LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

GAS: LA TURCHIA RIFIUTA L’OFFERTA DELLA RUSSIA

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on April 14, 2013

Ankara respinge la proposta di importazione del gas kazako da parte del monopolista statale russo del gas Gazprom, in partnership con la compagnia turca Bosphorus Gas. La diversificazione un principio fondamentale.

La sicurezza energetica va tutelata con la diversificazione delle forniture.

Nella giornata di sabato, 13 Maggio, l’Autorità dell’Energia Turca ha rifiutato la proposta del monopolista statale russo del gas Gazprom di rifornire la Turchia di oro blu proveniente dal Kazakhstan.

Come riportato dal The Lira, Gazprom, in partnership con la compagnia turca Bosphorus Gas, ha proposto l’importazione in Turchia di 750 Milioni di metri cubi di gas proveniente dal Kazakhstan, veicolati dai gasdotti controllati dai russi.

Il rifiuto della proposta da parte dell’Autorità dell’Energia è stato motivato dalla messa a repentaglio della diversificazione delle forniture, su cui si basa la politica energetica di Ankara.

Ad oggi, la Turchia importa gas da Russia, Iran ed Azerbaijan.

Per diversificare ulteriormente le fonti di approvvigionamento, la Turchia ha programmato la realizzazione di rigassificatori per importare gas liquefatto da Qatar, Algeria, Egitto, Norvegia e Stati Uniti d’America.

Inoltre, Ankara ha anche avviato consultazioni con Israele per l’importazione di gas israeliano, ed il suo trasporto verso l’Unione Europea.

Inoltre, la Turchia ha offerto lo sfruttamento dei giacimenti di gas naturale nel Mar Nero e nel Mar Mediterraneo al colosso azero SOCAR, dopo avere interrotto la cooperazione con il colosso italiano ENI.

La fine del rapporto con il Cane a Sei Zampe è dovuto alla collaborazione del colosso di San Donato con Cipro.

I turchi importanti per l’UE

Infine, la Turchia è un Paese chiave per il trasporto del gas dell’Azerbaijan in Europa.

Il progetto è stato concepito dalla Commissione Europea per diminuire la dipendenza da Russia ed Algeria -da cui l’UE dipende per circa l’80% del fabbisogno energetico continentale complessivo.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: