LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

REPUBBLICA CECA: GIÀ È CRISI TRA IL PRESIDENTE E IL GOVERNO DELLE LARGHE INTESE

Posted in Repubblica Ceca by matteocazzulani on January 13, 2014

Milos Zeman dichiara l’intenzione di non accettare alcuni dei Ministri del patto tra Partito SocialDemocratico Ceco, movimento moderato ANO e Unione Cristiano Democratica-Partito Popolare ceco proposti dal Premier Bohuslav Sobotka. Il Capo dello Stato intende incrementare il potere politico del Presidente e varare una colazione di sinistra-centro tra socialdemocratici e comunisti

La Coalizione non è ancora nata, ma già il Governo è alle prese con la prima crisi con il Presidente. Nella giornata di venerdì, 11 Gennaio, il Capo di Stato della Repubblica Ceca, Milos Zeman, ha dichiarato l’intenzione di bloccare la nomina di alcuni dei Ministri proposti dal nuovo Premier ceco, Bohuslav Sobotka.

In particolare, Zeman ha sottolineato come la carica di Ministro possa essere ricoperta solo da persone che dimostrano di non avere collaborato in passato con i Servizi Segreti sovietici, ed ha richiesto a Sobotka l’approvazione, come primo atto dell’agenda di Governo, di una Legge sul Servizio Civile che prevede il possesso da parte dei Titolari di Dicastero di un passato eticamente limpido.

Pronta è stata la riposta del Premier Sobotka, che ha invitato il Presidente a rispettare la Costituzione, che prevede l’obbligo da parte del Capo dello Stato di accettare la Nomina dei Ministri approvata dalla Camera dei Deputati.

Sobotka, che in caso di mancata nomina di alcuni Ministri ha evidenziato la volontà di appellarsi alla Corte Costituzionale contro il Presidente, è il Segretario del Partito SocialDemocratico Ceco che, dopo il mancato trionfo annunciato lo scorso Ottobre nelle Elezioni Parlamentari ceche, è stato costretto a varare una colazione delle Larghe Intese con il movimento moderato ANO e con l’Unione dei Cristiano Democratici-Partito Popolare ceco.

Zeman, ex-Premier socialdemocratico e primo Presidente ceco eletto direttamente dal popolo, sta invece cercando di incrementare i poteri del Capo dello Stato, e, per questo, ritiene una sua prerogativa l’intromettersi nell’attività di Governo.

Secondo indiscrezioni, Zeman mira a far saltare in primis la nomina del Leader di ANO, il miliardario Andrej Babis, a Ministro delle Finanze -Babis è sospettato di avere collaborato coi Servizi Segreti sovietici in Slovacchia, Stato da cui proviene- e quella dei socialdemocratici Lubomir Zaoralek e Svatopluk Nemecek rispettivamente a Ministro degli Esteri e Ministro della Sanità.

Le tre cariche prese di mira da Zeman hanno il preciso scopo di indebolire non solo la coalizione delle Larghe Intese -che senza il Ministero delle Finanze ricoperto da Babis non avrebbe ragione di esistere- ma anche gli equilibri interni al Partito SocialDemocratico, di cui Zeman è stato uno dei principali esponenti.

Il tentativo di rompere l’armonia interna al principale Partito ceco da parte del Presidente è già stata evidente quando, durante le consultazioni per il varo di una Coalizione di Governo, Zeman ha sostenuto il Vicesegretario Michal Hasek nel suo tentativo di formare un Governo di minoranza di socialdemocratici e Partito Comunista di Boemia e Moravia.

Le Larghe Intese possono funzionare

Nella giornata di lunedì, 6 Gennaio, Sobotka, Babis e il Capo dei cristiano democratici, Pavel Belobradek, hanno firmato la versione definitiva dell’Accordo di Coalizione, che prevede una lotta alla corruzione e all’evasione, la stabilizzazione del sistema sanitario e di welfare e l’incremento della spesa pubblica.

Secondo l’accordo, i socialdemocratici, oltre al Premierato per il Segretario Sobotka, ottengono importanti ministeri come Esteri, Interni, Lavoro e Politiche Sociali, e Industria e Commercio.

Oltre al Dicastero delle Finanze per Babis, i moderati del movimento ANO ottengono anche Difesa, Trasporti e Sanità.

Infine, l’Unione Cristiano Democratica-Partito Popolare, oltre al Vicepremierato e al Ministero della Scienza e Innovazione per il suo Leader Belobradek, ottiene anche i Dicasteri di Agricoltura e Sanità.

Matteo Cazzulani

IN REPUBBLICA CECA TROVATO L’ACCORDO PER UN GOVERNO DI CENTRO-SINISTRA

Posted in Repubblica Ceca by matteocazzulani on December 12, 2013

Il Segretario del Partito SocialDemocratico Ceco, Bohuslav Sobotka, ha concesso una redifinizione della politica fiscale per ottenere il sostegno del movimento populista ANO dell’imprenditore Andrej Babis e dell’Unione Cristiano-Democratica. La Coalizione impedisce il varo di un Governo di sola sinistra tra SocialDemocratici e comunisti fortemente caldeggiato dal Presidente, Milos Zeman, per rafforzare la sua posizione nella politica del Paese

Un Governo di centro-sinistra basato quasi interamente sull’economia. Nella giornata di giovedì, 10 Dicembre, il Segretario del Partito SocialDemocratico Ceco, Bohuslav Sobotka, ha annunciato di avere trovato l’accordo per la formazione di un Governo delle larghe intese con il movimento populista ANO e l’Unione Cristiano-Democratica.

La decisione è arrivata dopo lunghe trattative che hanno impegnato i tre soggetti politici sopratutto sul tema dell’economia: come dichiarato da Sobotka, le tre forze politiche hanno concordato di mantenere il deficit di bilancio al di sotto della soglia europea del 3%.

Discorso più complicato ha riguardato la politica fiscale, nella quale, secondo indiscrezioni che verranno sciolte solo nel fine settimana, i SocialDemocratici hanno modificato la decisione di imporre tasse di categoria su banche, Agenzie di telecomunicazione e rendite dai Titoli di Stato, opposte da ANO.

L’accordo trovato da Sobotka mette così fine al tentativo di creare una Coalizione alternativa di sola sinistra formata prevalentemente da SocialDemocratici e comunisti, alla quale stavano lavorando il Presidente, Milos Zeman, e il Vicesegretario del Partito SocialDemocratico Ceco, Michal Hasek.

Seppur di minoranza, il Governo di sola sinistra avrebbe rafforzato il potere del Presidente che, secondo indiscrezioni ben accreditate, sarebbe stato pronto ad indire Elezioni Anticipate per presentarsi come leader di una Coalizione tra SocialDemocratici e comunisti.

Un risultato al di sotto delle aspettative

La necessita di formare un Governo di Coalizione è dettata dal risultato delle ultime Elezioni Parlamentari ceche, che, contrariamente rispetto a quanto previsto, hanno visto una vittoria modesta dei SocialDemocratici con il 20% dei voti.

Secondo posto è stato ottenuto da ANO, forza populista creata dall’imprenditore Andrej Babis con il 18%, mentre, a sorpresa, terzo si è classificato il Partito Comunista Ceco, con il 15%.

Crollo invece è stato ottenuto dalle forze del Governo di centro-destra crollato per una serie di scandali: i liberal-conservatori TOP09 hanno ottenuto l’11% dei voti, mentre il Partito Democratico Civico è stato votato solo dal 7% degli aventi diritto.

Chiudono il movimento post-fascista Usvit, con il 7%, e i Cristiano-Democratici, che, grazie al 6% dei consensi, sono entrati nella coalizione di Governo.

Matteo Cazzulani

REPUBBLICA CECA: I SOCIALDEMOCRATICI ALLA CONTA INTERNA DOPO LA NON-VITTORIA ALLE ELEZIONI PARLAMENTARI

Posted in Repubblica Ceca by matteocazzulani on October 31, 2013

Il Segretario del Partito Social Democratico Ceco, Bohuslav Sobotka, dimissionato dalla conduzione delle trattative per il varo di una Coalizione di Governo dal suo Vice, Michal Hasek. Nella contesa per la guida dell’Esecutivo c’è anche la vendetta del Presidente della Repubblica, Milos Zeman.

Dopo il magro risultato elettorale, presso i Socialdemocratici cechi la resa dei conti interna è iniziata molto duramente. Nella giornata di martedì, 29 Ottobre, il Segretario del Partito Social Democratico Ceco, Bohuslav Sobotka, è stato estromesso dalle consultazioni per la formazione di un Governo di coalizione dal suo Vice, Michal Hasek.

La decisione, presa da un organismo interno del Partito, e che paventa anche il dimissionamento di Sobotka dalla guida dei Socialdemocratici, è stata accolta con fermezza dal Segretario, che ha sottolineato come egli possa essere cacciato solo con un voto a scrutinio segreto da parte del Comitato Centrale Esecutivo.

Oltre alla corrente interna di Hasek, vero regista dell’operazione anti-Sobotka è il Presidente della Repubblica, Milos Zeman: ex-Premier Socialdemocratico fuoriuscito dal Partito, che intende vendicarsi con l’attuale Segretario per il mancato sostegno alle votazioni parlamentari del 2003 e del 2013.

Nel 2003, i deputati Socialdemocratici -tra cui Sobotka- non appoggiarono Zeman, che pure aveva vinto le primarie interne al Partito. Nel 2013, nelle prime Elezioni Presidenziali dirette in Repubblica Ceca, vinte da Zeman, Sobotka ha supportato un proprio candidato, Jiri Dienstbier.

La guerra intestina ai socialdemocratici cechi ha provocato una doppia trattativa per la creazione di una colazione di Governo, che ha visto sia Sobotka che Hasek corteggiare il movimento moderato ANO dell’imprenditore Andrej Babis.

Vera sorpresa della consultazione elettorale, ANO, che raccoglie sostegni populisti, è riuscita ad ottenere il secondo posto, con il 18,65% dei voti, nelle Elezioni Parlamentari di sabato 26 Ottobre, arrivando a poca distanza dal Partito Social Democratico, primo con il 20,5% dei consensi.

Sobotka, oltre che con ANO, ha intrapreso negoziazioni anche con l’Unione Cristiano Democratica-Partito Popolare Ceco -settima forza partitica con il 6,78% dei voti- per il varo di una Coalizione di Governo delle Larghe Intese di minoranza.

Da parte sua, anche Hasek ha dichiarato di avere intrapreso negoziazioni con Babis, che, secondo il Vicesegretario, avrebbe accettato di buon grado la mediazione.

In forse i comunisti, fuori, per ora, le destre

Oltre alla guerra interna ai Socialdemocratici, resta ancora aperta la possibile partecipazione ad un Governo di minoranza del Partito Comunista di Boemia e Moravia, che ha ottenuto un inaspettato terzo posto con il 14,90% dei voti.

Sembrano, invece, esclusi dalla formazione di un esecutivo sia i liberal-conservatori di TOP09 -quarti con il 12% dei voti- che i conservatori del Partito Democratico Civico -crollati al 7% dei consensi dopo avere Governato per più di cinque anni.

Per ora, fuori sembra anche essere il movimento Alba per una Nuova Democrazia Rappresentativa, sesto con il 6,87% dei consensi.

Matteo Cazzulani