LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Polonia: gas shale e LNG per fare a meno di Gazprom

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on November 23, 2012

Varsavia intende aumentare lo sfruttamento di carburante non convenzionale dai giacimenti nazionali per rafforzare la sua posizione nel corso delle trattative per il rinnovo dei contratti con la Russia. Avviate consultazioni anche con il Qatar per la diminuzione del prezzo per il gas liquefatto.

Più shale e gas liquefatto e la ricetta preventivata dalla Polonia per diventare energeticamente indipendente. Nella giornata di giovedì, 23 Novembre, il Ministro del Tesoro polacco, Mykolaj Budzianowski, ha dichiarato a volontà di approfondire lo sfruttamento di gas non convenzionale in Polonia per ottenere 10 miliardi di metri cubi entro il 2020.

Come riportato dal Warsaw Business Journal, la decisione del Ministro e funzionale al rafforzamento della posizione della Polonia in sede di trattative per il rinnovo dei contratti per l’acquisto di gas.

Come dichiarato dal Ministro Budzianowski, la Polonia, che dipende ad oggi fortemente dalle forniture della Russia, ha avviato anche trattative con la compagnia Qatargas per l’ottenimento di uno sconto sul gas liquefatto importato dal Qatar.

Come riportato dalla PAP, l’oro blu del Qatar Sara raffinato ed immesso nel sistema infrastrutturale energetico polacco presso il terminale LNG di Swinoujscie, in Pomerania, giunto alla fase finale di realizzazione.

Il Ministro Budzianowski ha illustrato come il punto di partenza nelle trattative con il Qatar sia comunque buono. Ad oggi, il prezzo concordato per l’acquisto di carburante con la Qatargas e di 380 Dollari per Mille metri cubi.

Per la stessa quantità di oro blu il colosso energetico polacco paga invece al monopolista russo del gas, Gazprom, 500 dollari per mille metri cubi.

L’utilizzo politico del gas

Solo di recente, dopo avere minacciato Gazprom di avviare un ricorso presso l’Arbitrato Internazionale di Stoccolma, Varsavia ha ottenuto uno sconto sul tariffario, ma le trattative per il rinnovo degli accordi si preannunciano particolarmente difficili.

La Russia si avvale dell’arma energetica per ottenere scopi politici: il monopolista statale russo, Gazprom, controllato per meta dal Cremlino, impone infatti prezzi alti a quei Paesi, come Polonia, Lituania e Romania, politicamente osteggiati da Mosca e attivi nel sostenere la politica di diversificazione delle forniture approntata dalla Commissione Europea.

Oltre all’aumento dell’importazione del gas liquefatto, Bruxelles sostiene la liberalizzazione del mercato interno UE dell’energia, e il trasporto diretto di gas proveniente da Azerbaijan e Turkmenistan mediante la costruzione di gasdotti ad hoc, noti come Corridoio Meridionale.

Il piano della Commissione Europea e contrastato dalla Russia che, con l’appoggio politico dei Paesi dell’Europa Occidentale, ha avviato la costruzione del Southstream.

Questo gasdotto e concepito per veicolare ulteriori 63 Miliardi di metri cubi di gas all’anno per aumentare la dipendenza dell’UE dalle forniture di Gazprom – ad oggi pari al 40% del fabbisogno continentale – e bloccare la realizzazione del Corridoio Meridionale.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: