LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

LA CINA SI COMPRA L’EUROPA CENTRALE

Posted in Unione Europea by matteocazzulani on April 28, 2012

Pechino programma investimenti pari a 10 Miliardi di Dollari per rafforzare le infrastrutture, sostenere la politica energetica, e incentivare realizzazione di nuove tecnologie in Polonia e in altri 14 Paesi del cuore del Vecchio Continente. Il successo di Varsavia sul piano politico accanto al rischio per la tenuta economica dell’Unione Europea dinnanzi all’avanzata del colosso cinese

Il premier polacco, Donald Tusk

Dopo l’Africa e l’America Latina anche i Paesi dei cuore del Vecchio Continente sono destinati a diventare colonie dell’impero economico cinese. Nella giornata di giovedì, 26 Aprile, presso il Palazzo Reale di Varsavia, ha avuto luogo un vertice tra le Autorità della Cina e quelle della Polonia, al quale, su espresso volere del Premier polacco, Donald Tusk, sono stati invitati Capi di Stato e di Governo degli altri Paesi dell’Europa Centrale.

A rendere il summit di importanza rilevante è stato il varo di un massiccio piano di investimenti, pari a 10 Miliardi di Dollari, che Pechino si è impegnata a riversare per i prossimi anni a beneficio di 14 Paesi dell’UE. Tra essi, oltre alla Polonia, figurano Bosnia-Erzegovina, Slovacchia, Estonia, Lettonia, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Montenegro, Albania, Macedonia, Romania, Slovenia, ed Ungheria.

Nello specifico, il Premier cinese, Wen Jiabao, ha comunicato l’apertura di una linea di credito per la costruzione di nuove infrastrutture, lo sviluppo di energie rinnovabili, e l’ampliamento di nuove tecnologie, che interesserà i principali istituti bancari del Paese, come la Banca Nazionale dello Sviluppo della Cina, la Banca Cinese delle Importazioni e delle Esportazioni, la Banca Cinese dell’Industria e del Commercio, la Banca Cinese per la Costruzione, dal Banco di Cina, e la Banca cinese Citic.

Secondo quanto dichiarato da Wen Jiabao, e riportato dall’autorevole Gazeta Wyborcza, Pechino ha inoltre promesso un ulteriore fondo di 500 Milioni di Dollari per incentivare le industrie cinesi ad investire in Polonia, insieme con il varo di un’apposita Commissione Economica per innalzare gli scambi commerciali fino a 100 Miliardi di Dollari.

Come rilevato da diversi analisti, la mossa della Cina fa parte di uno dei capitoli previsti nel piano di espansione economica di Pechino, che ad oggi rappresenta la seconda economia del Mondo, e che secondo diverse previsioni, è destinata a scalzare gli Stati Uniti d’America dalla leadership planetaria.

Dopo avere rafforzato la loro presenza economica in Africa, Asia e Sud America, i cinesi hanno investito su energia e nuove tecnologie, e in Europa si sono già impossessati di alcuni colossi del settore, come la Volvo e la Deloitte.

Per la Polonia, la visita del Premier cinese è stato un indubbio successo, dal momento in cui sono stati confermati i principi del Trattato di Partnership Strategica che i due Paesi hanno firmato nel Dicembre del 2011, e Varsavia ha rinsaldato il proprio ruolo di porta d’Europa per la Cina.

I Diritti Umani finiscono in soffitta

Come rilevato da Le Monde, nel vertice di Varsavia la Cina ha dimostrato di volersi rapportare con l’Europa in una maniera per nulla differente rispetto alla Russia, in quanto la stipula di patti con una sola parte del Vecchio Continente ricorda, per molti aspetti, la politica del divide et impera che tradizionalmente – e in misura sensibilmente maggiore negli ultimi anni – Mosca ha attuato nei confronti dell’Unione Europea, sopratutto nel campo energetico e politico.

Infine, il giornale francese ha rimarcato come Tusk abbia mutato totalmente il suo atteggiamento nei confronti di Pechino: se nel 2008, dopo un anno dall’insediamento del suo primo Governo, forti sono stati i proclami in sostegno dell’indipendenza del Tibet, durante il vertice polacco-cinese di giovedì, 26 Aprile, a perorare la causa del Dalai Lama e del rispetto dei diritti umani da parte dell’esercito cinese sono state solo poche decine di manifestanti riunitesi di fronte al Palazzo Reale in una simbolica protesta.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: