LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

UCRAINA: PER IL CONSIGLIO D’EUROPA LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE DI VIKTOR JANUKOVYCH E’ ANTIDEMOCRATICA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on April 1, 2011

La Commissione di Venezia invita ad eleggere i componenti della Costituente, e rispettare il ruolo del Parlamento

Il presidente ucraino, Viktor Janukovych

Per Janukovych, due docce fredde in un comunicato. Nella gioranta di giovedì, 31 Marzo, il Consiglio d’Europa ha criticato il procedimento con cui le Autorità ucraine stanno riformando la Costituzione.

In particolare, a turbare Strasburgo è la composizione dell’Assemblea Costituente, composta da nomine del Presidente, Viktor Janukovych.

Gli esperti del Consiglio d’Europa hanno invitato Kyiv ad indire una votazione, anche in Parlamento, per eleggere i saggi incaricati della revisione della Carta Suprema. Così che essi siano, direttamente od indiretamente, espressione della volontà popolare, sovrana in ogni democrazia degna di tale nome.

Più poteri alla Rada. Meno a Janukovych

Ma non è tutto. La Commissione di Venezia — organo del Consiglio d’Europa, deputato alle questioni giuridiche — ha suggerito a Janukovych la strada da intraprendere per l’approvazione di una seria Costituzione, rafforzando il controllo della Rada sul Presidente.

Una direzione contraria a quella finora perseguita dal Capo di Stato, volta ad esautorare il Parlamento di poteri, a vantaggio dei propri.

La modiica della Costituzione ucraina è motivata dal ripristino della Carta Suprema del 1996, stabilito, alla fine del 2010, dalla Corte Costituzionale, con la cancellazione di quella arancione del 2004.

Nello specifico, l’Ucraina è tornata ad un ordinamento Presidenziale-Parlamentare, con ampi poteri del Capo dello Stato, anziché quello Parlamentare-Presidenziale.

Un modello moderno, frutto della Rivoluzione Arancione, che, per cinque anni, ha portato l’Ucraina al livello di altri Paesi UE.

Matteo Cazzulani