LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Ucraina: i Partiti democratici verso candidature uniche al maggioritario

Posted in Ukraina by matteocazzulani on October 13, 2014

Il Blocco Poroshenko del Presidente ucraino, il Partito Batkivshchyna della Leader del campo democratico Yulia Tymoshenko, e il Fronte Popolare dell’attuale Premier Arseniy Yatsenyuk concordano candidati comuni per i collegi in cui sono forti esponenti indipendenti legati all’ex-Presidente Viktor Yanukovych. La Legge Elettorale assegna il 50% dei seggi su base maggioritaria, mentre l’altra metà è distribuita secondo un sistema proporzionale con liste bloccate

L’ex-Presidente Viktor Yanukovych è stato destituito dalla pacifica Rivoluzione della Dignità dello scorso Febbraio, ma i suoi esponenti politici potrebbero formare una nuova maggioranza in Parlamento ottenendo seggi nei collegi maggioritari alle prossime Elezioni Parlamentari ucraine.

Questo è il timore che ha spinto le forze politiche dello schieramento democratico ucraino a concordare candidature uniche in alcuni collegi delle Oblast di Odessa, Zaporizhzhya, Kherson e Zhytomir: regioni in cui sono molto forti candidati indipendenti legati all’establishment di Yanukovych, l’ex-Presidente passato alla storia per avere interrotto in Ucraina il progresso democratico successivo alla Rivoluzione Arancione del 2004 con l’instaurazione di una verticale del potere autoritaria.

L’idea di unire le forze è già stata soppesata da tempo, quando il Blocco Poroshenko -coalizione di Partiti di orientamento centrista e moderato che sostengono l’agenda politica del Presidente, Petro Poroshenko- ha ritenuto necessario concordare candidature condivise con le altre forze del campo democratico.

L’invito del Blocco Poroshenko, lanciato durante la trasmissione ‘Svoboda Slova’ sul canale ISTV lo scorso 7 Ottobre dal coordinatore del Blocco del Presidente, Yuri Lutsenko -ex-Ministro degli Interni nonché una delle principali vittime della giustizia selettiva dell’era Yanukovych- è stato raccolto da Yulia Tymoshenko, la Leader del Partito social-popolare-democratico Batkivshchyna.

La Tymoshenko -che come Lutsenko è stata vittima di un arresto politico orchestrato da Yanukovych per eliminare la sua più forte rivale politica- durante il noto talk-show politico ‘Shuster Live’, lo scorso 10 Ottobre, incalzata da una domanda di Mustafà Nayyem -ex-giornalista dell’autorevole Ukrayinska Pravda sceso in politica nelle fila del Blocco Poroshenko- si è infatti detta pronta a unire le forze in quei collegi in cui ancora forti sono i candidati riconducibili all’ex-Presidente.

“Ad oggi, almeno 136 personalità del clan della corruzione di Yanukovych hanno la possibilità di entrare in Parlamento e formare una coalizione che non permetta lo sviluppo democratico -ha dichiarato la Tymoshenko- Sono d’accordo con la proposta di unire le forze del campo democratico, e propongo di compiere questa operazione politica, e non tecnica, al più presto possibile, prima che sia troppo tardi”.

La tempistica della Tymoshenko è stata presa seriamente dal Fronte Popolare: la forza politica di orientamento moderato del Premier Arseniy Yatsenyuk e dello Speaker del Parlamento Oleksandr Turchynov che ha infatti proposto una lista di collegi in cui i candidati del Fronte sono stati ritirati per sostenere quelli proposte dagli altri soggetti del campo democratico.

Prima ancora, come riportato dal canale TVI, il Premier Yatsenyuk ha dichiarato la sua intenzione di correre con una sua lista separata dal Blocco Poroshenko, ma, una volta terminate le Elezioni, ha evidenziato come il Fronte Popolare intenda varare una coalizione con il Partito del Presidente.

Il Blocco del Presidente davanti a Batkivshchyna nel proporzionale

La strategia preventivata da Yatsenyuk è possibile solamente se alla coalizione tra il Blocco Poroshenko e il suo Fronte Popolare partecipa anche Batkivshchyna di Yulia Tymoshenko.

Secondo un recente sondaggio della GFK Ukraine, il Blocco Poroshenko, che ha promesso di presentare la domanda di adesione all’Unione Europea entro i prossimi 5 anni e di ripristinare il controllo su Crimea e Donbas, ottiene il 30% dei consensi, seguito da Batkivshchyna con il 9% -che invece propone l’ingresso nella NATO e il rafforzamento della rete diplomatica del Paese- e dal Partito Radicale di Oleh Lyashko con l’8%.

Il Fronte Popolare, che spinge su maggiori dotazioni per l’esercito a garanzia della difesa nazionale, possiede il 7% dei consensi, ed è anticipato dalla Hromadyanska Pozytsya, la forza politica di orientamento moderato dell’ex-Ministro della Difesa Anatoliy Hrytsenko che, secondo la rilevazione, ottiene il 7,5% dei voti.

Fuori dai seggi assegnati secondo il sistema proporzionale -pari al 50% dei mandati in palio nelle Elezioni Parlamentari- resterebbero il Blocco di Opposizione, Sylna Ukrayina e il Partito Comunista d’Ucraina.

Queste tre forze, riconducibili all’ex-Presidente Yanukovych, possono tuttavia eleggere propri rappresentanti nei collegi maggioritari, arrivando, così, a sovvertire i rapporti di forza in Parlamento sanciti dal voto proporzionale.

Matteo Cazzulani
Analista Politico dell’Europa Centro-Orientale
Twitter @MatteoCazzulani

Per sapere di più sull’Ucraina, leggi il ultimo saggio-romanzo “Ucraina, gas e manette: il processo a Yulia Tymoshenko”, acquistabile comodamente a questo link – http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/narrativa/ucraina-gas-e-manette-il-processo-a-yulia-tymoshenko.html#.VDp48GIaySM

20141012-145817-53897652.jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: