LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Dutkiewicz dopo Tusk: anche la Polonia ha forse il suo Renzi

Posted in Polonia by matteocazzulani on August 3, 2014

Come riportato dal settimanale Newsweek, il Sindaco di Wroclaw sarebbe pronto a prendere la guida del Governo in caso di nomina a Presidente del Consiglio Europeo dell’attuale Premier. Anche il Capo della corrente interna, Grzegorz Schetyna, il Ministro degli Esteri, Radoslaw Sikorski, e la Presidente della camera Bassa del Parlamento, Ewa Kopacz, tra i papabili successori di Tusk.

Un sindaco molto amato di una delle città più artistiche del Paese, pronto alla scalata verso il premierato se il Premier attuale dovesse accettare un incarico in Europa. La storia qui presentata non è quella di Matteo Renzi, sindaco di Firenze diventato Premier dopo una scalata culminata con la sostituzione di Enrico Letta -che è tutt’oggi in odore di nomina in sede europea- ma di Rafal Dutkiewicz: il Sindaco di Wroclaw che, secondo l’autorevole Newsweek Polska, è il possibile prossimo Capo del Governo polacco.

Come riportato dalla versione polacca del noto settimanale, Dutkiewicz avrebbe deciso di abbandonare la guida di Wroclaw -città altrimenti nota come Breslavia- dopo 10 anni di buona amministrazione, fatta di valorizzazione del patrimonio storico e multiculturale della città e di sviluppo del centro abitato, grazie anche e sopratutto al buon utilizzo dei fondi europei e di quelli erogati dalla UEFA per l’organizzazione del campionato europeo di calcio del 2012.

A gettare il sospetto dell’ascesa di Dutkiewicz è stato un incontro che, come riportato dall’autorevole Gazeta Wyborcza, il Sindaco di Wroclaw ha avuto, di recente, con il Premier polacco Donald Tusk: uno dei candidati alla Presidenza del Consiglio Europeo con buone probabilità di nomina.

In caso di accettazione dell’incarico in Europa da parte di Tusk, il Governo polacco si troverebbe senza una guida autorevole. Per questo, secondo Newsweek, la Piattaforma Civica -PO, la forza partitica di ispirazione cristianodemocratica di Tusk di maggioranza relativa- avrebbe trovato in Dutkiewicz il sostituto in grado di arginare il crollo di consensi che l’Esecutivo polacco sta registrando dopo la pubblicazione di intercettazioni compromette di alcuni Ministri ed alte cariche dello Stato.

Secondo il progetto di scalata, Dutkiewicz, che non appartiene alla PO e che governa a Wroclaw a Capo della sua lista Alta Slesia Civica -forza partitica alleata della Piattaforma Civica- dovrebbe aderire al Partito di Tusk subito dopo la nomina in Europa del Premier e, successivamente, ricevere la guida del Governo da parte della maggioranza.

L’adesione di Dutkiewicz alla PO, e la successiva accettazione della guida del Governo, non incontra resistenze sul piano ideologico -il Sindaco di Wroclaw ha appartenuto all’Unione Democratica: la forza Partitica di ispirazione sempre cristianodemocratica precedente alla PO- ma incontra intoppi sopratutto all’interno della Piattaforma Civica.

In primis, vi è l’opposizione di Grzegorz Schetyna: il Capo della corrente interna di minoranza nella PO che intende avanzare la sua candidatura al premierato per vendicare la sconfitta subita nel Congresso Regionale della Piattaforma Civica dell’Alta Slesia per mano di Jacek Protaszewicz, un sostenitore del Premier Tusk e dell’appoggio, a Wroclaw, della forza cristianodemocratica al Sindaco Dutkiewicz.

In secondo luogo, possibile, in caso di partenza di Tusk, è la successione alla carica di Premier di Radoslaw Sikorski: attuale Ministro degli Esteri che, in caso di mancata nomina o della concessione del premierato a Schetyna, potrebbe creare una propria corrente “di destra” interna alla PO.

Tuttavia, anche Sikorski è candidato ad una posizione in Europa dopo che, con una lettera ufficiale, Tusk ha candidato il suo Ministro degli Esteri ad Alto Rappresentante della Politica Estera e di Difesa dell’Unione Europea: un ruolo che l’esponente PO dovrà contendere alla sua collega italiana Federica Mogherini, candidata, in maniera identica a quella del Capo del Governo polacco, dal Presidente del Consiglio italiano Renzi.

In terzo luogo, la scalata di Dutkiewicz è contrastata dalla possibile concessione del premierato al Presidente della Camera Bassa del Parlamento, Ewa Kopacz.

La nomina della Kopacz avrebbe, da un lato, lo scopo di sedare la lotta tra le correnti interne alla PO e, dall’altro, quello di affidare l’interim ad una persona che, nonostante la sua appartenenza alla Piattaforma Civica, finora ha ricoperto un ruolo di garanzia istituzionale.

Se Dutkiewicz dovesse diventare Premier, la successione a Tusk richiederebbe la gestione di un’eredità pesante di sette anni di buongoverno di coalizione tra la PO e il Partito contadino PSL, che hanno permesso all’attuale Capo di Governo di essere stato il primo -e finora l’unico- ad avere ottenuto la riconferma del suo mandato dal voto popolare.

L’opposizione conservatrice verso l’alleanza con gli anti europeisti

L’uscita di scena di Tusk, e la lotta interna alla PO ad essa legata, aprirebbe tuttavia degli ampi spazi di manovra per le opposizioni, sopratutto a destra, dove i conservatori di Diritto e Giustizia -PiS: il Partito dell’ex-Premier Jaroslaw Kaczynski- hanno già riunito in un unico cartello elettorale gli altri Partiti della conservazione.

Inoltre, come riportato sempre dal Newsweek, PiS sta strizzando l’occhio ai liberal-conservatori della Nuova Destra della Repubblica -NPR- la forza partitica del politico di lungo corso, Janusz Korwin-Mikke, che ha ottenuto un’exploit elettorale nelle ultime consultazioni per il rinnovo del Parlamento Europeo.

Korwin-Mikke ha già presentato al Parlamento Europeo il suo vero volto antisemita, razzista, anti europeista e filo-putiniano, al punto da essere stato privato della parola dal Vicepresidente dell’emiciclo di Strasburgo, David Sassoli, dopo avere pronunciato in un discorso in Aula la parola “negro”.

A contrastare l’opposizione conservatrice alla PO non basta la minoranza di sinistra, che, nonostante i tentativi di coalizione tra i socialdemocratici del SLD e i radical-progressisti del Tuo Movimento -TR- non riesce a trovare né unità, né un necessario rinnovamento ideologico di un’impostazione troppo vetero-postcomunista ed anticlericale.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro-Orientale
Twitter: @MatteoCazzulani

20140803-101749-37069884.jpg

Advertisements

IN UCRAINA YANUKOVYCH INIZIA LA GUERRA CIVILE: GIÀ 25 MORTI TRA I MANIFESTANTI

Posted in Ukraina by matteocazzulani on February 19, 2014

Anche centinaia di dimostranti feriti e dispersi è il bilancio del primo giorno di guerriglia provocato dagli attacchi delle forze speciali di polizia Berkut su ordine del Ministero degli Interni ucraino. Il Presidente ucraino valuta lo stato di guerra ed evita il contatto telefonico con i leader europei

Granate, fucili, altre armi da fuoco e bombe molotov sono gli armamenti utilizzati dalla polizia speciale di regime ucraina Berkut per reprimere la manifestazione pacifica degli oppositori ucraini: una vera e propria guerra civile all’interno della capitale, Kyiv, che in una manciata d’ore ha provocato la morte di 25 persone e diverse centinaia di feriti, tutti solo tra i manifestanti.

Il bollettino di guerra della giornata di martedì, 18 Febbraio, testimonia una repressione violenta del dissenso che non lascia dubbi sul fatto di come essa sia stata da tempo preparata dal Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, che nei giorni passati ha solamente fatto finta di aprire la porta alle opposizioni per avviare un negoziato.

Tutto è iniziato quando i manifestanti hanno presidiato il Parlamento ucraino, dove lo Speaker, Volodymyr Rybak, esponente del Partito delle regioni del Presidente Yanukovych, si è rifiutato di porre ai voti il ripristino delle libertà democratiche che il Capo di Stato ha sotratto proprio al Parlamento.

Ai primi spari della polizia, che hanno provocato le prime tre vittime, i manifestanti, che hanno installato un ospedale volante addirittura presso il Monestero Mykhaylvsky, hanno risposto con la ri-occupazione degli edifici pubblici precedentemente sgombrati, mente le forze speciali di polizia hanno continuato ad aprire il fuoco sulla folla fino ad inizio mattinata, portando il numero delle vittime a 25.

Ancora più dura degli spari della polizia è la pozione del Presidenre Yanukovych, che, durante colloqui notturni con i Leader dell’Opposizione, ha ventilato l’ipotesi di varare lo Stato di Guerra se i manifestanti non avessero nell’immediato abbandonato la piazza.

Yanukovych, che ha addossato la responsabilità degli sconti sull’opposizione, è stato contestato dall’Amministrazione Presidenziale del Capo di Stato degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, che si è detta pronta a rafforzare le sanzioni che già sono state imposte nei confronti di quelle autorità ucraine che non rispettano i diritti umani e la democrazia.

Da parte loro, il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, e il Presidenre polacco, Bromislaw Komorowski, hanno cercato un contatto con Yanukovych, che, tuttavia, non ha risposto al telefono.

La decisione di Yanukovych di usare la forza contro i manifestanti chiude le porte ad ogni possibile forma di dialogo, ed apre alla possibilità che in Ucraina si arrivi ad una guerra civile che renda ancor più alto il numero delle vittime.

In Europa serve un cambio di passo dopo il fallimento della Commissione Barroso

In tutto questo, una forte responsabilità spetta alla Commissione Europea, che si è sempre rifiutata di imporre sanzioni, nonostante l’adozione di misure punitive nei confronti delle Autorità ucraine, come il blocco dei conti bancari e il diniego della concessione di visti Schengen, fosse stata richiesta a gran voce dal Parlamento Europeo con una risoluzione unitaria approvata all’unanimità da tutte le forze politiche.

L’escalation dei fatti a Kyiv dimostra l’inconsistenza della Commissione Europea presieduta dal popolare José Manuel Barroso, che ha perso un’occasione irripetibile per prendere una posizione forte ed unita in difesa della democrazia e della libertà in un paese, l’Ucraina, che per ragioni storiche, culturali e sociali appartiene alla grande famiglia europea.

A nulla sono valsi gli appelli per una posizione più risoluta dell’UE da parte del Presidente e del Vicepresidente del Parlamento Europeo, i socialisti e democratici Martin Schulz e Gianni Pittella, condivisa dall’altro Vicepresidente popolare Jacek Protaszewicz e da Europarlamentari di tutti gli schieramenti, tra cui il Capogruppo dei Socialisti e Democratici Hannes Swoboda, il Presidente della Commissione Esteri del Parlamento Europeo, il popolare Elmar Brok, il popolare Jacek Saryusz-Wolski, la Socialista e Democratica Patrizia Toia, la verde Rebecca Harms e il conservatore Pawel Kowal.

Ll’UE deve approfittare della questione ucraina per diventare finalmente non sarà politicamente forte e unita, e sopratutto consapevole della propria missione nel Mondo come modello per lo sviluppo della pace, del progresso, della Giustizia Sociale e dei Diritti Umani e civili, così come propone il Partito Socialista Europeo, che alle prossime elezioni europee candida proprio Martin Schulz alla Presidenza della Commissione.

Fino a quando l’UE non diventerà un soggetto politico forte e consapevole di sé, popoli che guardano all’Europa con ammirazione, come gli ucraini, saranno destinati a soccombere alla violenza di una dittatura come quella cruenta di Yanukovych, che la Commissione Barroso ha saputo solo condannare a parole.

Matteo Cazzulani

SALGONO A CINQUE LE VITTIME TRA I DIMOSTRANTI IN UCRAINA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on January 23, 2014

Quattro deceduti per colpi di arma da fuoco, di cui uno dopo un’esecuzione seguita ad un rapimento, mentre la restante persona è caduta dal colonnato dello Stadio della Dinamo Kyiv. Un confronto tra il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, e i Leader dell’Opposizione non porta ad alcuna soluzione

Cinque morti e più di trecento feriti è il bilancio degli attacchi della polizia Ucraina ai manifestanti che sostengono l’integrazione dell’Ucraina in Europa. Senza contare l’alto numero di arresti adoperati dalla polizia nei confronti di quei manifestanti feriti durante i diversi tafferugli.

Nella giornata di mercoledì, 22 Gennaio, il numero delle vittime tra i manifestanti è salito a cinque in un solo giorno: come riportato dal Centro Medico presso il quartier generale dei dimostranti filo-europei, quattro dicessi sono morti a seguito di spari, di cui tre durante colluttazione, ed uno per via di un’esecuzione da parte di professionisti. Una persona è poi deceduta in seguito ad una caduta dal colonnato dello stadio della Dinamo Kyiv.

A rendere sconvolgente il quadro di una vera e propria guerra civile è la testimonianza di Ihor Lutsenko, attivista per i Diritti Umani rapito assieme a Yuri Verbitsky: sismologo 51enne trovato morto presso le campagne ucraine vicino a Borispil dopo essere stato torturato.

Lutsenko ha dichiarato di essere stato prelevato in ospedale assieme a Verbitsky, poi torturato, ed infine rilasciato, mentre il suo collega ha subito una fine peggiore per via della sua provenienza da Leopoli: la città che sta dando il più alto contributo umani alla protesta per l’integrazione dell’Ucraina in Europa.

Oltre ai decessi, l’attacco della polizia -testimoniato da un numero di video sempre più alto, che attestano come gli agenti delle forse speciali Berkut sparino dritto ai manifestanti e si avvalgano anche di granate- ha creato anche un problema di carattere ambientale, dal momento in cui i manifestanti, per difendersi, hanno dovuto bruciare spazzatura e copertoni di gomma, provocando enormi colonne di fumo nero tossico.

Così come da due mesi, la protesta non ha portato alcun risultato a livello politico, dal momento in cui un vertice urgente tra il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, il Capo del Consiglio Nazionale di Difesa e Sicurezza, Andriy Klyuyev, e i tre Leader dell’Opposizione Vitaly Klichko, Arseny Yatsenyuk e Oleh Tyahnibok è finito senza alcun accordo.

L’Europa reagisce: sanzioni e conti in banca bloccati

Differente la reazione dell’Europa, che, a Davos, ha revocato l’invito al Forum Economico per il Premier ucraino, Mykola Azarov, che com tutta probabilità su consiglio del Presidente Yanukovych, ha ventilato la possibilità di avvalersi della forza per sedare la manifestazione in sostegno dell’Ucraina in Europa.

Il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Jacek Protaszewicz, ha dichiarato che l’Unione Europea sta valutando l’ipotesi di congelare le relazioni diplomatiche con l’Ucraina, mentre il Ministro degli Esteri lituano, Linas Linkevicius, ha invitato ad approntare al più presto sanzioni nei confronti di quelle Autorità ucraine responsabili della violazione della Democrazia e dei Diritti Umani.

Secondo ben documentate indiscrezioni, il Governo austriaco avrebbe iniziato l’inventario dei conti in banca delle Autorità ucraine da congelare, mentre in Italia un invito alle sanzioni è stato inviato dalla Vicepresidente del Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici Europei, Patrizia Toia -Europarlamentare del PD.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: YANUKOVYCH CONTINUA A PICCHIARE ANCHE I GIORNALISTI

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 2, 2013

Le forze speciali di polizia Berkut, alle dirette dipendenza del Presidente ucraino, picchiano il corrispondente polacco Pawel Pieniazek pur consapevoli della sua professione testimoniata dal badge in evidenza sui vestiti del cittadino UE. Come confermato da più fonti, il Regime ucraino infiltra nella protesta provocatori per discreditare i dimostranti agli occhi dell’Opinione Pubblica mondiale e legittimare la repressione

