LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

TRA GIAPPONE E INDIA UN’ALLEANZA PER IL GAS

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on September 11, 2013

Tokyo e Nuova Delhi varano un cartello per calmierare i prezzi del LNG e diversificare le forniture di oro blu. L’intesa interessa due dei principali importatori di oro blu liquefatto del Pianeta

Un’intesa strategica per combattere l’aumento dei prezzi per il gas liquefatto. Nella giornata di lunedì, 9 Settembre, Giappone ed India hanno ufficializzato la creazione di un cartello per l’importazione di LNG nelle economie giapponesi ed indiane.

L’alleanza, che ha anche l’obiettivo di diversificare le forniture di gas dei due Paesi, è stata presentata a Tokyo dal Ministro dell’Economia, Commercio e Trasporti giapponese, Toshimitsu Motegi, e dal Ministro per il Petrolio e il Gas indiano, Veerappa Moily.

Come riportato dall’agenzia UPI, ad oggi Giappone ed India pagano tariffe alte per il gas liquefatto perché nel mercato dell’Asia il prezzo dell’oro blu è legato a quello del greggio, la cui vendita è regolata a contratti di lungo termine

L’alleanza tra Giappone ed India costituisce un capitolo importante nella geopolitica energetica mondiale, dal momento in cui il cartello coinvolge due dei principali importatori di gas liquefatto del Mondo.

Il Giappone, il primo importatore di LNG del pianeta, ha preventivato per il 2013 un incremento delle importazioni di gas liquefatto a 72,1 Miliardi di Dollari per compensare la chiusura della centrale nucleare di Fukushima.

Per l’acquisto di gas liquefatto, il Giappone si è rivolto principalmente ad Australia e Russia, produttori rispettivamente di shale ed oro blu naturale.

L’India, che segue il Giappone nel ranking dei Paesi importatori di LNG al quinto posto, dopo Corea del Sud, Gran Bretagna e Spagna, necessita di gas per soddisfare la crescita della popolazione e dell’economia.

A partire dal 2012, compagnie indiane hanno firmato contratti per l’importazione di shale gas dagli Stati Uniti d’America, ed hanno avviato lo sfruttamento dei giacimenti nazionali di oro blu non convenzionale.

L’Egitto scopre un nuovo giacimento

Oltre a Giappone ed India, a cambiare la geopolitica energetica mondiale è anche l’Egitto, dove la compagnia tedesca RWE ha realizzato la prima estrazione di gas presso il giacimento di Disouq, nel Delta del Nilo orientale.

Come riportato sempre dalla UPI, la RWE ha preventivato lo sfruttamento di 49 Milioni di piedi cubi di gas al giorno di gas.

Il giacimento Disouq è stato scoperto ad inizio settimana dal colosso britannico British Petroleum, dopo che la compagnia rivale British Gas ha abbandonato la ricerca di gas nel Delta del Nilo per via dell’instabilità politica in Egitto.

La mancata individuazione di giacimenti di gas in Egitto ha provocato enormi frustrazioni presso l’entourage dell’ex-Presidente egiziano, Mohamed Morsi, deposto lo scorso Luglio da un colpo di Stato militare.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: