LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

RIVOLTE IN EGITTO: TUTTO MERITO DI OTPOR

Posted in Balcani by matteocazzulani on February 18, 2011

Manifestanti egiziani addestrati dal movimento liberale serbo, già protagonista della caduta di Slobodan Milosevic, e delle rivoluzioni colorate nel Mondo-Ex-Sovietico

Il simbolo del movimento liberale non violento serbo, Otpor

La protesta del Nordafrica dal cuore dell’Europa. Come riportato dalla Deutsche Welle, ad istruire il Movimento 6 Aprile – iniziatore delle manifestazioni anti-Mubarak – sarebbero stati i serbi di Otpor, protagonisti della caduta di Slobodan Milosevic nel 2000.

Un incontro tra le due organizzazioni, il 28 gennaio, poco prima dei fatti di Tahrir Square, quando un fiume di manifestanti ha dato inizio ad una dimostrazione non violenta.

Proprio come quelle che, ad inizio secolo, hanno detronizzato il dittatore serbo.

Un know-how della protesta pacifica, dunque, che già ha interessato altri Paesi del mondo arabo e mediorientale – Tunisia ed Iran.

E che, prima ancora, tra il 2003 ed il 2008, è stato alla base delle Rivoluzioni Colorate nel Mondo Ex-Sovietico, con cui movimenti di ispirazione liberale e democratica hanno posto fine a democrature di eredità comunista.

Tra esse, quella delle Rose in Georgia – nel 2003 – Arancione in Ucraina – nel 2004 – dei Jeans in Bielorussia – nel 2006, l’unica, purtroppo, ad essere fallita – e Twitter in Moldova – nel 2008.

“La base della filofosia di Otpor è la non violenza – ha dichiarato Srdijan Milivojevic, veterano della resistenza a Milosevic, ora Parlamentare della Demokratska Stranka – sono convinto che tale metodologia sia efficace chi brama alla libertà”.

Una rivolta culturale

Su iniziativa del movimento liberale serbo, è stato creato il Centro per l’Applicazione della Strategia Non Violenta – CANVAS – attivo non solo sul piano politico, ma anche su quello culturale.

Tra le sue attività, la diffusione degli scritti di Gene Sharp, considerato il Macchiavelli della lotta non-violenta.

Secondo i dati CANVAS, il suo “Dalla Dittatura alla democrazia”, già Bibbia di Otpor, dal 2009 è stato scaricato da un altissimo numero di utenti nel mondo arabo.

Matteo Cazzulani