LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Ucraina: Putin passa alla Fase Due nell’Est del Paese

Posted in Ukraina by matteocazzulani on April 8, 2014

Manipoli di separatisti filorussi occupano l’Amministrazione Regionale di Donetsk ed i centri di potere di Kharkiv e Luhansk, e dichiarano l’indipendenza da Kyiv dell’est ucraino russofono. La polizia ucraina riporta la situazione alla normalità a Kharkiv mentre Autorità ucraine e statunitensi sottolineano come l’azione sia stata attivamente incoraggiata da Mosca per ledere all’integrità territoriale dell’Ucraina

Prima con l’occupazione militare della Crimea, poi con la presa di possesso dei palazzi del potere delle città dell’est russofono, ma non russofilo, dell’Ucraina. Queste sarebbero le due fasi della strategia messa a punto dal Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, per disgregare l’Ucraina e avvicinare le regioni meridionali ed orientali -le più ricche del Paese- alla Russia.

Nella giornata di lunedì, 7 Aprile, circa una cinquantina di manifestanti filo-russi hanno occupato l’Amministrazione Regionale di Donetsk e, dopo avere sostituito la bandiera ucraina con quella russa, ed avere privato i Consiglieri Regionali del loro mandato, hanno dichiarato la nascita della Repubblica Popolare del Donbas.

Simili azioni a quella di Donetsk, dove i separatisti hanno invocato l’intervento militare della Russia a loro tutela, sono avvenute anche nelle altre due città dell’est dell’Ucraina: Luhansk e Kharkiv, dove, secondo fonti ben informate, a dare manforte ai poco numerosi manifestanti filo-russi locali sono arrivati rinforzi dal Donbas e della adiacente Regione di Zaporizhzhya.

Pronta è stata la reazione delle Autorità ucraine che, senza provocare morti né feriti, hanno ripreso il controllo della situazione a Kharkiv, mentre a Donetsk e a Luhansk hanno dato il via ad un’azione anti-terrorismo che ha portato al blocco delle strade principali e all’isolamento degli edifici occupati dai separatisti.

Come dichiarato dal Presidente ucraino ad interim, Oleksandr Turchynov, le azioni dei separatisti fanno parte della seconda fase del progetto di aggressione politica della Russia all’Ucraina, volto a disgregare il Paese non più con l’invasione militare, come accaduto in Crimea, bensì con il supporto ad azioni secessioniste nelle Regioni ucraine più ricche.

Simile è stato il commento del Premier ucraino, Arseniy Yatsenyuk, che ha evidenziato come i russi abbiano fomentato i sentimenti separatisti della popolazione russofona delle Regioni orientali del Paese che, a differenza di quello che riporta la propaganda di Mosca, mai è stata discriminata dall’Ucraina.

Ancor più radicale è stato il commento del Portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, che, per conto degli Stati Uniti d’America, ha sottolineato come le azioni dei separatisti nell’est dell’Ucraina abbiano agito in base ad una precisa provocazione di Mosca e che, come dimostrato da diverse fonti, alcuni manifestanti siano stati finanziati dalla Federazione Russa di proposito per destabilizzare il Paese.

Gli ucraini dell’est non sono russofili

In risposta alla provocazione della Russia, che continua a mantenere consistenti reparti del suo esercito ai confini orientali dell’Ucraina, a pochissima distanza dalle città occupate dai separatisti, il Segretario di Stato USA, John Kerry, ha ventilato la possibilità di imporre nuove sanzioni economiche e commerciali per esponenti di spicco della Federazione Russa.

La NATO, a sua volta, ha limitato l’ingresso nei propri quartieri generali ad esponenti militari russi, ed ha provveduto a rafforzare la presenza militare in Polonia, Estonia e Romania.

L’azione dei separatisti a Donetsk, Kharkiv e Luhansk è stata attuata con il preciso scopo di presentare le regioni russofone del Paese come anche russofile: un sottile misunderstanding, a cui alcuni media italiani hanno dato risonanza, su cui di sovente la propaganda russa ha giocato per negare l’esistenza di uno Stato e di un popolo ucraino.

A dimostrare come a manifestare per l’annessione alla Russia sia solo una sparuta minoranza della popolazione dell’est ucraino è il ruolo ricoperto da Rinat Akhmetov: oligarca della metallurgia, famoso per essere stato uno dei principali finanziatori dell’ex-Presidente Viktor Yanukovych, che si è offerto di mediare tra i manifestanti e la polizia pur di riportare ordine nelle due città ed evitare l’intervento militare di Mosca.

Gli oligarchi temono che l’annessione dell’est dell’Ucraina alla Federazione Russa comporti la perdita di quell’impero economico che essi si sono costruiti approfittando delle concessioni di favore e della protezione politica dei Presidenti da loro finanziati, come, oltre a Yanukovych, anche Leonid Kuchma, Leonid Kravchuk, e in parte anche Viktor Yushchenko.

Simile opinione a quella degli oligarchi è quella dimostrata dalle centinaia di dimostranti che, durante l’occupazione militare della Crimea, hanno manifestato contro l’intervento della Russia in Ucraina e in favore del mantenimento dell’integrità territoriale del Paese.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: