LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

ANCHE L’INDONESIA SI ALLEA CON GLI USA PER LO SHALE

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on October 1, 2013

Il Ministro degli Esteri indonesiano, Jero Wocik, invita gli Stati Uniti d’America a sostenere lo sfruttamento dei giacimenti di shale in Indonesia. Gli USA hanno l’opportunità di rafforzare la presenza nel mercato energetico asiatico

Dopo Corea del Sud, Taiwan e Singapore anche l’Indonesia. Nella Giornata di lunedì, 30 Settembre, il Ministro degli Esteri indonesiano, Jero Wacik, ha chiesto l’aiuto degli Stati Uniti d’America per lo sfruttamento del gas shale in Indonesia.

Come riportato all’autorevole UPI, l’Indonesia, che punta a decrementare la forte dipendenza dal greggio, può contare su una riserva di shale sul suo territorio pari a 574 Trilioni di Piedi Cubi di gas.

Tuttavia, il Governo indonesiano non possiede ancora un sistema di finanziamento favorevole, tale da consentire lo sfruttamento dello shale in tempi brevi.

Con la proposta ad Obama, avvenuta prima della visita del Presidente statunitense in Indonesia, il Ministro Wacik ha offerto agli USA una più forte posizione nel mercato del gas dell’Asia.

Per rafforzare la lotta al surriscaldamento globale, Obama ha incentivato lo sfruttamento dello shale statunitense, e, in pochi anni, ha portato gli USA ad incrementare la produzione interna di gas.

Con lo sfruttamento dello shale in territorio statunitense, gli USA hanno anche avviato le prime esportazioni di gas liquefatto in India e Gran Bretagna, ed hanno firmato i primi pre-contratti per la vendita di LNG a Taiwan, Corea del Sud e Singapore.

A differenza di questi Paesi, e dell’Indonesia, altri Stati asiatici hanno scelto altre fonti di approvvigionamento di gas per limitare l’utilizzo di greggio e nucleare.

Il Giappone, che sta progressivamente rininciando al nucleare dopo il disastro alla centrale atomica di Fukushima del 2010, ha puntato sull’importazione di LNG da Canada, Australia e Russia.

Invece, la Cina ha preferito importare ingenti quantità di gas naturale dal Turkmenistan, il quattro produttore di oro blu al mondo.

Più forti i legami tra l’economia indonesiana e quella australiana

Oltre che per il gas con gli USA, l’Indonesia ha rafforzato i rapporti economici con l’Australia, che ha dato il via libera ad investimenti indonesiani in un milione di ettari di terre australiane destinate all’allevamento.

La decisione è stata presa durante l’incontro tra il Presidente indonesiano, Susilo Bambang Yudhoyono, e il Primo Ministro australiano, Tony Abbott durante la prima visita ufficiale all’estero del Capo del Governo dell’Australia.

In cambio dell’apertura ad investimenti anche nel settore della finanza, delle infrastrutture, dell’istruzione e dei servizi, l’Australia ha richiesto all’Indonesia riforme per garantire agli investitori australiani pari condizioni nel mercato indonesiano.

Inoltre, l’Australia, una delle principali mete dell’emigrazione dall’Indonesia, ha inasprito le regole per l’immigrazione in territorio australiano di cittadini indonesiani.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: