LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

IN MOLDOVA E ANCORA CRISI DI GOVERNO

Posted in Moldova by matteocazzulani on July 20, 2011

Uno scontro tra Liberali e Liberal-Democratici per una questione di nomine e proposte di legge mina la tenuta dell’Alleanza per l’Integrazione Europea, malgrado l’invito della Grybauskaite all’unità. Il vantaggio dei comunisti

Il Leader dei liberali moldavi, Mihai Ghimpu

Equilibrio precario e numeri risicati ostacolano la strada della Moldova verso l’Unione Europea. Nella giornata di Giovedì, 14 Luglio, si è consumata una nuova frattura all’interno dell’Alleanza per l’Integrazione Europea: variegata coalizione di governo di centro-destra, composta dal Partito Liberal-Democratico, da quello Liberale, e dai Social-Democratici.

A causare la rottura, la decisione del Leader dei Liberali, Mihai Ghimpu, di bloccare ogni provvedimento di riforma proposto dai Liberal-Democratici: un tempo, alleati di ferro, oggi, invece, divisi dalla decisione del loro Leader, il Premier, Vlad Filat, di non sostenere la candidatura a Presidente del Capo dei Social-Democratici, Marian Lupu, che, in quanto Speaker del Parlamento, ricopre già la carica di Capo di Stato ad interim.

Una situazione davvero confusa, dove, in seguito alle elezioni parlamentari anticipate dello scorso 28 Novembre – convocate per risolvere un’impasse duratura – al Governo è stata confermata la coalizione filoeuropea che, risicata nei numeri, non è ancora riuscita ad eleggere il Presidente, per cui sono necessari i 3/4 dei voti in Parlamento. In aggiunta, la precarietà del margine della maggioranza, che costringe alla conta in ogni votazione: su 101 seggi, il Partito Liberal-Democratico ne ha 32, il Partito Democratico – socialdemocratici – 15, mentre quello Liberale 12.

Un invito alla pronta risoluzione delle controversie interne è arrivato dalla Presidente della Lituania, Dalia Grybauskaite, che, incontratasi con Filat e Lupu lo scorso mercoledì, 13 Luglio, ha ribadito come la tenuta della coalizione di centro-destra sia condizione necessaria per le riforme strutturali e l’ammodernamento del Paese, di cui Chisinau ha necessità da un lato per concludere le procedure di associazione con Unione Europea – con cui è in programma il varo di una Zona di Libero Scambio – dall’altro, per risolvere con maggiore autorevolezza la crisi in Transdnistria.

Verso la Bolognina moldava

Chi, invece, approfitta dei dissidi interni al campo filoeuropeo è l’opposizione comunista, che, forte della vittoria alle elezioni amministrative – e della maggioranza relativa in parlamento, con 42 seggi – ha convocato un congresso nazionale con lo scopo di ammodernare il Partito, in vista di una sua maggiore democratizzazione.

Tuttavia, secondo diversi esperti, è difficile che l’apertura all’associazionismo ed alla società civile possa realmente mutare l’erede diretto del Partito Comunista Moldavo dell’epoca URSS, sopratutto per quanto riguarda l’orientamento in politica estera, spiccatamente filorussa ed antioccidentale.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: