LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

L’Ucraina verso un Governo Yatsenyuk Bis

Posted in Ukraina by matteocazzulani on October 29, 2014

Il Premier uscente, vincitore del voto popolare, chiede la riconferma per se stesso e propone la formazione del nuovo Esecutivo sul modello della Commissione Europea, collegiale e compartecipato. Blocco Poroshenko, Batkivshchyna e Samopomich i Partiti che aderiscono alla maggioranza

Una coalizione aperta per un governo alla europea, basato su un programma di 3 pagine circa per realizzare 36 nuove leggi. Nella giornata di mercoledì, 29 Ottobre, il Premier ucraino, Arseniy Yatsenyuk, ha presentato le proposta di coalizione che il Fronte Popolare, forza politica di orientamento moderato da lui guidata, intende proporre a sostegno del nuovo Esecutivo.

Come riportato dallo stesso Yatsenyuk, la formazione del Governo deve avvenire mediante la presentazione, da parte delle forze politiche di orientamento democratico entrate in Parlamento, di candidature ai vari Dicasteri, le quali, così come avviene per la composizione della Commissione Europea, dovranno essere confermate dalle Commissioni competenti in audizioni pubbliche.

Tra gli invitati alla coalizione, Yatsenyuk, il cui Fronte Popolare ha ottenuto il 22% dei consensi, ha citato in primo luogo il Blocco Poroshenko, coalizione di Partiti centristi e moderati a sostegno del Presidente ucraino, Petro Poroshenko, che alle recenti elezioni ha ottenuto il 21% dei voti.

Il secondo Partito invitato a fare parte della maggioranza di Governo è Batkivshchyna, la forza di orientamento social-popolare-democratico dell’ex-Premier, Yulia Tymoshenko, che nelle Elezioni Parlamentari ha ottenuto il 5% dei consensi.

Oltre alle tre tradizionali forze del campo democratico, Yatsenyuk ha anche invitato alle consultazioni per la creazione del nuovo Governo sia il Movimento di ispirazione cristiano-democratica e filo occidentale Samopomich, la forza partitica del Sindaco di Leopoli, Andriy Sadoviy, classificatasi terza con l’11% dei voti, che il Partito Radicale ucraino del populista Oleh Lyashko, che ha ottenuto il 7% dei voti.

Per quanto riguarda il Fronte Popolare, Yatsenyuk ha presentato la propria candidatura alla carica di Premier, ed ha ventilato l’ipotesi di presentare esponenti del suo Partito, che ha ottenuto la maggioranza relativa nelle ultime elezioni parlamentari -ed ha quindi il diritto di avanzare le candidature più prestigiose- per la guida del Ministero dell’Economia, della Giustizia e degli Interni.

Dal punto di vista programmatico, l’accordo di coalizione proposto da Yatsenyuk prevede la promessa, da parte degli alleati di governo, di approvare di più di trenta leggi per attuare tutti i punti dell’Accordo di Associazione tra l’Ucraina e l’Unione Europea e stabilizzare la situazione economica del Paese, tra cui una legge contro la corruzione, la riforma del sistema degli investimenti, del settore agrario e della difesa.

I punti dell’accordo di coalizione di Yatsenyuk collimano con il programma del Presidente Poroshenko, noto come “Strategia 2020”, che prevede l’armonizzazione delle strutture economiche, giuridiche ed istituzionali agli standard europei per permettere all’Ucraina di presentare la domanda ufficiale di membership all’UE entro il 2019.

Tuttavia, il Blocco Poroshenko, che solo grazie alla vittoria di propri candidati in molti dei collegi uninominali, da cui sono stati eletti la metà dei Parlamentari, possiede la maggioranza dei seggi in Parlamento, ha presentato un proprio accordo di coalizione, che prevede la creazione di un’Assemblea di Coalizione e di un Consiglio della Coalizione: una sorta di parlamento e governo interni alla maggioranza in cui devono essere discusse ed approvate tutte le decisioni.

Per quanto riguarda la distribuzione dei Ministeri nel Governo, il Blocco Poroshenko sembra sostenere senza problemi la riconferma di Yatsenyuk, ma ha richiesto per un proprio esponente la guida del Ministero degli Interni, che con tutta probabilità sarà diviso in due sottoministeri.

La Tymoshenko rinuncia alla poltrona

Pronta alla proposta di accordo di Yatsenyuk è stata la risposta di Yulia Tymoshenko, che ha dichiarato la volontà di Batkivshchyna di partecipare alla maggioranza senza, tuttavia, ambire ad alcun posto nel Governo.

Nello specifico, la Tymoshenko ha sottolineato di essere interessata ad attuare al più presto i punti fondamentali del programma di Batkivshchyna, come il rafforzamento dei legami con la Comunità Euroatlantica, l’indizione di un referendum per l’abolizione dello status di neutralità e per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO, e la lustrazione di tutte le personalità colluse con il regime dell’ex-Presidente, Viktor Yanukovych.

Reazione all’invito di Yatsenyuk è provenuta anche da Samopomich, che si è detta interessata a sostenere un Governo di professionisti senza alcuna spartizione secondo logiche partitiche.

Nello specifico, Samopomich ha richiesto l’abolizione immediata dell’immunità parlamentare, e l’espulsione dalla maggioranza dei deputati che hanno votato a favore delle leggi liberticide imposte dall’ex-Presidente Yanukovych lo scorso 16 Gennaio per reprimere le dimostrazioni pacifiche e democratiche sul Maidan.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro-Orientale
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0286-0.JPG

IMG_0286-2.JPG

IMG_0286-3.JPG

IMG_0286-4.JPG

IMG_0286-0.JPG

IMG_0288-0.PNG

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: