LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

L’EUROPA CONTRO GAZPROM: AL VIA UN’INDAGINE SULLA POLITICA ENERGETICA ANTICONCORRENZIALE DI MOSCA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on September 5, 2012

La Commissione Europea riconosce il comportamento del monopolista russo contrario alla libera concorrenza e all’interesse geopolitico dell’UE dopo avere visionato i contratti stabiliti con le principali compagnie dei Paesi Centro-Orientali del Vecchio Continente. E’ il primo caso di un’azione simile operata da Bruxelles contro un ente di importanza mondiale

Il Presidente russo, Vladimir Putin

Il monopolista russo del gas rende impossibile la concorrenza, e la condotta di Gazprom in Europa è un pericolo per l’interesse comune dell’UE tutta. Nella serata di martedì, 4 Settembre, La Commissione Europea ha aperto ufficialmente un’inchiesta sul comportamento di Gazprom nei mercati dei Paesi dell’Europa Centro-Orientale.

L’iniziativa della Commissione Europea, maturata dopo indagini preliminari operate in Paesi dell’Europa Centro-Orientale – Estonia, Lettonia, Lituania, Slovacchia, Polonia, Romania e Bulgaria – non ha precedenti: è la prima volta infatti che Bruxelles avvia un simile procedimento nei confronti di un importante ente accusato di monopolizzare il mercato ed impossibilitare la concorrenza interna all’UE.

Secondo la Commissione Europea, che ha esaminato i contratti stabiliti tra Gazprom e le singole compagnie energetiche dei Paesi dell’Europa Centro-Orientale, il monopolista russo ha reso impossibile la libera circolazione di gas all’interno dell’Unione.

Inoltre, l’ente energetico controllato direttamente dal Cremlino ha contrastato con tutti i mezzi a sua disposizione la realizzazione del piano di diversificazione delle forniture di gas, che Bruxelles ha varato per diminuire la dipendenza dall’oro blu di Mosca e sfruttare direttamente i giacimenti del Bacino del Caspio.

L’iniziativa di Bruxelles – importante dal punto di vista politico, in quanto l’UE ha chiaramente riconosciuto che il comportamento dei russi sul piano energetico è contrario all’interesse generale dell’Unione – resta tuttavia limitata al piano investigativo, poiché durante il corso dell’inchiesta non è prevista alcuna sanzione nei confronti di Gazprom.

Se il monopolista russo sarà riconosciuto colpevole del mancato rispetto dell’articolo 102 dell’Accordo di Funzionamento dell’Unione Europea, esso rischierà una multa pari al 10% del suo fatturato annuale che, secondo gli ultimi dati resi pubblici, ammonta a 150 Milioni di Dollari.

Il divide et impera di Mosca in Europa

 

La decisione della Commissione Europea è la naturale conseguenza di una situazione anomala verificatasi sul piano energetico. Per garantire la propria egemonia sul Vecchio Continente, e dividere l’Europa per impossibilitarne la realizzazione di misure atte a garantire la sicurezza dei 27 Paesi UE, la Russia ha concesso sconti agli Stati dell’Europa Occidentale – Germania, Francia e Italia – in cambio della loro lealtà economica e politica.

Al contrario, nei confronti dei Paesi dell’Europa Centrale, politicamente avversati dai russi – come Polonia, Paesi Baltici, e Romania – Mosca ha mantenuto le tariffe su un livello notevolmente alto, ed ha provveduto al loro isolamento infrastrutturale mediante la costruzione del Nordstream.

Questo gasdotto è ubicato sul fondale del Mar Baltico per rifornire di oro blu la Germania direttamente dalla Russia. Nonostante le proteste dei Paesi dell’Europa Centrale – che hanno visto nell’accordo russo-tedesco un nuovo Patto Molotov-Ribbentrop contrario all’interesse generale europeo – il Nordstream è stato costruito nell’inizio del 2012 grazie all’appoggio politico ed economico alla Russia di Germania, Francia ed Olanda.

Matteo Cazzulani

Advertisements

2 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Antonio Scardone said, on September 5, 2012 at 14:05

    Penso che chi scrive queste cose, inneggiando al movimento filo americano degli arancioni……… foraggiato dagli USA in Ucraina………. vada contro gli interessi dell’europa continentale e sia servo di americani, inglesi ed israeliani………grazie 1000 per lo spazio concessomi. W PUTIN LA RUSSIA E GAZPROM!

    • matteocazzulani said, on September 5, 2012 at 14:13

      Certo. E tanto che ci siamo viva anche il muovo stalinismo energetico che attanaglia il Vecchio Continente, costringendoci a sottostare al diktat di Mosca. In fondo, c’è chi in questo Paese ancora spera nella creazione della Repubblica Sovietica Italiana. Beh, fate pure, se credete che l’Unione Europea e una parte periferica dell’Eurasia. Io invece vedo nell’Europa una parte dell’Occidente, in cui i valori della comunità atlantica – democrazia, rispetto dei diritti umani e della libertà di stampa e di pensiero – sono fondanti. E per questo che ringrazio il gentile lettore per l’intelligente e costruttivo commento. Come vede, qui non siamo in Russia, dove chi protesta contro Gazprom e Putin finisce direttamente in cella – oppure crivellato da revolverate, come accaduto alla coraggiosa Anna Politkovskaya – anche lei foraggiata dagli amerikani ovviamente…


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: