichiarato l’intenzione di boicottare le partite del campionato europeo di calcio che si giocheranno in Ucraina. L’appello di Adam Michnik per la liberazione dell’anima del dissenso arancione, Julija Tymoshenko, e per il sostegno delle ambizioni europee di Kyiv

Il presidente ucraino, Viktor Janukovych

Dai vertici internazionali allo sport, Janukovych avrà molto da riflettere sul perché della sua solitudine politica. Nella giornata di venerdì, 4 Maggio, è salito a dodici il numero dei Presidenti che hanno deciso di non partecipare al summit dei Capi di Stato dell’Europa Centrale, organizzato a Jalta, in Crimea, sotto la dirigenza della Presidenza ucraina.

Alle defezioni dei Presidenti di Germania, Joachim Gauck, Austria, Heinz Fischer, Repubblica Ceca, Vaclav Klaus, Croazia, Ivo Josipovic, Bulgaria, Rosen Plevnelev, Lettonia, Andis Berzins, Estonia, Henryk Ilves, Ungheria, Janos Ader, e Albania, Bamir Topi, si è aggiunta la rinuncia del Capo di Stato della Bosnia Erzegovina, Bagir Izetbegovic

Molte tra le giustificazioni fornite a Kyiv a corredo delle rinunce si sono limitate all’ambito diplomatico, ma in realtà le defezioni sono un segnale di aperta contestazione nei confronti del Presidente ucraino, Viktor Janukovych.

Egli è criticato per le repressioni politiche attuate nei confronti degli esponenti dell’Opposizione Democratica: molti dei quali sono stati arrestati, processati senza diritto di difesa, rinchiusi in carcere senza che un verdetto in merito fosse stato ancora pronunciato, privati dell’assistenza medica, e addirittura picchiati, come avvenuto alla Leader del campo arancione, l’ex-Primo Ministro Julija Tymoshenko.

Il regresso della democrazia a Kyiv ha provocato una protesta non solo nei confronti del vertice di Jalta, ma anche del campionato europeo di calcio del 2012, che l’Ucraina organizzerà con la Polonia.

A favore dell’idea lanciata dal Cancelliere della Germania, Angela Merkel, e del segretario dell’opposizione tedesca, Sigmar Gabriel, di non recarsi negli stadi ucraini per protestare contro le detenzioni politiche si sono dichiarati il Ministro degli Esteri dei Paesi Bassi, Uri Rosenthal, il suo collega Austriaco, Michael Spindelegger, e quello belga, Didier Reynders.

Differente è la situazione interna agli organismi politici UE: il Presidente della Commissione, José Manuel Barroso, ha sostenuto l’iniziativa della Merkel, e ha invitato tutti gli altri esponenti dell’esecutivo continentale a boicottare la parte ucraina della rassegna sportiva.

Diversamente, il Presidente del Parlamento, Martin Schulz, ha evidenziato come il boicottaggio non sia una soluzione che aiuti al miglioramento della situazione della Tymoshenko e degli altri detenuti politici, ma nel contempo ha comunicato la sua decisione di unirsi alla linea dei Commissari qualora il Regresso della democrazia in Ucraina continuasse a manifestarsi nella maniera così forte finora registrata.

Infine, una frattura più profonda è apparsa in Danimarca, dove la linea della Merkel è stata appoggiata dall’opposizione di centro-destra, mentre la maggioranza di centro-sinistra si è dichiarata contraria, in quanto essa ha ritenuto che il boicottaggio della manifestazione sportiva è una penalizzazione maggiore per il popolo ucraino più che per il suo Presidente.

L’appello di Michnik per la liberazione di Julija Tymoshenko e l’integrazione europea dell’Ucraina

La posizione di Schulz e della maggioranza danese – che ricopre la Presidenza di Turno dell’Unione Europea – è condivisa da una serie di Paesi del Vecchio Continente, che per ragioni storiche, economiche e geopolitiche affrontano la questione ucraina con maggiore cautela rispetto al punto di vista tedesco.

Il Presidente e il Premier polacco, Bronislaw Komorowski e Donald Tusk, hanno invitato i Capi di Stato dell’Europa Centrale a non disertare il vertice di Jalta, e hanno consigliato ai Leader di governo UE di non boicottare la parte ucraina dell’europeo di calcio per non isolare completamente l’Ucraina dalla comunità Occidentale.

A cogliere l’invito di Varsavia sono stati i Presidenti di Moldova e Slovacchia, Nicoli Timofti e Ivan Gasparovic, che assieme a Komorowski hanno dichiarato l’intenzione di recarsi a Jalta per mantenere le relazioni con l’Ucraina, e per affrontare vis-à-vis con Janukovych la questione del regresso democratico in un Paese europeo per storia, cultura e tradizioni.

A dare linfa a questa posizione è stato anche lo storico dissidente polacco del sindacato autonomo Solidarnosc, e attuale Redattore dell’autorevole Gazeta Wyborcza, Adam Michnik, che ha lanciato un appello – aperto alla sottoscrizione pubblica – per richiedere la liberazione di Julija Tymoshenko e degli altri detenuti politici repressi dal regime autoritario di Janukovych senza boicottare l’euro 2012, né sostenere iniziative atte a isolare l’Ucraina dalla comunità europea.

Come illustrato da Michnik e da diversi politologi, l’allontanamento di Kyiv dall’Occidente, e l’inevitabile conseguente inglobamento dell’Ucraina nella zona di influenza della Russia, mette a serio repentaglio l’indipendenza economica e la sicurezza nazionale di tutta l’Europa.

Il controllo politico dei russi sulle risorse naturali e sulle infrastrutture energetiche ucraine porta a compimento le ancora forti velleità imperiali del Cremlino, e nel lungo-medio temine permette a Mosca di acquisire lo status di superpotenza mondiale, e di relegare ai margini dell’economia mondiale un’Unione Europea sempre più debole e divisa.

Matteo Cazzulani

LA MOLDOVA HA IL SUO PRESIDENTE

Posted in Moldova by matteocazzulani on March 19, 2012

Dopo tre anni di vani tentativi, il Parlamento moldavo ha concordato sulla candidatura del Capo del Consiglio Superiore della Magistratura, Nicolae Timofti, proposto dalle forze della maggioranza filo-occidentale per sbloccare una situazione che, da troppo tempo, ha impedito a Chisinau di portare avanti una linea politica certa e determinata. Determinanti i voti dei tre deputati socialisti, che hanno messo in minoranza i comunisti 

Il Presidente moldavo, Nicolae Timofti

La fine di un impasse politica che consente a Chisinau di percorrere la strada verso l’Europa. Nella giornata di venerdì, 16 Marzo, il Parlamento moldavo è riuscito finalmente a eleggere il Capo dello Stato, dopo 3 anni di tentativi andati a vuoto per via dell’instabilità politica e della risicata maggioranza su cui la coalizione di governo ha potuto contare.

In una votazione a scrutinio segreto, Nicolae Timofti, candidato dell’Alleanza per l’Integrazione Europea – coalizione di maggioranza composta dal Partito Liberal-Democratico del Premier, Vlad Filat, dal Partito Liberale dell’ex-Speaker, Mihai Ghimpu, e dal Partito Democratico dell’attuale Speaker, Marian Lupu – è riuscito a ottenere 62 voti a favore: uno in più del quorum previsto per la nomina.

Fondamentale è stato il supporto del neo-formato Gruppo Socialista il quale, guidato da Igor Dodon, e formato da soli tre deputati, ha supportato la candidatura della maggioranza, e, così, ha rotto l’ostruzionismo del Partito Comunista. Forti di 61 parlamentari, ma relegati all’opposizione, i comunisti hanno sempre ostacolato l’elezione del Presidente per provocare lo scioglimento del Parlamento: previsto dalla Costituzione in caso di mancata nomina della Massima Carica dello Stato per due tentativi.

Timofti è un candidato tecnico, fino ad oggi Capo del Consiglio Superiore della Magistratura. 63enne, non ha mai ricoperto incarichi politici, ma ha condotto la propria carriera esclusivamente in ambito giudiziario. La sua nomina è stata dettata dalla necessità di individuare nel mondo politico moldavo di una personalità dall’indiscutibile competenza e imparzialità, condivisa sia dalle tre forze di maggioranza, che dai socialisti.

“Non mi sono mai occupato di politica, e mai lo farò – ha dichiarato Timofti a margine dell’elezione – ma presiederò il Paese in un delicato periodo per mezzo di una politica internazionale calibrata secondo le seguenti priorità: Ucraina, Romania, USA, Germania e Russia. La Moldova deve diventare ponte tra l’Oriente e l’Occidente”.

Aperta la via per Bruxelles

Tuttavia, il Presidente a Chisinau non possiede ampi poteri, sopratutto in politica estera: ambito in cui l’agenda è dettata solamente dall’esecutivo. Come dichiarato a più riprese dal Primo Ministro, Vlad Filat, la Moldova aspira all’integrazione europea con il varo nel breve termine di una Zona di Libero Scambio che consenta alle esportazioni moldave un collocamento agevole del mercato dell’UE.

Le riforme in ambito politico, economico e sociale approntate dalla Coalizione per l’Integrazione Europea sono state particolarmente apprezzate dal Ministro degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, che, in una recente intervista a Radio Liberty, ha ammesso come la Moldova abbia dimostrato di tenere molto al vettore euro-atlantico.

Per questa ragione, Chisinau, assieme alla Georgia, ha scavalcato tra i partner privilegiati della politica orientale dell’Unione Europea l’Ucraina: in cui le repressioni politiche scatenate dal Presidente, Viktor Janukovych, hanno reso Kyiv un Paese non pienamente democratico e, quindi, non integrabile con Bruxelles.

L’elezione di Timofti ha però un alto valore politico, in quanto riempie un vacuum che a Chisinau dura dall’Aprile 2009, quando una partecipata protesta di piazza nonviolenta – la celebre Rivoluzione Twitter: l’ultima delle rivoluzioni “colorate” finora avvenute in Europa – ha deposto dallo scranno di Capo dello Stato l’attuale Segretario del Partito Comunista, Vladimir Voronin: accusato di brogli e corruzione.

Dopo lo svolgimento di elezioni finalmente libere, la maggioranza in Parlamento è stata mantenuta dal campo filo-europeo, tuttavia, sempre con numeri esigui che hanno più volte messo a rischio la tenuta della coalizione – addirittura arrivando ad elezioni anticipate nel 2010 – Le funzioni del Presidente sono state svolte ad interim dagli Speaker Mihai Ghimpu e Marian Lupu.

Matteo Cazzulani