LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

GLI USA SEMPRE AL FIANCO DI YULIA TYMOSHENKO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on May 11, 2013

Il Segretario di Stato USA, John Kerry, ricorda al Ministro degli Esteri ucraino, Leonid Kozhara, la necessita per Kyiv di evolvere in una moderna democrazia europea. La Leader dell’Opposizione Ucraina accusata pure di omicidio

Fare dell’Ucraina una moderna democrazia europea, liberare Yulia Tymoshenko dalla detenzione politica, e porre fine alle repressioni selettive. E chiara la posizione degli Stati Uniti d’America nei confronti dell’Ucraina, come ribadito dal Segretario di Stato USA, John Kerry, all’inizio di un incontro con il Ministro degli Esteri ucraino, Leonid Kozhara.

Kerry ha invitato l’Ucraina a rispettare gli standard richiesti dall’Unione Europea per la firma dell’Accordo di Associazione, ergo il rispetto dei principi di democrazia, pluralismo partitico, e rispetto della libertà di stampa, parola, espressione.

Inoltre, Kerry ha illustrato la necessita di liberare Yulia Tymoshenko: ex Primo Ministro e Leader dell’Opposizione Arancione costretta da due condanne ad un totale di 10 anni di carcere più quattro di interdizione dalla vita politica.

La Tymoshenko, guida del processo democratico non violento del 2004 che, noto come Rivoluzione Arancione, ha garantito all’Ucraina cinque anni di democrazia secondo gli standard occidentali, è stata condannata dopo processi ritenuti dalla Comunità Internazionale irregolari e ingiusti.

Il parere è stato di recente supportato anche dalla Corte Europea dei Diritti Umani, che ha sentenziato la reclusione della Tymoshenko come violazione dei Diritti Umani, ed ha invitato le Autorità ucraine a liberare la detenuta politica.

Nonostante ciò, la Leader dell’Opposizione ucraina resta in carcere in precarie condizioni di salute, ed è stata persino accusata dell’omicidio del Deputato Yevhen Shcherban nel 1996.

L’episodio, avvenuto a Donetsk, ha in realtà garantito l’ascesa politica dell’attuale Presidente, Viktor Yanukovych, che, con l’accusa alla Tymoshenko, intende ora chiudere una pagina oscura del suo passato facendo ricadere la responsabilità sulla Leader dell’Opposizione.

Il rischio globale derivato dal caso di Yulia

A causa delle sentenze politiche, avviate dalla salita al potere del Presidente Yanukovych, l’Ucraina ha visto congelare la firma dell’Accordo di Associazione con l’UE: documento che garantisce l’integrazione economica di Kyiv in Europa.

La mancata firma dell’Accordo di Associazione UE-Ucraina spinge Kyiv tra le braccia della Russia, che ha offerto alle Autorità ucraine l’ingresso nell’Unione Doganale.

Questo progetto di integrazione sovranazionale, a cui appartengono Bielorussia e Kazakhstan, è concepito dalla Russia per ripristinare l’egemonia di Mosca nello spazio ex-sovietico.

Con l’ingresso dell’Ucraina nella sfera di influenza del Cremlino, la Russia ha la possibilità di ritornare ad essere un impero, e, così, può costituire una minaccia per lo sviluppo della democrazia ed il rispetto dei Diritti Umani nel Mondo.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: