LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

“Ucraina, gas e manette: il processo a Yulia Tymoshenko”. Intervista con l’autore Matteo Cazzulani su Radio Liberty

Posted in Editoriale by matteocazzulani on October 16, 2014

Roma – “Ucraina, gas e manette: il processo a Yulia Tymoshenko”: questo titolo è appena uscito in Italia. L’autore è il giovane analista politico milanese Matteo Cazzulani, che ha seguito il noto processo nel 2011 a Kyiv. Questo saggio-documentativo tratta anche delle Guerre del Gas tra Ucraina e Russia, della giustizia selettiva e dell’autoritarismo in Ucraina dimostrato dalla persecuzione del politico ucraino più noto in occidente. Nello stesso tempo, come sottolinea l’autore a Radio Liberty, il saggio non è un panegirico.

-Essendo stato Lei diretto osservatore del processo a Yulia Tymoshenko, come lo descrive?

“Questo processo è definibile come un Autodafé politico, ossia la pratica che ha portato gli integralisti cattolici a mandare al rogo gli ‘eretici’ in Spagna e Portogallo tra il XVI e il XVII secolo. Il processo a Yulia Tymoshenko è stato uno dei tanti Autodafé politici di cui si è servito Yanukovych [l’ex-Presidente ucraino, n.d.t.] per eliminare i suoi oppositori politici. Da un lato, il processo a Yulia Tymoshenko ha fiaccato il desiderio di giustizia e la capacità di reazione alle ingiustizie del popolo ucraino. Solo con il peggioramento della situazione interna e la mancata volontà di Yanukovych di formare l’accordo di associazione con l’UE, il popolo ucraino si è finalmente rivoltato, dando origine al nuovo Maidan”.

Alcuni ucraini ritengono che l’incarceramento dell’ex-Premier Tymoshenko ha giocato a suo favore, poiché altrimenti ci si sarebbe presto dimenticati di lei. Cosa ne pensa?

“Non credo che il processo abbia giovato a favore di Yulia Tymoshenko. È ovvio che oggi oggi lei è nota per essere la principale vittima della repressione del regime di Yanukovych, ma questa ‘gloria’ le è stata regalata dallo stesso Yanukovych in maniera inconsapevole. L’ex-Presidente non aveva lo scopo di rafforzare l’immagine della sua concorrente, ma secondo me ha agito in maniera impulsiva e incomprensibile, e così ha finito per rafforzare quella sua principale oppositrice che lui stesso voleva eliminare dalla politica per via giudiziaria”.

-Secondo i fatti descritti nel libro, Yulia Tymoshenko viene rappresentata come una donna decisa e coraggiosa in una società fortemente patriarcale e corrotta. Non è che Lei ha mitizzato un PO’ troppo la sua immagine?

“Il mio libro non è un panegirico di Yulia Tymoshenko. Io mi soffermo sul processo politico che ho osservato con i miei occhi e che ho analizzato in maniera approfondita. È così che Yulia Tymoshenko emerge essere una vittima di un processo politico. Tuttavia, tra le righe sostengo che nei confronti di Yulia Tymoshenko solamente in nuovo processo può appurare quanto effettivamente è avvenuto, anche se il mio obiettivo è solamente quello di presentare la violazione dei diritti umani durante l’era di Yanukovych. Quando alcuni media italiani definiscono ‘nazisti’ gli ucraini che si battono contro un regime autoritario sul Maidan, io dimostro che i veri nazisti sono semmai coloro che hanno sbattuto in galera gli oppositori politici”.

– Il Maidan di Kyiv ha liberato Yulia Tymoshenko ma non la ha accettata come sua leader. Che è successo? In che cosa ha sbagliato l’ex-Premier?

“Yulia Tymoshenko ha attuato una politica troppo personalistica, e non è stata abbastanza attenta al suo passato e, sopratutto, non ha fatto abbastanza chiarezza sui suoi passati legami con Pavlo Lazarenko. È normale che, come accade a tutti i politici carismatici, Yulia a Tymoshenko o la si ama, o la si odia. Ed è naturale che, dal momento in cui questo politico rimane per molto tempo al di fuori della vita politica reale, in scena appaiono nuovi leader e, purtroppo, il popolo dimentica troppo in fretta la sua precedente guida”.

– Dopo la liberazione, Yulia Tymoshenko ha perso una grossa fetta del suo elettorato, al punto che per la seconda volta ha perso le elezioni presidenziali. Come giudica le chance del suo partito nelle prossime elezioni parlamentari?

“Penso che il suo partito otterrà un’alta percentuale di consensi alle elezioni. Yulia Tymoshenko è in grande forma, è molto ben preparata e fa bene a puntare su due precisi punti nella sua campagna elettorale: integrazione dell’Ucraina nella NATO, e rafforzamento delle relazioni diplomatiche con i Paesi dell’Occidente al fine di rafforzare la posizione dell’Ucraina nella Comunità Euro atlantica. Credo che il suo Partito otterrà abbastanza voti da avere un forte peso in Parlamento e persino da ottenere almeno due posti nel Governo, tra cui il Ministero dell’Energia”.

– Ha avuto difficoltà a pubblicare questo libro in Italia. Perché?

“La maggior parte delle case editrici alle quali mi sono rivolto non ha ritenuto interessante pubblicare un libro sull’Ucraina e sulla violazione dei diritti umani rappresentata dal caso di Yulia Tymoshenko. Ciò mi lascia perplesso, poiché la storia che racconto non è inventata, ma presento ai lettori italiani fatti reali che hanno ripercussioni su tutta l’Europa. Spesso sono accreditato come una persona che sa tanto di Ucraina, e questo fa si che io possa ricoprire solo posti ‘di nicchia’ perché non rispetto certi ‘criteri’ tanto in voga in Italia, dove se ti occupi di Ucraina devi sempre tirare in ballo anche la Russia: parlare solo di Ucraina è pressoché impossibile.
Tuttavia, nel libro argomento che parlare della violazione dei diritti umani in Ucraina non è affatto una posizione anti-russa, anzi, ritengo che ciò sia molto ‘filo-russo’. Il processo di rafforzamento della democrazia in Ucraina si sviluppa molto lentamente, ma è destinato a interessare anche la Russia. C’è la speranza che anche questo Paese, la Russia, diventi un giorno anch’essa libera e democratica.

Con Matteo Cazzulani ha conversato Natalia Kudryk di Radio Liberty

Versione testuale dell’intervista qui

Versione audio del l’intervista qui

“Ucraina, gas e manette: il processo a Yulia Tymoshenko è acquistabile a questo link

20141016-091419-33259361.jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: