LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

CRISI LIBICA: OBAMA CONTESTATO

Posted in USA by matteocazzulani on March 21, 2011

Presidente democratico sotto il fuoco incrociato di sinistra democratica e repubblicani. Il Leader GOP, John Boehner, lo invita a riferire in Parlamento, come richiesto da prassi. Il Segretario alla Difesa, Robert Gates, auspica un maggiore coinvolgimento di Francia, Gran Bretagna, e NATO

Il presidente USA, Barack Obama

Anche con la Libia, Obama scontenta tutti. A testimonianza della goffaggine dei democratici in politica estera, lo scontro politico interno, scoppiato Domenica, 20 Marzo. Giusto all’indomani dell’inizio delle operazioni Franco-Britannico-Canadesi, a cui Washington ha aderito.

Prime proteste, quasi a sorpresa, dalla sinistra pacifista dei democratici. Il Deputato dell’Ohio, Dennis Kuchnich, ha contestato l’intervento bellico, e ricordato al suo collega di Partito la possibilità di ricorrere all’impeachment.

Le prerogative, secondo il rappresentante democratico al Congresso, sarebbero le medesime con cui, nel 2003, fu sempre lui a minacciare il precedente Capo di Stato, George Bush, a seguito dell’intervento in Irak.

Obama come Bush, sembrerebbe. Ma non è così. A spiegare la differenza, lo Speaker del Congresso, John Boehner, anch’egli critico con il Presidente.

Secondo il Leader repubblicano, prima di un intervento armato, in qualsiasi regione del pianeta, e con qualsiasi ruolo, il Capo di Stato ha l’obbligo di riferire in Parlamento. Ergo, al popolo americano.

“Obama — ha dichiarato — ha obblighi e responsabilità. E’ anche il capo delle forze armate — ha continuato, come riportato dall’autorevole Reuters — ci spieghi che cosa faremo in Libia”.

Incerti scenari

Spiegazione in parte fornita dal Segretario alla Difesa, Robert Gates. Il quale, poco prima di partire per la Russia, ha messo in chiaro che quello USA è un ruolo secondario. Inoltre, ha auspicato il comando della NATO sull’operazione — o, in alternativa, di un gabinetto franco-inglese — ed espresso incertezza per gli scenari in Libia.

“Probabile la divisione del Paese in un Occidente filo-Gheddafi, ed in un Oriente in mano agli insorti. Ma stiamo ancora discutendo”.

Affermazioni che hanno scatenato la polemica tra gli ambienti più conservatori del GOP. Il Senatore Lindsey Graham ha lamentato lo scarso impegno del suo Paese nella coalizione anti-Gheddafi.

Un dittatore, come lo ha definito il repubblicano, la cui eliminazione deve esere in cima all’operazione Odissea all’Alba.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: