LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

Svjatohorivka. Capitale della politica giovane tra noia e tare.

Posted in Eurobus 4 by matteocazzulani on May 28, 2011

L’Eurobus in un paesino del Donbas, nell’est industriale e minerario del Paese. Iniziativa locale contro alcol e disoccupazione

Dal Dnipro al Don la distanza e davvero molta. Svjatohirs’k e situata nella oblast’ di Donec’k, nell’est del Paese. Una regione, meglio nota come Donbas, molto diversa dal resto dell’Ucraina.

Prevalentemente russofona, sia linguisticamente, che politicamente, e caratterizzata da una forte presenza dell’industria, perlopiù mineraria. E a causa della conformazione geologica che la terra e di colore nero vivo, molto diverso dal giallo luccicante del grano che cresce sul
Bacino del Dnipro.

Tuttavia, oltre alla geografia, altre sono le particolarità del luogo, di cui il piccolo paesino risente inevitabilmente. La maggior parte della popolazione lavora non in campagna, ma nelle miniere: un tempo tutte di proprietà statale, oggi, per la maggior parte privatizzate, nelle mani di grandi businessman.

“Di lavoro ce n’è sempre meno – evidenzia Vasyl’, una vita nella Shakhta Bilozers’ka – in passato la miniera ha dato lavoro a tutti. Oggi, acquistata dalla ADT, lascia a casa sempre più persone”.

Continuando la conversazione, non senza fatica, e reso noto che dietro la compagnia c’è Rinat Akhmetov: oligarca, tra i principali sponsor politici del Presidente, proprietario della squadra di calcio Shakhtar Donec’k, campione d’Ucraina.

“Un bravo imprenditore – tiene a sottolineare Vasyl’ – ha dato a molti una casa, ed una realtà sportiva di cui tutti vanno fieri a Svjatohirs’k”.

Tuttavia, a Svjatohirs’k non c’è solo sport e miniera.

“La disoccupazione ha aumentato l’uso di alcool e droghe – ci evidenzia la moglie, Olena – spesso sono gli stessi genitori ad esserne vittime – continua – e non correggono la condotta dei figli”.

A favorire questa tara, i pochi stimoli che il paesino offre: nessun luogo di aggregazione, ne di diffusione di cultura ed informazioni. Solo una scuola, peraltro con un solo accesso ad internet, e la Rada locale. Nulla di piu. Persino il mercato piu vicino dista sei chilometri.

Troppo poco per evitare che i due negozi di alimentari siano presi d’assalto dai cultori della birra già nel primo pomeriggio.

Per risolvere tale scenario occorrerebbe un’autorita locale davvero competente. A Svjatohirs’k, il Consiglio Comunale e retto da Viktor Jevhenjevych: con i suoi 22 anni, il più giovane amministratore di tutta l’Ucraina.

A sostenerlo, non solo il Partija Rehioniv – padrone assoluto del Comune, con più voti di tutta l’Opposizione unita – ma anche le massime personalità di Svjatohirs’k, dal Direttore della scuola, ai più ricchi proprietari terrieri. Il tutto, malgrado la sua residenza in un altro centro, poco lontano da quello amministrato.

La conoscenza del territorio, oltre alla passione politica, gli e stata trasmessa dalla madre: consigliera Regionale di carriera, e tanto amante della libertà di stampa al punto da voler modificare la lezione di giornalismo dell’Eurobus, tenuta da due reporter dell’Unione Europea.

La libertà di stampa, appunto. Un miraggio nei giornali locali, in cui i cronisti sono ancora vittime di pressioni da parte delle autorita. A confidarlo, un collega di una televisione locale – che per etica professionale non sara citato – il quale, dopo avere cercato di intervistare gli esponenti UE sotto il ritratto presidenziale, e, cosi, politicizzare la missione Eurobus, si e dichiarato controcorrente, aperto alle diverse posizioni di ciascuno.
Ci si chiede di chi, a Svjatohirs’k, dal momento in cui la politica non sembra interessare proprio a nessuno.

Un quadro abbastanza desolante, in grado di abbattere persino l’entusiasmo di chi desidera un’Ucraina migliore. Felicemente, un’adeguata risposta proviene da un gruppetto di volenterosi, che, armati di buona volontà e legno / e, loro si, legati al territorio, vinto un concorso, hanno costruito ex novo un pozzetto, ed una fermata del bus: la prima della decina del Paese.

Peccato che ciò sia stato possibile nell’adiacente Hannivka, e non a Svjatohirs’k.

Matteo Cazzulani

20110524-015230.jpg

20110524-015253.jpg

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: