LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

GAS: ISRAELE PREOCCUPATA PER IL RIARMO DELLA SIRIA

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on May 24, 2013

Tel Aviv inquieta per le forniture di missili anti-navali da parte della Russia a Damasco. Lo sviluppo energetico israeliano una possibilità per l’indipendenza dell’Occidente da Russia ed Algeria

Dalla Guerra del Gas alla Guerra Fredda per il controllo delle forniture di oro blu nel Mediterraneo, con tanto di corsa al riarmo. Nella giornata di giovedì. 23 Maggio, Israele ha espresso consistente preoccupazione per il riarmo della Siria, avvenuto tramite la vendita di missili supersonici anti-navali da parte della Russia.

Come riportato dall’Agenzia UPI, Israele ha illustrato la possibilità che gli armamenti finiscano nelle mani di gruppi terroristi, come Hezbollah in Libano e Hamas in Palestina, e che i progetti di estrazione di gas dai giacimenti israeliani siano messi a serio repentaglio.

Israele di recente ha avviato lo sfruttamento del Tamar e del Leviathian, due giacimenti situati nel Mar Mediterraneo, capienti rispettivamente di 10 e 20 Trilioni di piedi cubi di gas.

Ai due giacimenti, sfruttati dalla compagnia statunitense Noble Energy, e dalle israeliane Delek Group, Isramco e Dor Alon, si è aggiunto il Karish che, ubicato sempre nel Mar Mediterraneo, conta una riserva di 2 Trilioni di piedi cubi.

La cospicua presenza di gas porta Israele ad evolvere da Paese importatore a Paese esportatore di gas, con particolare attenzione ai mercati dell’Unione Europea, che è oggi alla ricerca di fonti di approvvigionamento alternative a quelle di Algeria e Russia.

Una Guerra Fredda del Gas in Medio Oriente

In seguito al riappacificamento diplomatico con la Turchia, avvenuto grazie all’intervento del Presidente USA, Barack Obama, Israele ha preventivato l’esportazione di gas in UE attraverso i gasdotti turchi, mediante la realizzazione di una conduttura per veicolare l’oro blu israeliano nella penisola anatolica.

Il progetto, sostenuto da Turchia, UE e USA, non piace a Siria, Giordania, Libano ed Iran, che mal digeriscono l’emancipazione energetica dello Stato ebraico, finora costretto ad importare il 100% dell’energia necessaria per soddisfare il suo fabbisogno nazionale.

A contrastare i piani di esportazione del gas israeliano in Europa è anche la Russia, che vede nei disegni di Israele una minaccia al mantenimento dell’egemonia del Cremlino nel mercato energetico UE.

Per questa ragione, la vendita di missili anti-navali dalla Russia alla Siria, e, più in generale, il supporto dato da Mosca al Regime siriano di Bashar al Assad, sono considerati con particolare allarme da Israele, che ha individuato nei siti energetici israeliani un obiettivo di possibili attacchi terroristici.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: