LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

UCRAINA: PUTIN PROVOCA L’EUROPA ANCHE NELL’ARTICO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on March 16, 2014

Sei velivoli militari di categoria Su-27 posizionati in Bielorussia assieme ad un aereo radar. Violazione dello spazio aereo di UE, USA, Canada e Norvegia da parte di Tu-95MS russi

Una vera e propria dimostrazione di forza contro la NATO e l’Europa per cercare di legittimare con la violenza le mire imperialistiche di Mosca sull’Europa Orientale e non solo. Nella giornata di sabato, 15 Marzo, l’esercito della Russia ha posizionato sei aerei militari di categoria Su-27, e tre cargo per il trasporto di soldati, in Bielorussia, presso la base di Baranoviche.

La manovra, che ha contemplato anche il dislocamento di un velivolo E-3 dotato di una sofisticata apparecchiatura radar in grado di intercettare aerei a lunga distanza, è stata presa con il preciso scopo di incrementare il potenziale offensivo militare russo ai confini dell’Unione Europea.

Come riposta all’invasione dell’esercito russo in Crimea e in una parte consistente dell’Ucraina, ed in vista delle operazioni russe in Bielorussia, che hanno seguito esercitazioni militari di Mosca nell’enclave di Kaliningrad -situata tra la Polonia e la Lituania- la NATO, nella giornata di giovedì, 13 Marzo, ha rafforzato le strutture difensive per proteggere l’Europa con il trasferimento di velivoli militari presso il territorio polacco e quello lituano.

Oltre che sull’UE, che il Presidente russo, Vladimir Putin, ha sempre considerato il primo avversario geopolitico da annichilire per forgiare la Russia dello status di superpotenza mondiale, l’esercito della Federazione Russa si è concentrato sull’Oceano Artico: regione che Mosca ambisce a controllare per ragioni di natura energetica.

Sempre sabato, 15 Marzo, bombardieri dell’esercito russo di categoria Tu-95MS hanno compiuto un inusuale pattugliamento al confine dello spazio aereo di Canada, Norvegia, Stati Uniti d’America e Danimarca -ergo dell’UE.

In 20 Mila in Russia contro l’invasione russa in Crimea

La dimostrazione di forza di Putin nei confronti dell’Occidente è una reazione alle manifestazioni, partecipate da più di 20 Mila persone, in sostegno della democrazia e della libertà in Russia ed Ucraina, organizzate a Mosca dai principali movimenti del dissenso in Russia all’autocrazia putiniana.

La manifestazione, organizzata sempre sabato, 15 Marzo, dai Partiti di ispirazione democratica Solidarnost, Parnas, Partito del Progresso, Partito del 5 Maggio e Yabloko, si è incentrata sulla protesta contro l’invasione militare dell’Ucraina da parte dell’esercito russo.

I manifestanti, puntualmente repressi dalla polizia di regime, hanno sottolineato come l’indipendenza dell’Ucraina sia condizione necessaria perché anche la Russia divenga finalmente una democrazia liberale, in cui Diritti Umani, libertà di parola e di stampa siano finalmente rispettati.

La manifestazione è terminata con l’approvazione di una risoluzione che condanna l’aggressione militare di Putin in Ucraina e riconosce il popolo ucraino come “fratello” nella lotta per la democrazia e i diritti civili nello spazio ex-sovietico.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: