LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

UCRAINA: ROMANYUK LIBERATO A MILANO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on March 31, 2013

L’esponente dell’Opposizione Democratica ‘arancione’ rilasciato dalla Corte d’Appello del Capoluogo della Lombardia per insussistenza del fatto alla base del mandato di arresto internazionale emanato dalle Autorità ucraine. Il Leader in pectore del dissenso in Ucraina spiato dai Servizi Segreti.

Mentre in Italia i prigionieri politici vengono scarcerati, in Ucraina gli oppositori politici che non sono ancora finiti in carcere vengono monitorati dalla polizia di regime.

Nella giornata di venerdì, 29 Marzo, l’esponente del principale partito dell’Opposizione Democrstica ‘arancione’ ucraina Batkivshchyna, Viktor Romanyuk, è stato rilasciato dalla detenzione del carcere di Milano.

La Corte di Appello di Milano ha ritenuto le motivazioni del mandato di cattura internazionale emanato dalle Autorità ucraine nei confronti di Romanyuk come inconsistenti per giustificare l’arresto dell’esponente politico ucraino, ed ha disposto l’immediato suo rilascio.

Romanyuk è stato arrestato a Milano dall’Interpol lo scorso 23 Marzo sulla base di un’accusa della polizia ucraina per appropriazione indebita di 4 Mila Euro, ma la vera ratio del provvedimento è di carattere politico.

L’esponente di Batkivshchyna nelle Elezioni Parlamentari dell’Ottobre 2012 ha denunciato le Autorità di Kyiv per il mancato riconoscimento della sua vittoria nel collegio 97 sul candidato del Partito delle Regioni: la forza politica del Presidente, Viktor Yanukovych, a cui appartengono anche il Premier, Mykola Azarov, e tutti i Ministri del Governo.

Romanyuk è l’ultima delle vittime di una persecuzione politica, scatenata in Ucraina dalla salita al potere del Presidente Yanukovych nei confronti dei politici dello schieramento ‘arancione’, che ha gia portato alla reclusione in carcere, dopo processi irregolari, l’ex Premier Yulia Tymoshenko, l’ex Ministro degli Interni, Yuri Lutsenko, ed un’altra decina di esponenti del campo democratico.

Nonostante le ripetute proteste della Comunità Internazionale, la repressione delle Autorità di Kyiv non sembra essere finita.

Sabato, 30 Marzo, il Leader in pectore di Batkivshchyna, Arsenyi Yatsenyuk, è stato spiato da agenti di polizia su un auto in borghese, all’interno della quale sono state ritrovate targhe false e ricetrasmittenti.
Il fatto è stato immediatamente denunciato da Yatsenyuk, che ha contestato le politiche repressive adottate nei suoi confronti.

L’Ucraina sempre più isolata dal Mondo

In seguito all’ondata di repressione politica operata dal Presidente Yanukovych -sopratutto dopo l’arresto della Tymoshenko: la Leader degli ‘arancioni’- l’Unione Europea ha congelato il processo di integrazione economica e politica dell’Ucraina nell’UE.

Proteste per il regresso Democratico a Kyiv sono state sollevate anche da USA, NATO, ONU, OSCE, Australia, Canada, e persino dalla Federazione Russa.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: