LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Elezioni in Ucraina: il Premier Yatsenyuk supera Poroshenko al proporzionale e detta le condizioni al Presidente per il nuovo Governo

Posted in Ukraina by matteocazzulani on October 27, 2014

Il Fronte Popolare del Premier ucraino sorpassa il Blocco Poroshenko al proporzionale, ma con la somma del maggioritario la lista del Presidente mantiene comunque la maggior parte dei seggi. Il movimento Samopomich del Sindaco di Leopoli, Andriy Sadoviy, e il Partito di Yulia Tymoshenko, Batkivshchyna, invitati a fare parte della coalizione

Un sorpasso inaspettato, anche se solo virtuale, che rafforza la posizione del Premier sul Presidente. Nella giornata di lunedì, 27 Ottobre, il moderato Fronte Popolare del Premier ucraino, Arseniy Yatsenuyk, ha superato, di una manciata di voti, il Blocco Poroshenko: lista composta da partiti centristi e moderati -Solidarnist, UDAR e Terza Repubblica Ucraina- in sostegno al Presidente, Petro Poroshenko.

Al 70% delle schede scrutinate -un dato oramai quasi stabilizzato- il Fronte del Premier Yatsenyuk ha ottenuto il 21,82% dei voti, mentre il Blocco del Presidente è fermo al 21,45%.

Nello specifico, il Blocco Poroshenko ha ottenuto il massimo sostegno nelle Oblast di Vynnitsya -la città natale del Presidente- e in Transcarpazia, la regione dell’alleato politico del Presidente Viktor Baloha.

Da parte sua, il Fronte Popolare è stato il più votato nelle regioni di Ternopil e Ivano-Frankivsk, mentre buono è stato il risultato anche in Bucovina: la zona di provenienza del Premier Yatsenyuk.

Nonostante la prevalenza del Fronte Popolare, il Blocco Poroshenko può comunque contare sula maggioranza dei seggi in Parlamento grazie alle vittorie di candidati dello schieramento del Presidente in diversi collegi uninominali, dai quali viene eletto il 50% dei nuovi deputati nazionali.

Come dichiarato dal Presidente Poroshenko a poche ore dalle prime rilevazioni, il Blocco Poroshenko considera il Fronte Popolare il naturale alleato per una coalizione di Governo che porti l’Ucraina a modernizzare le strutture economiche e finanziare agli standard dell’Unione Europea per permettere a Kyiv di presentare la domanda ufficiale di membership nell’UE entro il 2019.

A sua volta, il Premier Yatsenyuk ha colto l’invito, sottolineando che, preso atto dell’equilibrio sancito dalla quota proporzionale dei consensi, la nomina del Premier e dei Ministri di Interni, Giustizia e Finanze spettano al Fronte Popolare, che intende anche continuare con la sistemazione del bilancio statale già avviata dal Governo uscente.

Oltre al Blocco Poroshenko e al Fronte Popolare, la coalizione sarà quasi certamente allargata anche ad altri soggetti politici, tra cui Samopomich: Partito di orientamento cristiano-democratico e filo-occidentale, capace di raccogliere l’11% dei voti, formato da poco più di un mese dal Sindaco di Leopoli, Andriy Sadoviy.

Oltre che a Leopoli, Samopomich ha ottenuto ampi consensi anche nella città di Kyiv e in diversi collegi all’Estero, tra cui quello di Roma e persino quello di Mosca.

Secondo quanto dichiarato dal Capolista del Blocco Poroshenko, l’ex-Ministro degli Interni Yuri Lutsenko, oltre a Samopomich, la coalizione sarà allargata anche a Batkivshchyna: il Partito dell’ex-Premier Yulia Tymoshenko, di orientamento social-popolare-patriottico, che ha ottenuto il 5% dei consensi.

Filo-russi, populisti e ultraconservatori fuori dal Governo

Fuori dalla coalizione, sempre secondo Lutsenko, sono destinati a stare sia il Blocco di Opposizione, composto da filorussi sostenitori dell’ex-Presidente Viktor Yanukovych, che il Partito Radicale di Ucraina del populista Oleh Lyashko, fermi rispettivamente al 9% e al 7% dei consensi.

Dal punto di vista regionale, il Blocco di Opposizione ha vinto nelle regioni orientali del Paese, mentre il Partito Radicale ha avuto la meglio solo nella Oblast di Chernihiv, di dove Lyashko è originario.

Inoltre, escluso dal Parlamento, e quindi fuori dalla coalizione, resta anche l’ultraconservatore Svoboda, che spesso è stato additato dalla propaganda del Cremlino come Partito nazista.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro Orientale
Twitter @MatteoCazzulani

IMG_0283.JPG

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: