LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

REGRESSO DEMOCRATICO IN UCRAINA: JURIJ LUCENKO DA UN ANNO IN ISOLAMENTO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 26, 2011

L’ex-Ministro degli Interni, uno degli esponenti più carismatici dell’Opposizione Democratica ucraina, costretto alla detenzione in isolamento, all’alimentazione forzata, e ad assistere dietro alle sbarre ad uno dei processi politici organizzati dalle autorità per eliminare i Leader dell’Opposizione Democratica, tra cui l’ex-Primo Ministro, Julija Tymoshenko. Un video del collega Kostjantyn Usov di TVI ne racconta il caso

L'ex-ministro degli Interni, Jurij Lucenko

Per 365 giorni detenuto in isolamento a causa di 3 imputazioni prive di fondamento, con soli due testimoni a favore delle accuse, ma alcun verdetto che ne abbia certificato la colpa. Questo è il Santo Stefano che, oggi, trascorre Jurij Lucenko: esponente di spicco dell’Opposizione Democratica che, parimenti alla sua carismatica Leader, Julija Tymoshenko, è caduto vittima della repressione politica attuata dalla salita al potere del Presidente, Viktor Janukovych.

Il 26 Dicembre 2010, Lucenko è incarcerato in una cella di isolamento, prelevato dalle forze di polizia sotto casa sua, al rientro dalla passeggiata con il cane: sotto lo sguardo impotente di madre e figli. Mesi prima, giusto in seguito all’insediamento di Janukovych, a carico dell’ex-Ministro degli Interni sono sollevate tre imputazioni: incremento della paga e concessione di abitazioni governative illecita al suo autista, Leonid Prystupljuk, sperpero di danaro del bilancio statale per l’organizzazione della Giornata della Polizia del 2008, chiusura anticipata delle indagini sul cittadino Davydenko, l’ autista dell’ex-Vice-Procuratore Savchjuk – proprietario della casa in cui, durante la Rivoluzione Arancione, sarebbe stato avvelenato il futuro Capo di Stato, Viktor Jushchenko.

A sostegno di tali imputazioni, per cui è aperto un processo con la richiesta di 12 anni di reclusione per abuso d’ufficio, sono sopratutto l’allora Ministro degli Interni, Anatolij Mohyl’ov, il nuovo Procuratore Generale nominato da Janukovych, Viktor Pshonka, il suo vice, Rinat Kuz’min, e solo due dei più di 200 testimoni chiamati a testimoniare durante un lungo procedimento, condotto da un PM, Serhij Vovk, a sua volta indagato per truffa edile, ma finora graziato dalle autorità.

Costretto ad assistere alle sedute del proprio processo dietro a delle sbarre – barbara procedura che, illegalmente, dipinge l’imputato come già colpevole nella psicologia dei presenti e della Corte – Lucenko più volte denuncia il conflitto di interessi del giudice, e, per protesta, ricorre persino allo sciopero della fame. Nulla da fare, dal momento in cui le Autorità giudiziarie impongono la nutrizione forzata al ribelle galeotto: altra pratica autoritaria, vietata dall’Unione Europea, ma ancora ammessa dal Codice Penale ucraino.

Un carismatico arancione

Il processo all’ex-Ministro degli Interni continua lentamente, lasciando una condanna già annunciata sempre più lontana: così da mantenere al di fuori della vita politica una delle più importanti personalità dell’Opposizione Democratica. Aiutante del Segretario del Partito Socialista ucraino, Oleksandr Moroz, Lucenko nel 2002 è alla testa del movimento Ucraina senza Kuchma, in opposizione all’ex-Presidente Leonid Kuchma: di cui Janukovych è il delfino politico. Nel 2004, è uno dei più attivi colonnelli della pacifica Rivoluzione Arancione: ruolo per cui viene premiato da Jushchenko con la nomina a Ministro degli Interni nel primo governo di Julija Tymoshenko.

Deciso nel realizzare la promessa di giustizia, Lucenko adotta la mano dura contro gli oligarchi dell’Est del Paese, sponsor di Viktor Janukovych: un gesto di coerenza politica che gli costa caro fin a subito. Entrato in crisi con la Tymoshenko – dimissionata nel 2005 – Lucenko mantiene la carica sotto il secondo governo arancione di Jurij Jekhanurov, fino al 2006, quando la vittoria alle elezioni parlamentari di Janukovych – che realizza una coalizione di governo con comunisti e socialisti – ne provoca l’espulsione e, contemporaneamente, l’uscita dal Partito Socialista Ucraino per evidenti divergenze politiche con Moroz.

Nel 2007, fonda il Partito Avanti Ucraina – poi ribattezzato Narodna Samooborona – si riavvicina a Julija Tymoshenko, e, nelle elezioni anticipate del 2007, guida la lista filo-presidenziale Nasha Ukrajina, che gli consente il ritorno al Dicastero degli Interni nel secondo governo della Lady di Ferro ucraina. Ripristinata la lotta contro gli oligarchi, la sua immagine viene lesa dall’arresto del figlio in stato di ubriachezza all’aeroporto di Francoforte. Ciò nonostante, la Tymoshenko fa quadrato attorno a lui, difendendolo persino nei difficili giorni del suo terzo governo: esecutivo di minoranza, in cui la conta dei voti è necessaria per l’approvazione di ogni mozione.

Il saldo legame con la Leader degli arancioni porta Lucenko a condividere anche le conseguenze della risalita al potere di Janukovych, nel Febbraio 2010: parimenti alla Lady di Ferro ucraina – condannata a sette anni di isolamento per abuso d’ufficio nel corso delle trattative per il gas del Gennaio 2009 con l’allora suo collega russo, Vladimir Putin: il tutto dopo un processo farsa costruito su imputazioni montate ad hoc, e senza diritti per la difesa – l’ex-Ministro degli Interni diventa l’oggetto ed il simbolo di un regresso democratico sulle Rive del Dnipro.

Dinnanzi agli arresti di Lucenko e della Tymoshenko, alle ripetute risoluzioni di condanna da parte di USA, ONU, NATO, e Parlamento Europeo, è seguito, lo scorso 19 Dicembre, il congelamento della firma dell’Accordo di Asociazione UE-Ucraina: documento storico, con cui Kyiv avrebbe ottenuto il medesimo status di partner privilegiato di Bruxelles, oggi goduto da Islanda, Norvegia, e Svizzera.

Matteo Cazzulani

Advertisements

X CONGRESSO DI BAT’KIVSHCHYNA: JULIJA TYMOSHENKO RINNOVA IL PARTITO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on October 17, 2010

La principale forza dell’Opposizione Democratica avvia la campagna elettorale per le amministrative con idee, proposte, ed un ricambio generazionale

Il simbolo di Bat'kivshchyna

Un programma concreto, facce nuove, un appello al voto, ed una nuova sede. Con un mea culpa. Il decimo congresso di Bat’kivshchyna ha segnato il via libera ufficiale della campagna elettorale del principale partito dell‘Opposizione Democratica, in vista delle amministrative del 31 ottobre.

Il documento ufficiale esordisce con un appello rivolto a tutti gli elettori del campo democratico per invitarli a recarsi alle urne, e sostenere l’unica forza che, con coerenza e determinazione, sempre si è battuta per un’Ucraina giusta, democratica, europea ed indipendente.

“Chi vota il Partija Rehioniv, il Blocco Lytvyn, i comunisti ed il partito di Tihipko – riporta la mozione – approva l’innalzamento sistematico della bolletta del gas, la svendita degli interessi nazionali, l’annichilimento della Democrazia e della Libertà di Espressione, e l’innalzamento dell’età pensionabile”.

Il programma elettorale

La leader di Bat'kivshchyna, Julija Tymoshenko

Ciò nonostante, il sostegno richiesto non è a scatola chiusa. Difatti, Bat’kivshchyna – 37 mila tessere – si presenta con un programma serio, preciso, concreto ed innovativo. Ad esporlo, la Leader dell’Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko, che ha evidenziato come esso sia incentrato unicamente sui contenuti, e non sulle personalità candidate.

Primo punto di Ucraina del Terzo Millennio – così si intitola il programma – diffusione di internet per tutti. Uno strumento essenziale per mettere in contatto cervelli e talenti di ogni regione del Paese.

Un’idea, propria della Lady di Ferro ucraina, accompagnata da un pacchetto di proposte di legge di modifica della Costituzione, con l’obiettivo di restituire al Parlamento quella funzione di controllo sull’operato del presidente sottrattagli, lo scorso Primo di ottobre, da una sentenza della Corte Costituzionale. La quale ha ripristinato la Carta Suprema del 1996, e cancellato i progressi democratici compiuti dall’Ucraina negli ultimi cinque anni.

Meditazioni sul passato

Il vice leader di Bat'kivshchyna, Oleksandr Turchynov

Oltre al rinnovamento programmatico, un ricambio generazionale. I candidati alle prossime consultazioni, ed nuova leva di dirigenti, saranno scelti in base all’impegno ed alla fedeltà dimostrati nei periodi in cui Bat’kivshchyna è rimasta all’opposizione.

Come illustrato da Julija Tymoshenko, negli ultimi anni il partito è stato utilizzato come trampolino per le ambizioni personali di determinate figure, pronte a passare al campo avverso, non appena gli equilibri politici sono mutati.

Ma non solo proposte, e doverose condanne. L’anima dell’Opposizione Democratica ha colto l’occasione per riflettere sulle proprie responsabilità, e sugli sbagli del passato.

“I militanti di Bat’kivshchyna hanno le proprie responsabilità per la vittoria di Viktor Janukovych [l’attuale Capo di Stato, n.d.a.] alle scorse presidenziali – ha dichiarato la Lady di Ferro ucraina – ci siamo fidati di personalità dalla dubbia moralità, che hanno tradito quegli ideali, con cui anch’essi sono saliti al potere [il riferimento è a Oleksandr Moroz, leader dei socialisti, e all’ex Presidente, Viktor Jushchenko, pronti a trattare con Janukovych in diverse occasioni]”.

Una nuova sede

Al termine, modifiche statutarie, di alto valore politico. Tra esse, il cambio della sede centrale, motivato dall’impossibilità di esercitare serenamente l’attività politica, persino nel cuore della Capitale.

Come illustrato dal vice leader di Bat’kivshchyna, Oleksandr Turchynov, di recente le autorità hanno cercato di ostacolare i lavori del partito, anche con azioni concrete.

“Da dieci anni la nostra sede è stata nei pressi del centro di Kyiv – ha sentenziato il braccio destro di Julija Tymoshenko – ma con il ripristino della vecchia Costituzione, accanto al concetto di opposizione parlamentare sono venuti meno anche i diritti e le tutele politiche ad esso connessi”.

Una riflessione, purtroppo, rafforzata dai fatti. Nella serata di sabato, 16 ottobre, uno dei pullman dei delegati è stato fermato alle porte della Capitale, ed impossibilitato ad entrare in città per irregolarità poco chiare. I militanti sono stati costretti a raggiungere la meta in autobus.

Matteo Cazzulani