LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

IN UCRAINA ARRIVANO LE EUROSANZIONI MA È TARDI: YANUKOVYCH PROVOCA CENTO MORTI E MIGLIAIA DI FERITI

Posted in Ukraina by matteocazzulani on February 21, 2014

Il Consiglio Europeo congela i conti bancari e revoca i visti Schengen per le Autorità ucraine che non rispettano i Diritti Umani. Fuga in Europa degli oligarchi che supportano il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych.

Una posizione necessaria ma tardiva che non frena un’escalation violenta che già si è verificata. Nella giornata di giovedì, 20 Febbraio, il Consiglio Europeo ha finalmente approvato l’imposizione di sanzioni personali mirate per le Autorità ucraine che hanno violato la democrazia ed i diritti umani, e che si sono rese responsabili del massacro di più di cento persone negli ultimi due giorni e di più di mille feriti, provocate dall’aggressione armata delle forze speciali di polizia Berkut su preciso ordine del Presidente dell’Ucraina, Viktor Yanukovych.

Nello specifico, le sanzioni prevedono il congelamento dei conti bancari per le Autorità ucraine e per i loro famigliari, che hanno interessi e che studiano in Paesi dell’Unione Europea, il diniego della concessione dei visti Schengen per queste personalità, il bando di importazione di strumenti che possono essere utilizzati per reprimere il dissenso con la forza e la violenza.

Oltre alle sanzioni, il Consiglio Europeo ha anche invitato i Paesi UE a facilitare l’erogazione dei visti per i cittadini ucraini, sopratutto per arginare una crisi umanitaria alle porte dell’Unione, e per rafforzare i legami umani con un Popolo che appartiene alla grande famiglia europea per ragioni di carattere storico, culturale e sociale.

La decisione del Consiglio Europeo è stata presa mentre la rivolta si è consumata nel sangue, con scene che testimoniano una vera e propria guerra civile provocata dall’uso della forza sui manifestanti ordinato dal Presidente Yanukovych, che durante il massacro del suo popolo ha intrattenuto colloqui con la delegazione UE, composta dai Ministri degli Esteri di Polonia, Francia e Germania: Radoslaw Sikorski, Laurent Fabius, Frank-Walter Steinmeier.

Le trattative hanno portato alla convocazione urgente di una seduta del Parlamento, durante la quale, da parte dell’opposizione compatta e di alcuni esponenti del Partito delle Regioni del Presidente Yanukovych, è stato approvato il divieto per i reparti Berkut di permanere in città.

Il cessate il fuoco, che per essere effettivo necessità comunque della firma del Presidente, che non ha ancora firmato, non è stato votato dalla maggioranza dei Parlamentari del Partito delle Regioni, che sono riparati in alcuni Stati UE per mettere al sicuro i loro capitali prima dell’entrata in vigore delle tardive eurosanzioni.

Ad esempio, Rinat Akhmetov, uno dei principali sponsor di Yanukovych, noto per essere il Presidente della squadra di calcio Shakhtar Donetsk, è volato subito a Londra, dove ad attenderlo ha trovato un nutrito comitato di accoglienza di emigrati ucraini inferociti per la repressione violenta del dissenso.

Putin con Yanukovych si comporta come con Assad

Otre all’Europa, chi si muove meglio e con più coraggio è il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, che, durante una visita ufficiale in Messico, ha accusato il Presidente russo, Vladimir Putin, di inferire in Ucraina per destabilizzare la democrazia, così come fatto nei confronti della Siria.

In particolare, Obama, ripreso dal Guardian, ha sottolineato come Putin abbia dimostrato di non avere alcun rispetto per la volontà di autodeterminazione del popolo ucraino, che è sceso in piazza per la propria democrazia e per la propria libertà.

Nella mente di Obama è sicuramente la pressione economica, commerciale ed energetica -fatta di interruzione arbitraria delle forniture di gas ed embargo sui prodotti alimentari ucraini- che Putin sta da anni esercitando sull’Ucraina per destabilizzare la situazione interna al Paese ed inglobare Kyiv nell’Unione Doganale Eurasiatica.

Questo progetto di integrazione sovranazionale concepito per ricostruire un impero russo a forte matrice xenofoba e sciovinista orientato in primis alla distruzione dell’Europa e al contrasto della cultura occidentale.

Anche il Canada ha preso posizione, ed ha dichiarato, come già hanno fatto gli USA, di volere inasprire le sanzioni già imposte sugli ucraini responsabili della violazione dei Diritti Umani, come il restringimento dei visti.

Matteo Cazzulani

Advertisements

UCRAINA: YANUKOVYCH PREPARA LO STATO DI GUERRA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on February 1, 2014

L’ex-Ministro degli Interni, Vitaly Zakharchenko, ha richiesto al Presidente ucraino di ampliare la dotazione degli armamenti per la polizia di Regime Berkut. Il Capo di Stato ucraino pronto alla svolta autoritaria per paura di perdere il controllo dei suoi uomini.

Lanciarazzi e armamenti a Kyiv oggi come a Beslan nel 2004. Questo è lo scenario che si starebbe preparando in Ucraina, dove, nella giornata di venerdì, 31 Gennaio, le Autorità stanno valutando sempre più seriamente l’eventualità di introdurre nel Paese lo Stato di Guerra.

Come riportato dall’autorevole Dzerkalo Tyzhnia, il Ministro degli Interni, Vitaly Zakharchenko, prima di rassegnare le dimissioni, ha inviato al Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, la richiesta formale per dotare le forze speciali di polizia Berkut di armamenti eccezionali per porre fine alle manifestazioni per la democrazia e la Libertà contro il Regime dittatoriale del Presidente, che durano dal 21 Novembre scorso.

Nello specifico, Zakharchenko, che si trova in cima alla lista delle persone a cui Stati Uniti d’America e Canada hanno imposto sanzioni personali in seguito all’uccisione di almeno sette persone tra i manifestanti e a più di cento feriti, ha richiesto a Yanukovych la possibilità di utilizzare armamenti Trmel: potenti lanciarazzi utilizzati dall’esercito russo in Cecenia, sopratutto durante l’attacco alla scuola di Beslan.

A confermare la richiesta di armamenti supplementari dell’ex-Ministro, che secondo indiscrezioni dovrebbe essere nominato da Yanukovych a Capo del Consiglio Nazionale di Difesa e Sicurezza, è una lettera inviata giovedì, 30 Gennaio, dalle Forze Armate ucraine al Presidente “per permettere azioni straordinarie per stabilizzare la situazione nel Paese”.

Come riportato dalla Ukrayinska Pravda, la nota, sottoscritta dal Ministro della Difesa, Pavel Lebedev, descrive gli oppositori come “pericolosi per il mantenimento dell’ordine pubblico e dell’integrità della nazione” e, quindi, ritiene necessario l’uso delle armi per riportare l’ordine a Kyiv.

Del resto, gli armamenti per la polizia sono già stati ampliati dall’ultimo Decreto emanato dall’ex-Premier, Mykola Azarov, che, il 22 Gennaio scorso, ha permesso l’uso di una vasta gamma di granate, di gas urticanti e lacrimogeni, il lancio di proiettili ad altezza d’uomo, e l’utilizzo di idranti a temperature sotto zero.

Le prese di posizione di Zakharchenko e del Ministero della Difesa ucraino ventilano l’ipotesi di utilizzo della forza da parte del Presidente Yanukovych, che dopo avere costretto i Deputati del suo Partito delle Regioni a votare in favore di un Progetto di Legge che garantisce un’amnistia per gli oppositori incarcerati condizionata allo sgombero da l’arte dei Manifestanti degli Uffici Pubblici occupati per protesta -una presa di posizione che ha infranto gli accordi negoziati con i dimostranti pochi giorni prima- è fuggito in ospedale, ufficialmente per un’infiammazione respiratoria.

Come rilevato dall’ex-Presidente polacco, Aleksander Kwasniewski, con la fuga in ospedale e la visita al Parlamento per obbligare i suoi Deputati al voto, Yanukovych ha dimostrato di temere di perdere potere su quei reparti, come i Parlamentari e l’esercito, che finora gli hanno garantito il mantenimento del potere.

Azarov fugge in Austria

Un’altra figura del Regime ad avere optato per la fuga è l’ex-Premier Azarov, che, dopo essere stato dimissionato, si è trasferito in Austria, presso la residenza dovei il figlio ha una sua attività.

Come riportato dal giornale austriaco Kronen Zeitung, la scelta di Azarov è alquanto curiosa ed incoerente, in quanto proprio l’ex-Premier, uno dei più acerrimi oppositori dell’integrazione europea dell’Ucraina, ha più volte descritto l’Europa come “la Patria di deviazione culturali come il riconoscimento dell’omosessualità”.

Nello specifico, Azarov ha presentato l’Unione Europea come “una comunità di estrema sinistra” che, nell’ambito della forma dell’Accordo di Associazione con l’Ucraina -un documento che prevedeva la sola integrazione economica dell’economia Ucraina nel mercato unico UE- intendeva imporre la legalizzazione delle coppie omosessuali anche a Kyiv.

La Kronen Zeitung ha fatto sapere di avere fornito agli attivisti per i diritti degli omosessuali l’indirizzo dell’attività del figlio di Azarov per organizzare proteste e sit-in.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: YANUKOVYCH SI ARMA DOPO CHE L’OPPOSIZIONE RIFIUTA LA GUIDA DEL GOVERNO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on January 28, 2014

Arseniy Yatsenyuk e Vitaly Klichko rifiutano l’offerta del Presidente ucraino di guidare il Governo. Il Premier, Mykola Azarov, fa approvare al Consiglio dei Ministri misure che autorizzano limitazioni della libertà di movimento, l’acquisto urgente di munizioni e l’aumento del numero delle forze di polizia.

Un rifiuto totale all’inganno che, anche in caso di accettazione, non avrebbe evitato una conclusione violenta che il Governo ucraino sta per preparare. Nella giornata di lunedì, 27 Gennaio, il Leader del Partito social-popolar-democratico Batkivshchyna, Arseniy Yatsenyuk, e il Capo del Partito moderato UDAR, Vitaly Klichko, hanno rifiutato l’offerta del Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, di guidare il Governo rispettivamente come Premier e Vicepremier.

La decisione dei due Leader dell’Opposizione è stata comunicata prima della votazione al Parlamento delle Leggi Liberticide: una delle condizioni, assieme al ripristino della Costituzione del 2004 e al rilascio di tutti i prigionieri politici, che i dissidenti hanno posto a Yanukovych per accettare una proposta che, se recepita, avrebbe affossato per sempre l’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Ancor prima della rinuncia, il Premier ucraino, Mykola Azarov, durante una seduta del Consiglio dei Ministri ha varato una serie di misure che inaspriscono la presenza dei militari che fronteggiano gli oppositori, e che già hanno provocato almeno sette vittime tra i manifestanti.

Nello specifico, le misure approvate dal Consiglio dei Ministri consentono l’imposizione del divieto di mobilità in alcune strade della capitale Kyiv, autorizzano l’uso di riserve monetarie per l’acquisto di armi e munizioni, ed aumentano di sei volte il numero di Grifony e Berkut -le due divisioni della polizia di regime- fino ad un numero di 30 Milioni di uomini.

Come riportato da alcuni esperti, le misure approvati dal Consiglio dei Ministri, che il Parlamento potrebbe facilmente ratificare, anticipano lo Stato di Guerra che, come si vocifera, Yanukovych potrebbe introdurre a breve.

Rinforzi russi per Yanukovych?

Resta poi un ragionamento sulla provenienza dei rinforzi di Grifony e Berkut, che Azarov ha dichiarato di volere attingere dai riservisti e dai miliari oggi dislocati in missioni in diverse aree del pianeta: secondo un calcolo, i riservisti e i militari immediatamente disponibili non permetterebbero di raggiungere la quota dell’aumento fissato da Azarov.

Questo calcolo confermerebbe indiscrezioni ben informate secondo le quali il Presidente Yanukovych si sta già avvalendo dei Spetsnaz russi travestiti da Berkut, il cui numero potrebbe aumentare dopo la fine della Olimpiadi invernali di Sochi.

Diversi giornalisti hanno infatti notato Berkut incapaci di comprendere l’Ucraino che cambiavano rubli -la moneta della Federazione Russa- in Hryvnie -la divisa ucraina.

Se la notizia fosse confermata, si avrebbe un’ennesima prova dell’inserimento della Russia di Putin negli affari interni di un Paese che sulla carta è ancora indipendente.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: SCHULZ FA PROPRIE LE RICHIESTE DI SANZIONI DEL PD

Posted in Ukraina by matteocazzulani on January 27, 2014

Il Presidente del Parlamento Europeo invita l’Europa ad essere protagonista per una mediazione tra il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, e l’opposizione, ma non esclude misure punitive per quegli ucraini che sono responsabili del mancato rispetto della Democrazia e dei Diritti Umani nel caso i colloqui non andassero a buon fine. Accolte le richieste inviate dal Vicepresidente Vicario del Parlamento Europeo, Gianni Pittella, dopo la sua missione a Kyiv.

Un’Europa protagonista che cerca la mediazione ma che non ha paura di imporre sanzioni per chi non rispetta la Democrazia e i Diritti Umani. Nella giornata di Domenica, 26 Gennaio, il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, ha dichiarato che le Istituzioni Europee sono pronte ad imporre sanzioni nei confronti di quelle autorità ucraine responsabili delle aggressioni armate nei confronti di manifestanti, politici e giornalisti, che hanno provocato minimo sei morti e diverse centinaia di arrestati.

Nello specifico, il Presidente Schulz, intervistato dalla Deutsche Welle, ha dichiarato che le sanzioni interessano il blocco dei conti bancari delle Autorità ucraine e la mancata concessione dei visti per l’Area Schengen, dove queste personalità mantengono ingenti capitali finanziari ed immobili.

Nella sua intervista, il Presidente del Parlamento Europeo ha dichiarato che l’Unione Europea sarà parte attiva nel processo di mediazione tra le autorità e i manifestanti, per cercare, prima di imporre sanzioni, di trovare una soluzione pacifica tra il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, e gli oppositori, senza che le forze speciali di polizia Berkut continuino a mietere vittime.

Il modello, come ha spiegato Schulz, è quello della Rivoluzione Arancione del 2004, quando l’UE ha ricoperto un ruolo fondamentale per la risoluzione pacifica di un’impasse politica tra il regime semi-dittatoriale dell’allora Presidente Leonid Kuchma -che guardacaso appoggiava la corsa alla Presidenza dell’attuale Capo di Stato Yanukovych- e il campo democratico guidato da Yulia Tymoshenko -una delle più di cento vittime di casi di giustizia selettiva in Ucraina, che allora supportava la candidatura alla Presidenza di Viktor Yushchenko.

Le dichiarazioni di Schulz recepiscono in maniera soddisfacente l’appello lanciato dal Vicepresidente Vicario del Parlamento Europeo, Gianni Pittella che ha incontrato a Kyiv i manifestanti ucraini, la figlia di Yulia Tymoshenko e la giornalista barbaramente picchiata Tetyana Chornovol per dare loro la solidarietà delle Istituzioni UE, dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici Europei e del Segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi.

Pittella, dopo avere illustrato la necessità che l’Europa abbia una posizione forte nella questione ucraina, ha richiesto alle Istituzioni Europee l’imposizione di sanzioni per quelle Autorità ucraine che si macchiano del mancato rispetto della Democrazia e dei Diritti Umani, e, nel contempo, ha richiesto la liberalizzazione dei visti Schengen per quegli ucraini che desiderano viaggiare, lavorare e trasferirsi in UE.

Tusk parla con l’opposizione

L’invito di Schulz, che come Pittella appartiene al Gruppo dei Socialisti e Democratici Europei, a un ruolo più attivo dell’Europa è stato recepito dal Premier polacco, Donald Tusk, che, sempre Domenica 26 Gennaio, ha intrattenuto una conversazione telefonica con il Leader del Partito social-popolar-democratico di opposizione Batkivshchyna, Arseniy Yatsenyuk, a cui il Presidente Yanukovych ha offerto la guida del Governo.

Tusk, possibile Candidato del Partito Popolare Europeo alla Presidenza della Commissione Europea, ha dichiarato pieno sostegno ai democratici ucraini, ed ha richiesto una soluzione pacifica di un conflitto che, se continuerà a generare morti, porterà l’Ucraina alla catastrofe.

Il Premier polacco ha infine informato Yatsenyuk in merito alla politica che l’UE ha approntato per l’Ucraina, ed ha invitato il Leader in pectore di Batkivshchyna -che sostituisce l’incarcerata Tymoshenko- a prendere tutte le decisioni opportune per un accordo utile e vantaggioso con il Presidente Yanukovych.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: YANUKOVYCH TENTA DI INDEBOLIRE IL MAYDAN CON IL DIVIDE ET IMPERA E LA PAURA DELLO STRANIERO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on January 25, 2014

Il Presidente ucraino difende le forze di polizia, minimizza le violenze, non cita le vittime tra i manifestanti, e nomina il responsabile delle aggressioni armate sui dimostranti Andriy Klyuyev, a Capo dell’Amministrazione Presidenziale. Svezia e Polonia condannano la violenza, mentre Italia e Francia convocano gli Ambasciatori per consultazioni urgenti

Bugiardo, scaltro, ed anche cinico. Nella giornata di venerdì, 24 Gennaio, il Presidente ucraino, Vitkor Yanukovych, ha dichiarato la volontà di dividere tra facinorosi e pacifici l’Euromaidan, la manifestazione iniziata il 21 Novembre in sostegno all’integrazione dell’Ucraina in Europa, diventata guerra civile dopo ripetuti interventi armati da parte della polizia di regime Berkut, che hanno provocato già almeno 5 morti.

Durante un vertice con le Chiese di Ucraina, il Capo di Stato ucraino ha difeso l’operato delle forze di polizia ed ha accusato i dimostranti di essere coadiuvati da agenti violenti stranieri arrivati in Ucraina per destabilizzare la situazione politica del Paese.

Il Presidente ucraino ha poi promesso una dura reazione alle occupazioni delle Prefetture delle Regioni occidentali del Paese, dove i manifestanti, assieme alle Forze dell’Ordine -che sono passate in massa con i dimostranti- hanno rovesciato i Prefetti nominati da Yanukovych.

Yanukovych ha anche dichiarato di comprendere con tristezza le condizioni in cui versano i manifestanti che, come da lui dichiarato, hanno visto anche un caso di congelamento.

Infine, il Presidente ucraino ha nominato a Capo dell’Amministrazione Presidenziale Andriy Klyuyev: ex-Capo del Consiglio Nazionale di Difesa e Sicurezza, già responsabile delle aggressioni violente sui manifestanti.

Klyuyev, su cui l’Austria ha avviato un processo di congelamento dei beni immobili per essere stato responsabile della violazione dei diritti umani e della democrazia, rimpiazza Serhiy Lyovochkin: famoso nel Paese per avere assunto un linea più morbida rispetto a quella di Yanukovych.

Pronta è stata la reazione dell’Opposizione filo europea, che ha dichiarato l’intenzione di continuare la protesta in maniera pacifica, senza chiudere la porta a negoziati con il Presidente ucraino, né però tollerare ogni forma di violenza.

A livello internazionale, il Ministro degli Esteri svedese, Carl Bildt, ha descritto come una sconfitta il tentativo da parte del regime ucraino di risolvere la situazione con la forza, mentre in Polonia il Parlamento ha approvato una risoluzione che richiede l’imposizione di sanzioni nei confronti di quelle Autorità ucraine responsabili del mancato rispetto della Democrazia e dei Diritti Umani.

Sanzioni nei confronti della Autorità ucraine -sulla base di quanto già fatto dagli Stati Uniti d’America- sono state chieste ufficialmente anche dal Vicepresidente del Parlamento Europeo, Gianni Pittella, mentre il Viceministro degli Esteri italiano, Marta Dassù, ha convocato l’Ambasciatore ucraino in Italia, Yevhen Perelihyn, così come fatto dal Ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius.

Il Presidente ucraino omette la realtà

Le dichiarazioni di Yanukovych mirano a rovesciare in pieno sui manifestanti la responsabilità degli scontri nel pieno centro della Capitale Kyiv. Infatti, nessuna parola è stata detta dal Capo di Stato ucraino in merito agli spari ad altezza d’uomo che la polizia ha avviato per prima sui manifestanti, così come non è stato commentato il video che ha ripreso un giovane arrestato umiliato nudo in mezzo alla neve, secondo un rituale di nazista memoria.

La presentazione di una protesta equamente divisa tra falchi e colombe da parte di Yanukovych, oltre che non veritiera, è poi una forzatura che mira a indebolire una manifestazione imponente, che non ha precedenti nella storia del Paese, e che ha visto continui picchi di partecipazione addirittura verso il milione di persone.

Il Presidente ucraino cerca di fare leva sull’opinione pubblica ucraina anche rinnovando l’immaginario del complotto straniero: uno stratagemma già adottato a più riprese dalle Autorità in epoca sovietica che serve a Yanukovych per distogliere l’attenzione sull’infiltrazione di agenti russi tra i Berkut, come alcune ben documentate indiscrezioni hanno riportato.

Infine, con la dichiarazione in merito alla persona congelata, non è chiaro se il Presidente ucraino abbia fatto riferimento a Yuri Verbitsky: l’unica vittima morta per congelamento dopo essere stata rapita e torturata dalle forze dell’ordine.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: LA POLIZIA ATTACCA MANIFESTANTI, SEDI DI PARTITO E TV

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 10, 2013

Le forze speciali di polizia Berkut, alle dirette dipendenze del Presidente, Viktor Yanukovych, irrompono nella sede di Batkivschyna e del canale indipendente INTV. Il Leader dell’Opposizione, Arseny Yatsenyuk, promette la continuazione della manifestazione

Incursione nelle sedi di Partito, occupate le televisioni, malmentati i manifestanti in strada. Così ha visto il suo culmine la giornata in cui in a Kyiv le forze speciali Berkut, alle dirette dipendenze del Presidente, Viktor Yanukovych, hanno avviato la repressione delle dimostrazioni in sostegno dell’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Alle ore 16 -ora italiana, in Ucraina erano le 17- la polizia ha dismesso con la forza i presidi che i manifestanti hanno avviato presso le sedi dell’Amministrazione Presidenziale, Parlamentare e Locale, mentre poco più tardi i Berkut hanno avviato cariche sporadiche contro i dimostranti presso il centralissimo Maydan Nezalezhnosti, dove le tende, nelle quali un milione di partecipanti alla manifestazione hanno dormito durante queste notti, sono state disarcionate.

In seguito, i Berkut hanno fatto irruzione nella sede del principale Partito di opposizione, Batkivshchyna, e nel canale indipendente INTV, dai quali sono stati sequestrati tutti i server, e dove sono stati semidistrutti porte e arredamento.

A riconoscere la paternità delle azioni sono stati i Servizi Segreti, che hanno scollegato la motivazione delle incursioni con la manifestazione in sostegno dell’integrazione dell’Ucraina all’UE, bensì motivando il gesto come un’azione di normale controllo.

Differente l’opinione del Leader in pectore di Batkivshchyna, Arseny Yatsenyuk, che ha sottolineato come l’azione sia stato un chiaro avvertimento del Presidente Yanukovych di partecipare alla Tavola Rotonda che ha accettato di indire per superare una crisi che dura oramai da più di due settimane.

Yanukovych a Kyiv come Lukashenka a Minsk

Le manifestazioni, che oltre all’ingresso dell’Ucraina in Europa richiedono anche le dimissioni di Yanukovych e del Premier, Mykola Azarov, sono iniziate dopo che il Presidente ucraino non ha firmato l’Accordo di Associazione con l’UE: un documento che avrebbe integrato l’economia di Kyiv nel mercato unico europeo.

Yanukovych, che già una volta ha ordinato ai Berkut di intervenire con la forza picchiando manifestanti e giornalisti, non ha firmato l’Accordo di Associazione perché vuole mantenere l’Ucraina equidistante tra UE e Russia che, a sua volta, vuole inglobare Kyiv nell’Unione Doganale Eurasiatica: progetto di integrazione sovranazionale concepito dal Presidente russo Putin per estendere l’egemonia di Mosca nello spazio ex-sovietico.

Il progetto di Putin, che senza l’Ucraina non può compiersi, è destinato al successo, perché, così come avvenuto in Bielorussia, anche Kyiv è destinata ad essere inglobata nella Russia se chiude con l’UE.

Questo fatto avrebbe conseguenze non buone per l’UE, dato che, come dichiarato dallo stesso Putin, la creazione dell’Unione Doganale Eurasiatica -possibile solo con l’Ucraina- è concepita per disgregare l’Europa ed escluderla dalla competizione economica mondiale.

Matteo Cazzulani

LA MARCIA DEI MILIONI IN UCRAINA CHIEDE EUROPA ED ELEZIONI ANTICIPATE

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 9, 2013

Un milione i manifestanti in piazza a Kyiv per richiedere la firma dell’Accordo di Associazione con l’UE e le dimissioni di Governo e Presidente. Presidiate le sedi dell’Amministrazione Presidenziale, Parlamentare e Locale, abbattuto il monumento a Lenin

300 Mila secondo le Autorità, un milione, e c’è da crederci, secondo gli organizzatori. Questi i numeri della Marcia dei Milioni: dimostrazione avvenuta Domenica, 8 Dicembre, a Kyiv, nell’ambito della manifestazione in sostegno dell’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

I manifestanti hanno presidiato non solo la piazza principale della capitale, il Maydan Nezalezhnosti e la via Khreshchatyk, ma anche le sedi dell’Amministrazione Presidenziale, Parlamentare e Locale, con lo scopo di paralizzare l’attività politica a partire dal giorno successivo.

Oltre al blocco dell’attività politica, i manifestanti hanno richiesto la liberazione immediata dei 16 arrestati in seguito alle repressioni sui dimostranti attuate dalle forze speciali di polizia Berkut, alle dirette dipendenze del Presidente ucraino, Viktor Yanukovych.

Rivendicazioni dei manifestanti sono anche di carattere politico. I Leader dell’Opposizione, Arseniy Yatsenyuk e Vitaly Klichko, hanno richiesto la formazione di un Governo Tecnico che, dopo avere firmato l’Accordo di Associazione con l’UE -documento che permette l’integrazione di Kyv nel mercato unico europeo che il Presidente Yanukovych non ha voluto firmare- e un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, porti ad Elezioni Parlamentari Anticipate. Come primo atto, il nuovo Parlamento deve poi indire Elezioni Presidenziali Anticipate.

Simbolo della rabbia dei manifestanti contro le repressioni delle Autorità e la scelta del Presidente Yanukovych di non firmare l’Accordo di Associazione con l’UE, è stato l’abbattimento della statua di Lenin: un monumento, finora presidiato da attivisti del Partito Comunista, che mai dalla caduta dell’Unione Sovietica è stato nemmeno danneggiato.

Il monumento a Lenin è stato considerato dai manifestanti l’emblema dell’oppressione russa, che si è fatta notevolmente presente dopo una visita urgente, sabato, 7 Dicembre, tra Yanukovych e il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.

Secondo indiscrezioni, i due avrebbero concordato, in cambio di uno sconto sul prezzo del gas per Kyiv, l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Doganale Eurasiatica: progetto di integrazione sovranazionale concepito da Putin per estendere l’egemonia di Mosca nello spazio ex-URSS e cancellare l’UE dalla competizione mondiale.

Schulz invita Yanukovych a considerare i manifestanti

Sostegno alla manifestazione per l’ingresso dell’Ucraina in Europa è pervenuto dal Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, che ha invitato Yanukovych ad ascoltare la volontà del suo popolo.

In azione anche la Commissione Europea, che ha pianificato una missione dell’Alto Rappresentante per la Politica Estera UE, Catrine Ashton, finalizzata alla risoluzione pacifica della crisi politica.

Importante è stato anche il commento del Ministro degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, che ha sottolineato come l’Ucraina di oggi sia un Paese molto simile alla Polonia del 1989: un Paese che ha voglia d’Europa per superare una profonda crisi economica.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: SCHULZ E YANUKOVYCH AL BRACCIO DI FERRO A DISTANZA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 3, 2013

Il Presidente del Parlamento Europeo invita al rispetto della libertà di espressione a Kyiv, mentre il Capo di Stato ucraino contesta i dimostranti come sovversivi. Anche USA e Russia entrano nella polemica ucraina.

Il Diritto di manifestare e la protesta pacifica di un popolo che desidera l’Europa ha innalzato un dibattito mondiale sull’Ucraina. Nella giornata di lunedì, 2 Dicembre, il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, ha condannato le violenze sul milione di manifestanti che stanno dimostrando da due settimane in sostegno all’integrazione dell’Ucraina in Unione Europea perpetrate dalle forze speciali di polizia Berkut alle dirette dipendenze del Presidente ucraino, Viktor Yanukovych.

Nello specifico, il Presidente Schulz ha anche inviato l’Ucraina a rispettare le libertà fondamentali su cui la Comunità europea basa le sue fondamenta, come quella di espressione, manifestazione e riunione, ed ha invitato le Autorità ad avviare fin da subito un dialogo con le forze politiche dell’Opposizione, che, compatte, sostengono la protesta.

Il Presidente Yanukovych ha declinato l’invito di Schulz, ed ha accusato i manifestanti di organizzare azioni volte a destabilizzare la stabilita del Paese in vista delle prossime Elezioni Presidenziali del 2015.

Inoltre, Yanukovych ha ribadito la sua decisione di non firmare l’Accordo di Associazione con l’UE: documento che integra l’Ucraina nel mercato unico libero europeo, che Yanukovych non ha firmato durante il Vertice del Partenariato Orientale UE di Vilna, nonostante il parere favorevole della maggior parte della popolazione.

Condanna alla condotta di Yanukovych è stata espressa dagli Stati Uniti d’America che, con una nota, hanno condannato le ripetute cariche della polizia sui dimostranti, ed hanno invitato il Presidente ucraino, che attualmente possiede la Presidenza di Turno dell’OSCE, a rispettare i valori fondanti dell’Organizzazione come quello di manifestare liberamente.

Da parte sua, il Presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che le manifestazioni del milione di ucraini per l’Europa sono un Pogrom volto a rovesciare la stabilita politica in Ucraina, ed ha criticato le violenze perpetrate da alcuni manifestanti.

Il Presidente russo ha volutamente tralasciato che, come testimoniato da molti media, tra cui l’Ukrayinska Pravda, alcuni attacchi da parte dei manifestanti, che hanno poi provocato la reazione della polizia, sono stati provocati da agenti infiltrati dall’Amministrazione Presidenziale di Yanukovych per giustificare la repressione e discreditare la protesta filo-UE.

Varsavia tenta la mediazione con Kyiv

Tentativo di mediazione è apportato dalla Polonia, il cui Presidente, Bronislaw Komorowski, d’accordo con il Presidente della Commissione Europea, Jose Manuel Barroso, ha avviato consultazioni con Yanukovych per riaprire al più presto i negoziati per la firma dell’Accordo di Associazione.

A evidenziare l’importanza della mediazione con l’Ucraina è il Premier polacco, Donald Tusk, che ha sottolineato come, de facto, la Russia non abbia offerto ancora nulla di più rispetto a quanto fatto dall’UE.

Gli ucraini vogliono l’integrazione nell’UE perché vedono l’ingresso in Europa come un’opportunità di sviluppo, benessere ed appartenenza ad una comunità che, nonostante le sue varie problematiche, garantisce agli Stati membri Pace, Progresso, Democrazia e Diritti Umani.

Perché Kyiv è così contesa

L’UE necessita di integrare l’Ucraina per abbattere le tariffe doganali nei confronti di un mercato in grado di assorbire, e far incrementare la domanda di produzione delle industrie europee, che oggi vivono una grande crisi.

Per l’UE, l’Ucraina rappresenta anche un capitale agricolo, umano ed economico importante, ed è proprio attraverso il territorio ucraino che, ad oggi, sopratutto i Paesi dell’Europa Meridionale importano il gas russo.

La Russia vuole impedire l’integrazione dell’Ucraina nell’UE perché vuole inglobare Kyiv nell’Unione Doganale Eurasiatica: progetto di integrazione sovranazionale concepito da Mosca per estendere l’egemonia russa nello spazio ex-sovietico.

Come dichiarato a più riprese, Putin vuole costituire l’Unione Eurasiatica per annichilire l’Europa ed estromettere l’UE dalla competizione internazionale in un mondo sempre più globalizzato dominato, oltre che dagli USA, anche da Cina, India ed altre potenze emergenti.

Matteo Cazzulani

UCRAINA: YANUKOVYCH CONTINUA A PICCHIARE ANCHE I GIORNALISTI

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 2, 2013

Le forze speciali di polizia Berkut, alle dirette dipendenza del Presidente ucraino, picchiano il corrispondente polacco Pawel Pieniazek pur consapevoli della sua professione testimoniata dal badge in evidenza sui vestiti del cittadino UE. Come confermato da più fonti, il Regime ucraino infiltra nella protesta provocatori per discreditare i dimostranti agli occhi dell’Opinione Pubblica mondiale e legittimare la repressione

Si dice che una Rivoluzione la si riconosce quando la polizia interviene sulla folla, mentre un regime reazionario si distingue quando ad essere picchiati sono anche i giornalisti. Nella giornata di Domenica, Primo di Dicembre, il corrispondente della testata polacca Krytyka Polityczna, Pawel Pieniazek, è stato aggredito dalle forze speciali di polizia Berkut schierate dal Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, per reprimere le manifestazioni di un milione di dimostranti a Kyiv in supporto dell’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Come riportato da Gazeta Wyborcza, il giornalista polacco, soccorso da una collega della TV ucraina e da un’ambulanza, è stato malmenato perché intento ad osservare uno dei tanti scontri tra i Berkut e i dimostranti avvenuti nella giornata di Domenica.

“Ho mostrato il badge da giornalista, ma non c’è stata possibilità alcuna di fermare l’aggressione delle forze speciali di polizia -ha dichiarato il corrispondente- Ho ricevuto manganellate forti, sopratutto dietro alla testa”.

I Berkut, famosi per le aggressioni violente attuate per terrorizzare i manifestanti, senza distinguere l’obiettivo che si colpisce, sono forze speciali di polizia -paragonabili agli OMON russi- alla diretta dipendenza del Presidente Yanukovych.

Le forze speciali di polizia sono in azione da venerdì, 29 Agosto, quando più di cento tra manifestanti e giornalisti sono stati picchiati, arrestati e rinchiusi in commissariato per avere preso parte alle proteste dovute alla mancata firma da parte del Presidente Yanukovych dell’Accordo di Associazione con l’UE: documento che avrebbe integrato l’economia ucraina nel mercato unico europeo.

Oltre all’opposizione all’integrazione dell’Ucraina in Europa, la reazione dei Berkut è motivata dalle azioni violenti di provocatori mascherati che, come confermato dalla deputata del Partito delle Regioni del Presidente Yanukovych, Inna Bohoslovska, sono ingaggiati dall’Amministrazione Presidenziale ucraina e da quella del Presidente russo, Vladimir Putin, tra ultras di calcio e giovani studenti dell’Accademia di Polizia per discreditare la protesta agli occhi dell’Opinione Pubblica e legittimare la repressione.

Infatti, Putin ha tutto l’interesse a presentare la protesta in supporto all’Europa degli ucraini come violenta, come hanno fatto i principali media russi -spesso citati con leggerezza dagli organi di stampa italiani- perché vuole inglobare l’Ucraina nell’Unione Doganale Eurasiatica: progetto di integrazione sovranazionale concepito per estendere l’egemonia di Mosca nello spazio ex-sovietico ed eliminare l’UE dalla competizione internazionale.

L’UE a fianco dei manifestanti

Differente è stata la reazione dell’UE, che ha sostenuto convintamente i manifestanti, come dimostrato dalla presenza durante le manifestazioni di Domenica del Vicepresidente del Parlamento Europeo, Jacek Protaszewicz.

Importanti sono anche le prese di posizione del Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, del Presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, e del Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, che hanno dichiarato la volontà di tenere aperta la porta per l’ingresso dell’Ucraina in UE nonostante la rinuncia unilaterale del Presidente Yanukovych.

Ad attivarsi è stata anche la Polonia, in cui il Presidente, Bronislaw Komorowski, ha convocato una seduta urgente del Comitato per la Sicurezza e la Difesa Nazionale dopo che il Premier, Donald Tusk, ha intrattenuto colloqui urgenti sull’Ucraina con il Ministro degli Esteri, Radoslaw Sikorski, e con quello della Difesa, Tomasz Siemoniak.

Matteo Cazzulani

YANUKOVYCH USA LA VIOLENZA SUL MILIONE DI MANIFESTANTI PER L’UCRAINA IN EUROPA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 1, 2013

I Berkrut, forze speciali di polizia agli ordini diretti del Presidente ucraino, provocano cento feriti e svariate decine di arresti in seguito a provocazioni causate da inflitrati violenti pagati dal Partito delle Regioni. Sostegno alla manifestazione da parte delle Autorità europee.

C’è ancora chi osa negarlo, ma la protesta per l’integrazione dell’Ucraina in Europa, avvenuta a Kyiv anche nella giornata di Domenica, Primo di Dicembre, ha assunto le dimensioni della vera e propria Rivoluzione. Un milione di manifestanti pacifici, provenienti da tutte le parti del Paese, si sono riuniti presso il centro della capitale ucraina, ed hanno dato vita ad una vera e propria fiumana umana non violenta che ha sfilato dopo che il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, ha deciso di non firmare l’Accordo di Associazione UE-Ucraina, nonostante il parere contrario della maggior parte della popolazione.

La protesta avviene all’indomani di una vera e propria notte di sangue, durante la quale decine di manifestanti sono stati arrestati, picchiati e confinati in commissariato a seguito di ripetute cariche delle forze speciali di polizia Berkut, che agiscono alle dirette dipendenze del Presidente Yanukovych.

Anche nella giornata di Domenica si sono verificate cariche della polizia che hanno incrementato il numero di feriti a un centinaio, tra cui molti giornalisti e cittadini UE accorsi a sostenere la protesta degli Ucraini in sostegno all’integrazione nell’UE.

Come riconosciuto dall’ex-Ministro dello Sviluppo Economico, Petro Poroshenko, gli scontri sono stati causati da infiltrati ingaggiati dal Partito delle Regioni -la forza partitica del Presidente Yanukovych- per discreditare la protesta pacifica agli occhi dell’opinione pubblica internazionale e giustificare l’intervento armato dei Berkrut.

Più drastica è statala destimonianza della Deputata Inna Bohoslovska, che, oltre ad avere abbandonato il Partito delle Regioni in segno di protesta per la violenza utilizzata dalle forze speciali di polizia, ha dichiarato che le provocazioni sono state organizzate con la cooperazione del Presidente russo, Vladimir Putin.

In effetti, la Russia ha tutto l’interesse ad arrestare la protesta del milione di ucraini in piazza perché vuole inglobare l’Ucraina nell’Unione Doganale: progetto di integrazione sovranazionale concepito per estendere l’egemonia di Mosca su tutto lo spazio ex-sovietico e, con l’integrazione di Kyiv, annichilire l’UE nella competizione nel mercato globale.

Pronta è stata la risposta delle Autorità UE, che si sono schierate con i manifestanti grazie alla presenza del Vicepresidente del Parlamento Europeo, Jacek Protaszewicz che, intervenuto davanti alla folla a Kyiv, ha sottolineato come le porte dell’Europa per l’Ucraina rimangano sempre aperte.

Importanti sono state anche le note del Ministro degli Esteri della Lituania, Linas Linkevicius, che ha evidenziato come la protesta avvicini l’Ucraina all’Europa, e quella dei Capi della Diplomazia di Polonia e Svezia, Radoslaw Sikorski e Carl Bildt, che hanno riportato il sostegno alla volontà popolare degli ucraini e la critica alle pressioni esercitate dalla Russia su Yanukovych.

Il Presidente teme la destituzione

Critiche ai manifestanti sono state invece sollevate dal Premier ucraino, Mykola Azarov, che ha ipotizzato conseguenze penali per turbamento della stabilità del Paese per chi prende parte alle dimostrazioni di piazza.

Da parte sua, il Presidente Yanukovych ha promesso l’apertura di un’inchiesta sulle violenze, ma ha rafforzato il dispiegamento dei Berkut nei pressi della sua tenuta presidenziale privata.

Come ventilato dai manifestanti, il Capo di Stato ucraino teme che la sua residenza possa diventare l’obiettivo di una catena umana di migliaia di persone determinate a chiedere le sue immediate dimissioni.

Nel frattempo, Yanukovych è già stato abbandonato per protesta anche dal Capo della sua Amministrazione, Serhiy Lyovochkin, dimessosi in segno di disaccordo con la repressione delle manifestazioni pacifiche.

Matteo Cazzulani