LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

SIRIA: OBAMA HA INVIATO AL CONGRESSO LA MOZIONE

Posted in USA by matteocazzulani on September 2, 2013

Il Presidente statunitense richiede il sostegno del Congresso per impedire il proliferare di armi chimiche e batteriologiche e tutelare gli USA e i suoi alleati. Senato e Camera dei Rappresentanti favorevoli, ma determinati a porre emendamenti

I vertici dicono un sì convinto, mentre la base è più cauta. Nella giornata di Domenica, Primo di Settembre, il Presidente USA, Barack Obama, ha inviato al Congresso il testo della mozione per avviare in Siria un’azione militare mirata a punire il dittatore siriano, Bashar Al Assad, per l’uso delle armi chimiche.

Come riporta il testo emanato dalla Casa Bianca, il Presidente Obama richiede al Congresso di supportare l’azione militare per garantire l’arresto della proliferazione di armamenti non-convenzionali, e per tutelare gli Stati Uniti d’America e i suoi alleati da possibili attacchi chimici e batteriologici.

La mozione specifica che l’azione militare avrà come obiettivo la distruzione, l’indebolimento e il disincentivo all’uso di armi chimiche nei confronti della Siria e di altre dittature del pianeta che fossero in possesso di tali armamenti.

“Auspichiamo che la situazione della Siria si possa risolvere con un intervento diplomatico, e per questo invitiamo tutte le parti coinvolte a prendere parte al più presto a consultazioni -riporta il testo della mozione- Un’iniziativa unificata e decisa del braccio legislativo statunitense mostrerà la volontà degli USA di risolvere la situazione”.

La mozione della Casa Bianca, che, come richiesto dal Presidente Obama, dovrà essere approvata dal Congresso affinché le operazioni militari in Siria prendano il via, segue le dichiarazioni del Segretario di Stato USA, John Kerry, che, sulla base di studi specifici, ha confermato l’utilizzo di armi chimiche sulla popolazione civile da parte del regime di Assad.

Sostegno alla mozione è stato espresso dai Capigruppo al Senato e alla Camera dei Rappresentanti dei democratici -la medesima fazione del Presidente Obama- Harry Reid e Nancy Pelosi, mentre il senatore repubblicano John McCain ha invitato la Casa Bianca a non circoscrivere l’azione militare ad un solo intervento punitivo.

Meno entusiasta, ma sempre a sostegno delle misure punitive al regime siriano, sono state la reazioni di altri senatori e deputati, che, dopo avere preso visione della mozione, hanno previsto una serie di emendamenti.

“Siamo dinnanzi ad un testo che, così com’è, sarà sicuramente emendato”ha dichiarato, come riportato dall’autorevole UPI il Presidente della Commissione Giustizia del Senato, Patrick Leahy, mentre il senatore repubblicano, Pat Roberts, ha rivelato l’intenzione da parte della Casa Bianca di presentare nei prossimi giorni un nuovo testo.

Il deputato della Camera dei Rappresentanti Chris Van Hollen, un democratico, ha promesso emendamenti per evitare che i soldati americani siano impegnati in operazioni di terra. “Nella Camera prevalgono tendenze isolazioniste che mettono a serio repentaglio l’approvazione della mozione” ha dichiarato il Rappresentante repubblicano Peter King.

Francia, Turchia e Qatar presenti, Gran Bretagna, Germania e Polonia assenti

Oltre che sul piano politico interno, l’azione punitiva nei confronti del regime siriano ha anche visto un mutamento degli equilibri geopolitici, con la Francia che, grazie al supporto incondizionato alle operazioni militari da parte del Presidente francese, Francois Hollande, è ora il più stretto alleato USA in Europa.

Dopo un voto contrario della Camera dei Comuni, la Gran Bretagna ha rinunciato a prendere parte all’operazione punitiva se essa non sarà condotta sotto l’egida ONU, mentre Germania e Polonia -Paesi tradizionalmente sostenitori delle operazioni militari USA in sostegno dei diritti umani nel Mondo- si sono dette non interessate a prendere parte alla missione.

Favorevole all’azione USA contro la Siria sono invece Turchia e Qatar che, come consigliato dall’ex-consigliere per la politica estera del Presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski, potrebbero essere coinvolte per colmare l’assenza degli europei.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: