LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

GAZPROM CAMBIA LE CONDIZIONI PER LA VENDITA DI GAS ALL’UNIONE EUROPEA.

Posted in Guerra del gas by matteocazzulani on April 11, 2012

Il monopolista russo del gas taglia i ricavi ma mantiene alti i guadagni sull’oro blu esportato ai Paesi dell’Europa, che così saranno costretti ad acquistare carburante a un prezzo alto rispetto a quello medio di mercato. Le conseguenze sul piano giudiziario nel ricorso con la Polonia per le tariffe energetiche

Il Presidente russo, Vladimir Putin

Niente sconti, ma solo una minore di quantità di gas venduta. Questa è la nuova strategia che ha adottato il monopolista russo del gas, Gazprom, per quanto riguarda le esportazioni di oro blu in Europa preventivate per il prossimo anno.

Secondo quanto dichiarato dal giornale russo Vedomosti, Gazprom ha pianificato una diminuzione della quantità di gas da inviare nel Vecchio Continente in seguito al proliferare di richieste di sconti sulle tariffe inoltrate dal 2010 dalle maggiori compagnie energetiche europee.

Questa manovra è stata presentata come un passo attuato per consentire il prolungamento dei contratti con Paesi colpiti dalla forte crisi economica mediante la concessione di ribassi sulle bollette pari al 10%, ma in realtà rappresenta un calcolo preciso attuato dal monopolista russo per mantenere alti i guadagni.

Come ha illustrato il Vice-Presidente di Gazprom, Aleksandr Medvedev, il monopolista russo ha preferito diminuire la quota di gas esportato anziché agire sul taglio del suo prezzo: così, pur abbassando i ricavi, Mosca potrà mantenere un considerevole guadagno sul carburante fornito agli enti europei.

“Vista la situazione dei mercati del Vecchio Continente ci siamo trovati dinnanzi a due scelte – ha dichiarato Medvedev – esportare 154 miliardi di metri cubi di gas all’anno a un prezzo scontato, oppure esportarne solo 150 a un costo più alto. Abbiamo scelto questa seconda opzione”.

Per Gazprom si tratta del terzo abbassamento della previsione di esportazione di gas preventivata dal momento della stesura del bilancio preventivo della Federazione Russa, nel quale inizialmente è stata fissata la vendita all’Europa di 164 miliardi di metri cubi di gas ad un prezzo medio di 442 Dollari per mille metri cubi.

In seguito alle difficoltà registrate da parte di alcuni enti europei per onorare i contratti a causa della crisi dell’Euro, la quota è stata abbassata a 154 miliardi di metri cubi annui, per un prezzo medio di 415 Dollari per mille metri cubi. Come dichiarato da Medvedev, l’ulteriore abbassamento della quantità di gas esportato non sarà seguita da alcun ritocco delle tariffe.

Oltre che un calcolo economico, la manovra rappresenta anche una mossa strategica in chiave contrattualistica, dal momento in cui, come riportato dall’autorevole Gazeta Wyborcza, essa potrebbe favorire Mosca nella risoluzione del ricorso esposto all’Arbitrato Internazionale di Stoccolma da parte del colosso energetico polacco PGNiG contro Gazprom per il mancato abbassamento delle tariffe, che invece è stato concesso dai russi alle altre compagnie europee.

Evidenziando come questa condotta sia dettata da una natura politica volta a penalizzare un Paese osteggiato dal Cremlino, i polacchi hanno dichiarato di pagare le tariffe per il gas russo più alte di tutta Europa: circa 500 Dollari per Mille metri cubi. La diminuzione della quantità di gas esportato da Mosca potrebbe portare a una riconsiderazione della spesa imposta a PGNiG, e, così, risolvere automaticamente il ricorso.

L’alternativa azera alla dipendenza energetica dalla Russia

Le decisioni di Gazprom in merito a ritocchi contrattuali hanno ripercussioni considerevoli sulla situazione economica europea, in quanto il Vecchio Continente resta fortemente dipendente dal gas importato dalla Russia senza potere contare su fonti di approvvigionamento alternative. Una soluzione tuttavia è costituita dall’Azerbajdzhan, che ha varato un piano di aumento delle esportazioni del carburante estratto nel proprio territorio per cercare di acquisire quote considerevoli presso il mercato dell’Unione Europea, con cui sono già stati firmati dei pre-contratti.

Per diminuire la dipendenza dell’Europa dalla Russia, UE ed Azebajdzhan hanno progettato anche un piano per importare il gas centro-asiatico nel Vecchio Continente senza transitare per il territorio russo, che consiste nella costruzione di un’apposita rete di gasdotti: il Corridoio Meridionale.

Il primo tratto di questa iniziativa è il Gasdotto Transanatolico – TANAP – compartecipato dalle compagnie energetiche turca BOTAS, britannica British Petroleum, olandese Shell, e dall’azera SOCAR, che, come è stato evidenziato durante la presentazione ufficiale di martedì, 10 Aprile, a Baku, avrà la capacità di trasportare 60 Miliardi di metri cubi annui.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: