LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Ucraina: Yatsenyuk resta Premier anche se senza maggioranza

Posted in Ukraina by matteocazzulani on August 1, 2014

Il Premier ucraino ottiene la fiducia con un largo consenso, anche se la coalizione ‘Scelta Europea’ resta separata. Approvato l’Assestamento di Bilancio per finanziare l’esercito impegnato contro le milizie filorusse nell’Est del Paese

Un mandato confermato a pieni voti, anche se la posizione resta ancora traballante. Nella giornata di giovedì, 31 Luglio, il Parlamento ucraino ha confermato la fiducia al Premier, Arseniy Yatsenyuk, che ha rimesso le dimissioni dalla guida del Governo al voto della Rada dopo il crollo della colazione di maggioranza ‘Scelta Europea’.

A favore della permanenza di Yatsenyuk alla guida dell’Esecutivo ucraino hanno votato quasi tutti i Gruppi parlamentari, eccezion fatta per 16 deputati appartenenti al Partito delle Regioni, e indipendenti di estrazione comunista: le due forze partitiche che hanno sostenuto la Presidenza del dittatore ucraino Viktor Yanukovych.

Oltre alla conferma della fiducia a Yatsenyuk, il Parlamento ha anche approvato l’Assesstamento di Bilancio che, come richiesto dal Premier, sblocca 2,9 Miliardi di Hryvnye per sostenere l’esercito ucraino impegnato nella riconquista delle Regioni orientali dell’Ucraina occupate dalle milizie pro-russe.

Nello specifico, l’Assestamento di Bilancio, necessario per evitare alle casse ucraine la bancarotta, attinge risorse da una più alta tassazione sulle rendite finanziarie delle persone fisiche e sulle vincite della Lotteria Nazionale.

“Oggi a riguardo di economia vi sono due notizie -ha dichiarato il Premier Yatsenyuk a commento della votazione- L’Argentina è in default, mentre l’Ucraina è riuscita ad evitare di fallire”.

Nonostante la vittoria politica, sostenuta anche dal Presidente, Petro Poroshenko, per Yatsenyuk la fiducia e l’Assestamento di Bilancio non bastano a ricomporre la coalizione di maggioranza, alla quale, oltre a qualche Deputato indipendente, appartiene solo la forza politica del Premier di orientamento social-democratico-popolare Batkivshchyna.

Ad avere confermato l’uscita dalla maggioranza, che de facto lascia il Governo senza un appoggio sicuro in Parlamento, sono il Partito di orientamento moderato UDAR -la forza partitica del Sindaco di Kyiv Vitaliy Klichko vicina al Presidente Poroshenko- e gli ultraconservatori di Svoboda.

Infatti, questi due Partiti hanno affossato l’altro provvedimento che Yatsenyuk ha chiesto alla Rada di votare: la riforma del sistema nazionale energetico in chiave europea.

Ancora impasse sulla riforma del sistema infrastrutturale energetico in chiave UE

La riforma, che ha ottenuto i voti favorevoli solo di Batkivshchyna, prevede lo scorporo delle funzioni del colosso energetico nazionale ucraino Naftohaz -a cui resta la gestione della compravendita del gas con compagnie di Paesi terzi- del controllo del sistema infrastrutturale energetico, dei siti di stoccaggio e della distribuzione del carburante, affidate rispettivamente alle compagnie Ukrtranshaz, Ukrayinski Hazovi Skhovishcha e Ukrayinska Hazotransportna Systema.

Inoltre la riforma del sistema infrastrutturale energetico ucraino, a cui si sono opposti UDAR, Svoboda e il Partito delle Regioni, prevede la cessione del 49% dei gasdotti ucraini a compagnie registrate in Unione Europea e negli Stati Uniti d’America: una prerogativa, supportata apertamente da Batkivshchyna, che armonizza la legislazione di Kyiv a quella UE.

Come dichiarato da Yatsenyuk, il provvedimento è necessario per assicurare all’Unione Europea il transito del gas russo attraverso il territorio ucraino e, nello stesso tempo, a bloccare la realizzazione del Southstream.

Questo gasdotto, progettato dalla Russia all’Austria attraverso il fondale del Mar Nero, Bulgaria, Serbia, Ungheria e Slovenia, è concepito dalla Russia per incrementare la dipendenza dell’Europa dal gas russo e, nel contempo, privare l’Ucraina dello status di Paese di transito del carburante di Mosca in territorio UE.

Malgrado la necessità di bloccare il Southstream -infrastruttura apertamente contrastata dalla Commissione Europea- la riforma del sistema energetico nazionale ucraino così com’è concepita contiene alcuni punti critici.

Come dichiarato in esclusiva a Welfare Network dal Direttore del centro-studi Nomos, Mykhaylo Honchar, la cessione da parte dello Stato del 49% dei gasdotti ucraini potrebbe favorirne l’acquisizione da parte di una società-fantoccio creata dal monopolista statale russo del gas Gazprom.

“La liberalizzazione del sistema dei gasdotti ucraini, che Kyiv ha sempre voluto considerare come una sorta di territorio neutrale da non svendere a nessuno, sopratutto in un periodo di guerra come quello attuale, è un’idea prematura -ha dichiarato il Professor Honchar- Prima di stabilire la cessione dei gasdotti, il Governo deve ottenere precise proposte da parte di società europee, e non di succursali di Gazprom: in tal caso, non credo che ci saranno forze politiche pronte ad affossare il provvedimento in Parlamento”.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro-Orientale
Twitter: @MatteoCazzulani

20140801-005841-3521009.jpg

Advertisements

Ucraina: Yatsenyuk torna in campo per contrastare il Southstream

Posted in Ukraina by matteocazzulani on July 29, 2014

Il Premier ucraino invita il Parlamento a votare la riforma che adatta il sistema energetico nazionale alla Legge dell’Unione Europea. Anche l’assestamento di bilancio e la ratifica delle dimissioni del Capo del Governo tra gli argomenti trattati in una riunione a porte chiuse del Consiglio dei Ministri

Di nuovo a presiedere il Consiglio dei Ministri per dare l’ultima chance al Parlamento di garantire la sicurezza energetica e nazionale del Paese: nonostante le dimissioni già annunciate e presentate pubblicamente.

Nella giornata di lunedì, 28 Luglio, il Premier ucraino, Arseniy Yatsenyuk, ha condotto una riunione a porte chiuse del Gabinetto dei Ministri, nella quale, come già preannunciato, è stata messa all’ordine del giorno della prossima seduta del Parlamento la votazione della riforma del sistema energetico nazionale in chiave europea, dell’assestamento di bilancio e della ratifica delle dimissioni del Capo del Governo.

Yatsenyuk, che lo scorso 25 Luglio, dopo il crollo coalizione di maggioranza ‘Scelta Europea’, ha formalmente ceduto la guida del Governo al Vicepremier, Volodymyr Hroysman, è ritornato sui suoi passi: una decisione presa soprattutto per supportare l’approvazione della ristrutturazione del sistema energetico nazionale e, così, attuare un passo concreto in direzione dell’integrazione dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Questa riforma, secondo quanto previsto dalla Legge UE, prevede lo scorporo di alcune funzioni dal colosso energetico nazionale Naftohaz, a cui spetterà solamente la compravendita del gas: la gestione dei gasdotti, la distribuzione del carburante, ed il controllo dei siti di stoccaggio saranno invece affidate rispettivamente alla compagnia Ukrtranshaz, alla Ukrayinska Hazotransportna Systema, ed alla Ukrayinski Hazovi Schovishcha.

Inoltre, la riforma del settore energetico nazionale apre il possesso del 49% della rete dei gasdotti nazionali a compagnie dell’Unione Europea e degli Stati Uniti d’America: una misura necessaria per evitare che la Russia, da cui l’Ucraina dipende per circa il 95% del proprio fabbisogno energetico, arrivi a controllare totalmente anche sistema infrastrutturale energetico di Kyiv.

“L’inclusione delle compagnie europee e statunitensi nella gestione del sistema infrastrutturale energetico del nostro Paese è un provvedimento necessario per arginare la realizzazione del Southstream” ha dichiarato Yatsenyuk, facendo riferimento al gasdotto che la Russia ha concepito sul fondale del Mar Nero per veicolare gas in Austria attraverso Bulgaria, Serbia ed Ungheria, e, così, bypassare l’Ucraina.

La posizione di Yatsenyuk è in linea con quella della Commissione Europea, che ha contestato il Southstream perché destinato ad incrementare la già alta dipendenza energetica dell’UE dalla Russia.

Mosca intende infatti avvalersi della realizzazione del gasdotto nel Mar Nero per contrastare la politica di diversificazione delle forniture di gas che Bruxelles sta approntando per limitare l’uso dell’energia da parte della Russia come mezzo di coercizione geopolitica a spese di Stati europei sovrani ed indipendenti, come Ucraina, Polonia e Paesi Baltici.

Oltre alla battaglia per la diversificazione delle forniture di gas dell’Europa, e sopratutto all’integrazione dell’Ucraina nel costituendo mercato unico europeo dell’energia, Yatsenyuk ha invitato il Parlamento ad approvare anche l’Assestamento di Bilancio, che prevede misure urgenti necessarie per l’ottenimento di prestiti dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale di cui Kyiv ha estremo bisogno.

Oltre all’erogazione di 1,9 Miliardi di Hryvnye per sussidi supplementari all’esercito impegnato nella liberazione delle terre orientali ucraine occupate dai miliziani pro-russi, l’Assestamento -che Yatsenyuk ha dichiarato di volere rendere esecutivo anche in caso di mancata approvazione da parte del Parlamento con una forzatura istituzionale pur di erogare finanze necessarie all’esercito- prevede anche lo stanziamento di 9 Miliardi di Hryvnye per lo sviluppo delle regioni dell’Est e di quelle dell’Ovest del Paese.

Poroshenko si prepara alle elezioni parlamentari anticipate

Tuttavia, per Yatsenyuk, che ha già avviato consultazioni personali con singoli deputati, il successo potrebbe non essere scontato, dal momento in cui, ad oggi, il Premier può contare solamente sul sostegno sicuro dei parlamentari della sua forza di orientamento social-popolare-democratico Batkivshchyna.

Le altre forze partitiche che, con Batkivshchyna, hanno partecipato alla coalizione ‘Scelta Europea’, il Partito moderato UDAR del sindaco di Kyiv Vitaliy Klichko e l’ultraconservatore Svoboda, dopo essere uscite dalla maggioranza potrebbero infatti non prestare i loro voti per soddisfare la richiesta di Yatsenyuk e, così, porterebbero all’indizione in tempi ravvicinati di Elezioni Parlamentari Anticipate.

Chi, nel frattempo, si sta preparando all’eventualità di una consultazione elettorale anticipata per il rinnovo del Parlamento è il Presidente ucraino, Petro Poroshenko, dato in testa in un recente sondaggio dell’Istituto Internazionale di Sociologia di Kyiv in caso di creazione di un proprio blocco elettorale.

Il Presidente Poroshenko, sempre lunedì, 28 Luglio, ha nominato suo consigliere Oleh Medvedev: lo stratega della sua recente vittoriosa campagna elettorale presidenziale, che ha già curato la comunicazione politica dell’ex-Premier Yulia Tymoshenko tra il 2005 e il 2008, e quella dell’ex-Capo di Stato Viktor Yushchenko dal 2003 al 2005.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro-Orientale
Twitter @MatteoCazzulani

20140729-012132-4892015.jpg