LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Bielorussia: Lukashenka esclude oppositori dalle liste elettorali

Posted in Bielorussia by matteocazzulani on August 23, 2012

Divieto di partecipazione per il Leader del movimento liberale e filoeuropeo Za Svabodu, Alyaksandr Milinkevych, e per il noto dissidente Niklau Paskevych. Le divisioni del dissenso bielorusso dinnanzi ad una consultazione parlamentare in cui ad avere la meglio sono con certezza le forze politiche filo-presidenziali

Firme scorrette, moduli irregolari, dichiarazioni dei redditi incomplete e sentenze giudiziarie sono le ragioni per le quali le Autorità bielorusse hanno decimato le liste dell’Opposizione in vista delle prossime Elezioni Parlamentari. Nella giornata di mercoledì, 22 Agosto, la Commissione Elettorale Centrale ha negato la partecipazione alla consultazione legislativa al Leader del Movimento filo-europeo di orientamento liberale Za Svabodu, Alyaksandr Milinkevych, e al noto oppositore del regime di Minsk, Niklau Paskevych.

Secondo la motivazione ufficiale, i due oppositori avrebbero omesso documenti importanti durante la presentazione delle loro candidature, ma gli attivisti dell’Opposizione bielorussa accusano il regime di volere sistematicamente escludere dalle liste elettorali ogni esponente di spicco del dissenso in Bielorussia.

Così, infatti, e capitato anche ad altri due leader dell’Opposizione, Niklau Statkevych ed Uladzimir Niaklayeu. Il primo e stato condannato a sei anni di detenzione per avere protestato contro i brogli elettorali perpetrati dalle Autorità Bielorusse durante le Elezioni Presidenziali del 19 Dicembre 2010, mentre al secondo la “giustizia” bielorussa ha imposto due anni di divieto di partecipazione alla vita politica per la medesima motivazione.

Oltre che l’estromissione dei principali candidati dell’Opposizione, a penalizzare il dissenso bielorusso e anche la cronica divisione con cui le diverse forze politiche si presentano alla tornata elettorale. Il movimento Bielorussia Europea, guidato dall’ex-Candidato alla presidenza, Andrey Sannikau, e la Democrazia Cristiana Bielorussa hanno deciso di boicottare la consultazione, mentre Za Svabodu e il Partito Mondo Giusto hanno giudicato utile prendere parte al voto con propri candidati.

Più originale e la posizione del Fronte Nazionale Bielorusso – capeggiato da Alyaksey Yanukevych – e del Partito Civico Unito di Anton Labiedzka, che hanno optato per la partecipazione al voto e l’immediata rinuncia da parte dei candidati eletti al mandato parlamentare in segno di protesta.

Dal canto loro, le Autorità governative si presentano agli elettori compatte, con liste uniche in sostegno del Presidente, Alyaksandr Lukashenka. Esse sono favorite, oltre che dall’estromissione dei principali avversari mediante l’arma della magistratura, anche dall’utilizzo di risorse statali e del favore della stampa di regime.

Tra i candidati dello schieramento filo-presidenziale emergono l’esponente di spicco del KGB bielorusso, Viktar Rusak, il Procuratore Eduard Senkevych, e il generale del Ministero degli Esteri Valery Gaydukevych.

Cacciato il Ministro degli Esteri vicino a Bruxelles

A proposito del Ministero degli Esteri, ha fatto discutere la decisione presa dal Presidente Lukashenka di sostituire il Capo della Diplomazia di Minsk, Syarhey Martynau, con il Capo dell’Amministrazione Presidenziale, Uladzimir Makey.

Martynau e stato l’unico esponente del governo della Bielorussia a non essere stato colpito dal divieto di ingresso in Unione Europea imposto da Bruxelles in risposta alle sistematiche violazioni dei Diritti Umani e della burocrazia da parte del regime di Lukashenka.

Inoltre, l’ex-Ministro degli Esteri e stato sempre considerato dalla Commissione Europea come l’unica personalità moderata dell’entourage di Lukashenka con cui potere dialogare per mantenere vivo il difficile dialogo tra la Bielorussia e l’Occidente.

Makey, il nuovo Capo della Diplomazia Bielorussia, di formazione pedagogica e linguistica, e il braccio destro di Lukashenka, e, secondo l’autorevole Radio pubblica polacca Polskie Radio, e uno degli esponenti politici di Minsk colpiti dal divieto di ingresso in Unione Europea.

Nonostante da Capo dell’Amministrazione Presidenziale Makey sia stato l’esecutore del tiepido processo di liberalizzazione in Bielorussia avvenuto dal 2008 al 2010 secondo le indicazioni UE, egli e considerato dai più importanti politologi l’esecutore delle direttive di Lukashenka.

La decisione di sostituire Martynau – dopo nove anni di servizio a capo del Dicastero degli Esteri – e un passo voluto dal Presidente bielorusso per rafforzare il controllo diretto di ogni settore della vita politica, e, nel contempo, di chiudere l’unico canale di cui l’Occidente ha potuto finora servirsi per mantenere aperto il dialogo con Minsk.

Matteo Cazzulani

BIELORUSSIA: DA LUKASHENKA ANCORA BROGLI

Posted in Uncategorized by matteocazzulani on December 19, 2010

Minsk sceglie il nuovo Presidente. L’opposizione denuncia disparità di condizioni, chiama i militanti in piazza, e richiede nuove elezioni senza il Bat’ka. Brogli e risorse statali assicurano la vittoria all’attuale Capo di Stato

Il presidente bielorusso, Aljaksandar Lukashenka

Ad Aljaksandar Lukashenka piace stare sul sicuro. Il regalo di San Nicola — giornata in cui mezza Europa si scambia i doni — che il Presidente bielorusso ha preparato ai suoi concittadini sono le solite elezioni truccate.

Così, il Bat’ka — come è definito in Patria — corre verso un quarto mandato, che lo incorona il governante più longevo del Vecchio Continente. A nulla sono servite le annotazioni di oppositori e politologi. I quali, dinnanzi al controllo totale dei media, il divieto imposto ai comizi degli avversari, e la nomina del 99% dei 70 mila rappresentati di lista, hanno evidenziato come, invece, Lukashenka si presenti come l’ultimo dittatore d’Europa.

A sfidare il Bat’ka, al potere dal 1994, nove candidati. Un record rispetto alle consultazioni precedenti. A non cambiare, tuttavia, la sostanza. Così come in passato, agli esponenti delle opposizioni è stato vietato un numero troppo alto di meeting elettorali, affidato un corpo di controllo speciale, ed interdetto l’acceso ai media per più di 30 minuti.

L’opposizione in piazza contro i brogli

Il Leader del partito Civico Unito, Jaroslav Romanchuk

Una situazione insostenibile, che ha spinto il Leader del movimento Di la Verità, Valadymyr Njakljajev, a richiedere nuove elezioni senza Lukashenka.

Il candidato del Partito Civico Unito, Jaroslav Romanchuk, ha evidenziato come i sondaggi certifichino un crollo dei consensi per Lukashenka. Come dimostrato dall’economista liberale, le rilevazioni sogiologiche della compagnia indipendente Insajt attestano il Bat’ka al 39%. Decisamente in calo, rispetto a quell’89%, di dubbia veridicità, con cui il Presidente bielorusso ha dichiarato di aver vinto nel 2006.

Pronta la risposta dei sondaggisti governativi. I quali, pur riconoscendo il calo di consensi, hanno assicurato al Capo di Stato di Minsk, con il 75%, la vittoria al primo turno.

Oltre a Njakljajev e Romanchuk, corrono il coordinatore dell’associazione Bielorussia Europea, Andrej Sannikov, il segretario del partito social-democratico Hramada, Nikolaj Statkevych, il leader del Fronte Nazionale Bielorusso, Rygorij Kastusev, il vice presidente della Democrazia Cristiana Bielorussa, Vitalij Rimashevskij, ed il vice segretario dei Verdi, Jurij Glushakov.

Dinnanzi all’ennesima farsa, chi già ha vinto sono i commercianti di Minsk. In seguito all’apello a scendere in piazza per una protesta non violenta ad urne chiuse, inoltrato dalle opposizioni, unite, tende e sacchi a pelo sono andati a ruba. Tardivo il provvedimento delle Autorità cittadine, che hanno proibito la vendita di articoli sportivi.

Alla fine dei conti, qualcuno a Minsk per San Nicola ha sorriso. Di certo, non l’opposizione. Continuamente repressa, e troppo poco ascoltata da un Occidente assetato di gas, in preda all’illusione obamiana del volemose bene con tutti, senza se e senza ma.

Anche con il Bat’ka bielorusso.

Matteo Cazzulani