Si dice che una Rivoluzione la si riconosce quando la polizia interviene sulla folla, mentre un regime reazionario si distingue quando ad essere picchiati sono anche i giornalisti. Nella giornata di Domenica, Primo di Dicembre, il corrispondente della testata polacca Krytyka Polityczna, Pawel Pieniazek, è stato aggredito dalle forze speciali di polizia Berkut schierate dal Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, per reprimere le manifestazioni di un milione di dimostranti a Kyiv in supporto dell’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Come riportato da Gazeta Wyborcza, il giornalista polacco, soccorso da una collega della TV ucraina e da un’ambulanza, è stato malmenato perché intento ad osservare uno dei tanti scontri tra i Berkut e i dimostranti avvenuti nella giornata di Domenica.

“Ho mostrato il badge da giornalista, ma non c’è stata possibilità alcuna di fermare l’aggressione delle forze speciali di polizia -ha dichiarato il corrispondente- Ho ricevuto manganellate forti, sopratutto dietro alla testa”.

I Berkut, famosi per le aggressioni violente attuate per terrorizzare i manifestanti, senza distinguere l’obiettivo che si colpisce, sono forze speciali di polizia -paragonabili agli OMON russi- alla diretta dipendenza del Presidente Yanukovych.

Le forze speciali di polizia sono in azione da venerdì, 29 Agosto, quando più di cento tra manifestanti e giornalisti sono stati picchiati, arrestati e rinchiusi in commissariato per avere preso parte alle proteste dovute alla mancata firma da parte del Presidente Yanukovych dell’Accordo di Associazione con l’UE: documento che avrebbe integrato l’economia ucraina nel mercato unico europeo.

Oltre all’opposizione all’integrazione dell’Ucraina in Europa, la reazione dei Berkut è motivata dalle azioni violenti di provocatori mascherati che, come confermato dalla deputata del Partito delle Regioni del Presidente Yanukovych, Inna Bohoslovska, sono ingaggiati dall’Amministrazione Presidenziale ucraina e da quella del Presidente russo, Vladimir Putin, tra ultras di calcio e giovani studenti dell’Accademia di Polizia per discreditare la protesta agli occhi dell’Opinione Pubblica e legittimare la repressione.

Infatti, Putin ha tutto l’interesse a presentare la protesta in supporto all’Europa degli ucraini come violenta, come hanno fatto i principali media russi -spesso citati con leggerezza dagli organi di stampa italiani- perché vuole inglobare l’Ucraina nell’Unione Doganale Eurasiatica: progetto di integrazione sovranazionale concepito per estendere l’egemonia di Mosca nello spazio ex-sovietico ed eliminare l’UE dalla competizione internazionale.

L’UE a fianco dei manifestanti

Differente è stata la reazione dell’UE, che ha sostenuto convintamente i manifestanti, come dimostrato dalla presenza durante le manifestazioni di Domenica del Vicepresidente del Parlamento Europeo, Jacek Protaszewicz.

Importanti sono anche le prese di posizione del Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, del Presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, e del Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, che hanno dichiarato la volontà di tenere aperta la porta per l’ingresso dell’Ucraina in UE nonostante la rinuncia unilaterale del Presidente Yanukovych.

Ad attivarsi è stata anche la Polonia, in cui il Presidente, Bronislaw Komorowski, ha convocato una seduta urgente del Comitato per la Sicurezza e la Difesa Nazionale dopo che il Premier, Donald Tusk, ha intrattenuto colloqui urgenti sull’Ucraina con il Ministro degli Esteri, Radoslaw Sikorski, e con quello della Difesa, Tomasz Siemoniak.

Matteo Cazzulani

YANUKOVYCH USA LA VIOLENZA SUL MILIONE DI MANIFESTANTI PER L’UCRAINA IN EUROPA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 1, 2013

I Berkrut, forze speciali di polizia agli ordini diretti del Presidente ucraino, provocano cento feriti e svariate decine di arresti in seguito a provocazioni causate da inflitrati violenti pagati dal Partito delle Regioni. Sostegno alla manifestazione da parte delle Autorità europee.

C’è ancora chi osa negarlo, ma la protesta per l’integrazione dell’Ucraina in Europa, avvenuta a Kyiv anche nella giornata di Domenica, Primo di Dicembre, ha assunto le dimensioni della vera e propria Rivoluzione. Un milione di manifestanti pacifici, provenienti da tutte le parti del Paese, si sono riuniti presso il centro della capitale ucraina, ed hanno dato vita ad una vera e propria fiumana umana non violenta che ha sfilato dopo che il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, ha deciso di non firmare l’Accordo di Associazione UE-Ucraina, nonostante il parere contrario della maggior parte della popolazione.

La protesta avviene all’indomani di una vera e propria notte di sangue, durante la quale decine di manifestanti sono stati arrestati, picchiati e confinati in commissariato a seguito di ripetute cariche delle forze speciali di polizia Berkut, che agiscono alle dirette dipendenze del Presidente Yanukovych.

Anche nella giornata di Domenica si sono verificate cariche della polizia che hanno incrementato il numero di feriti a un centinaio, tra cui molti giornalisti e cittadini UE accorsi a sostenere la protesta degli Ucraini in sostegno all’integrazione nell’UE.

Come riconosciuto dall’ex-Ministro dello Sviluppo Economico, Petro Poroshenko, gli scontri sono stati causati da infiltrati ingaggiati dal Partito delle Regioni -la forza partitica del Presidente Yanukovych- per discreditare la protesta pacifica agli occhi dell’opinione pubblica internazionale e giustificare l’intervento armato dei Berkrut.

Più drastica è statala destimonianza della Deputata Inna Bohoslovska, che, oltre ad avere abbandonato il Partito delle Regioni in segno di protesta per la violenza utilizzata dalle forze speciali di polizia, ha dichiarato che le provocazioni sono state organizzate con la cooperazione del Presidente russo, Vladimir Putin.

In effetti, la Russia ha tutto l’interesse ad arrestare la protesta del milione di ucraini in piazza perché vuole inglobare l’Ucraina nell’Unione Doganale: progetto di integrazione sovranazionale concepito per estendere l’egemonia di Mosca su tutto lo spazio ex-sovietico e, con l’integrazione di Kyiv, annichilire l’UE nella competizione nel mercato globale.

Pronta è stata la risposta delle Autorità UE, che si sono schierate con i manifestanti grazie alla presenza del Vicepresidente del Parlamento Europeo, Jacek Protaszewicz che, intervenuto davanti alla folla a Kyiv, ha sottolineato come le porte dell’Europa per l’Ucraina rimangano sempre aperte.

Importanti sono state anche le note del Ministro degli Esteri della Lituania, Linas Linkevicius, che ha evidenziato come la protesta avvicini l’Ucraina all’Europa, e quella dei Capi della Diplomazia di Polonia e Svezia, Radoslaw Sikorski e Carl Bildt, che hanno riportato il sostegno alla volontà popolare degli ucraini e la critica alle pressioni esercitate dalla Russia su Yanukovych.

Il Presidente teme la destituzione

Critiche ai manifestanti sono state invece sollevate dal Premier ucraino, Mykola Azarov, che ha ipotizzato conseguenze penali per turbamento della stabilità del Paese per chi prende parte alle dimostrazioni di piazza.

Da parte sua, il Presidente Yanukovych ha promesso l’apertura di un’inchiesta sulle violenze, ma ha rafforzato il dispiegamento dei Berkut nei pressi della sua tenuta presidenziale privata.

Come ventilato dai manifestanti, il Capo di Stato ucraino teme che la sua residenza possa diventare l’obiettivo di una catena umana di migliaia di persone determinate a chiedere le sue immediate dimissioni.

Nel frattempo, Yanukovych è già stato abbandonato per protesta anche dal Capo della sua Amministrazione, Serhiy Lyovochkin, dimessosi in segno di disaccordo con la repressione delle manifestazioni pacifiche.

Matteo Cazzulani