LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

LA POLONIA RITROVA SE STESSA

Posted in Polonia, Unione Europea by matteocazzulani on June 12, 2011

In occasione del Global Forum di Wroclaw il Presidente polacco, Bronislaw Komorowski, ripristina in cima all’agenda UE la diffusione di democrazia e libertà nell’Europa Centro-Orientale. Criticate le autorità ucraine per la repressione di giornalisti ed Opposizione Democratica, e premiati dissidenti bielorussi

Il Presidente polacco, Bronislaw Komorowski

La fermezza UE fa svegliare anche Komorowski. Nella giornata di venerdì, 10 Giugno, ha avuto luogo il Global Forum di Wroclaw: una conferenza internazionale sui temi di politica estera, a cui, oltre alle autorità locali e nazionali, hanno partecipato anche rappresentanti USA.

Sull’impostazione del forum – una vera e propria ventata di aria fresca dopo mesi di realpolitik – chiaro già il titolo, “Energia, Sicurezza, Democrazia”: principi ribaditi nientemeno che dal presidente polacco, Bronislaw Komorowski, secondo cui i recenti sviluppi nel mondo arabo non devono cambiare affatto le vere priorità dell’Occidente. Ovvero, la democratizzazione dell’est Europa e dello spazio ex-sovietico, con particolare attenzione a Bielorussia ed Ucraina.

Nello specifico, Komorowski ha apprezzato il recente incontro tra il Presidente ucraino, Viktor Janukovych, ed il collega americano, Barack Obama, ma ha ricordato che alle parole, ed al mero interesse economico, che pure ha la sua importanza, non ci può essere integrazione senza rispetto di pluralismo democratico, libertà di stampa, e rispetto delle opposizioni: tutti diritti innegoziabili, fondanti di un’Unione Europea che la Polonia si appresta a guidare dal prossimo Primo di Luglio.

La posizione di Komorowski rappresenta un vero e proprio cambio di rotta della politica estera polacca, dal settembre 2009 irriconoscibilmente filorussa e non curante delle sorti di uno spazio, quello post-sovietico, la cui democratizzazione, fino ad allora, è stata in cima alle priorità di Varsavia.

Tra tradizione ed opportunità

Secondo molti esperti, a favorirla sarebbe stata la recente mobilitazione del Parlamento Europeo, che, su iniziativa PPE – il partito dei moderati europei, a cui appartiene Komorowski – ALDE e Verdi, ha votato una risoluzione di condanna della repressione del dissenso e dei principali esponenti dell’Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko, e Jurij Lucenko: rispettivamente confinata in Patria e detenuto in isolamento con accuse scarsamente provate.

Altri politologi hanno posto l’accento sulle imminenti elezioni parlamentari, e sul bisogno per la liberale Piattaforma Civica – il partito di Komorowski e del primo Ministro, Donald Tusk – di riguadagnare credibilità in campo estero, dopo un inspiegabile discostamento dall’impegno nella diffusione di democrazia e Libertà – figlio della tradizione di Solidarnosc e, più nel passato, della Prima e Seconda Rzeczpospolita – su cui è apparso più coerente il principale soggetto di opposizione, il conservatore Diritto e Giustizia.

Calcoli politici a parte, Komorowski ha dato continuità alle dichiarazioni, insignendo di persona di persona dissidenti bielorussi e politici coerenti dell’Onorificenza della Libertà, un riconoscimento del Consiglio Atlantico USA.

Tra essi, gli oppositori al regime di Minsk Oles’ Bjalac’kyj, Natalija Kaljada, Zhanna Litvina, ed il Senatore repubblicano USA John McCain, da sempre in prima fila nel sensibilizzare Washington sulle condizioni dell’Europa Centro-Orientale, e contestare l’amministrazione democratica di Obama per la politica della ricerca costante – ed infruttuosa – del dialogo con i peggiori dittatori del Pianeta.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: