LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Politica USA: il duello Clinton-Bush messo a repentaglio dalla sinistra dei democratici e dai moderati dei repubblicani

Posted in USA by matteocazzulani on November 13, 2014

Il Capogruppo democratico al Senato, Harry Reid, vicino all’intesa con Elizabeth Warren per rafforzare l’ala di sinistra dei liberali e controbilanciare la corsa alle Primarie dell’ex-Segretario di Stato. L’ex-Presidente repubblicano, George W Bush, lancia la candidatura di suo fratello Jeb alle primarie del campo conservatore

Philadelphia – Finita un’elezione, se ne apre subito un’altra: dalle elezioni di Mid-Term si passa alle Primarie per la scelta dei candidati alle prossime Presidenziali degli Stati Uniti d’America. Nella giornata di mercoledì, 12 Novembre, il Capogruppo dei democratici al Senato, Harry Reid, ha dichiarato la volontà di affidare un posto di responsabilità nella gestione dell’attività politica dello schieramento liberale alla Senatrice del Massachusetts, Elizabeth Warren.

Come riportato dall’autorevole Politico, ancora non è chiaro il ruolo che Reid intende affidare alla Warren, ma sembra che la ratio della nomina sia legata ad un disegno di natura interna allo schieramento democratico.

Se, da un lato, il coinvolgimento della Warren sposta notevolmente a sinistra lo schieramento democratico al Senato, pregiudicando così ogni possibile intesa con la nuova maggioranza repubblicana, composta perlopiù da esponenti politici molto conservatori, dall’altro la mossa di Reid cementa l’alleanza, in vista delle Primarie democratiche, tra due possibili candidati alternativi all’ex-Segretario di Stato, Hillary Clinton.

Data per favorita da tutti i sondaggi, la Clinton ha ad oggi il vento in poppa, nonostante ella stessa si sia rifiutata di sciogliere la riserva in merito alla sua corsa alle Primarie, anche se l’attivismo a sostegno dei vari candidati democratici durante le Elezioni di Mid-Term ha lasciato intendere il progetto dell’ex-Segretario di Stato di tornare alla politica attiva in grande stile.

Inoltre, la Clinton, grazie al suo posizionamento centrista, è ad oggi l’unico candidato democratico in grado di catalizzare il consenso di molti liberali delusi dalle politiche troppo progressiste di Obama, che, a detta di molti, hanno finito per vedere nei candidati repubblicani esponenti più in linea con una posizione equilibrata e ponderata.

Oltre che dai democratici più di sinistra, la Clinton è temuta anche dai repubblicani, che, dopo la storica vittoria alle Elezioni di Mid-Term, stanno affilando le armi per trovare un candidato spendibile alle prossime Presidenziali.

Tra i contendenti alle primarie dei conservatori si sta facendo sempre più insistente la candidatura di Jeb Bush: l’ex-Governatore della Florida che, nella giornata di martedì, 11 Novembre, come riportato dalla Reuters è stato proposto da suo fratello, l’ex-Presidente degli Stati Uniti George W Bush.

Come dichiarato dallo stesso ex-Presidente, la corsa di Bush acquisirebbe prestigio se, come previsto, il candidato dei democratici sarà Hillary Clinton: una situazione in cui la corsa al nuovo si rivelerebbe vana, e, con la candidatura dell’ex-Governatore della Florida, si assisterebbe ad uno scontro tra le due principali generazioni politiche degli USA, che, diversamente che dal 1992, potrebbe favorire lo schieramento repubblicano.

I conservatori moderati con Christie perdono consenso

A favorire la scesa in campo di Bush è la perdita di consenso del Governatore del New Jersey, Chris Christie, che, come riportato da un recente sondaggio, non possiede più un alto livello di sostegno persino nel suo Stato.

In particolare, a comportare la perdita di prestigio di Christie a livello federale è il suo fallimento durante le Elezioni per il nuovo Governatore della Pennsylvania, lo stato confinante con il suo New Jersey dove, in controtendenza con il resto degli Stati Uniti, i democratici hanno vinto con un largo margine di consenso.

Infatti, Christie si è detto convinto che il collegio elettorale della città di Philadelphia avrebbe votato il candidato repubblicano Tom Corbett. Tuttavia, l’esito del voto ha visto, sopratutto nella principale città della Pennsylvania, vincere di molto l’esponente democratico, Tom Wolf.

Matteo Cazzulani
Analista di tematiche Trans Atlantiche
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0297.JPG

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: