LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

UCRAINA: DOPO LA NOTTE DI SANGUE, BAT’KIVSHCHYNA BOICOTTA AD OLTRANZA

Posted in Ukraina by matteocazzulani on December 17, 2010

L’Opposizione Democratica risoluta dopo l’agguato subito nella notte. Lo Speaker denuncia la presenza di armi in aula. La maggioranza da la colpa ai media

Il vice leader di Bat'kivshchyna, Oleksandr Turchynov

Chi accende lumini funebri per la morte della democrazia, chi alberi di natale chilometrici. Sentimenti contrastanti all’indomani della Notte di Sangue alla Rada.

Con la violenza, nella serata di giovedì, 16 dicembre, i Parlamentari della maggioranza hanno interrotto una dimostrazione pacifica dell’Opposizione Democratica, in solidarietà con la propria Leader, Julija Tymoshenko, vittima di un attacco giudiziario, tanto ingiustificato, quanto politicamente pianificato.

In segno di cordoglio per la scomparsa della libertà nel Paese, i Deputati del Blocco Tymoshenko-Bat’kivshchyna, privi dei quattro componenti ricoverati in ospedale – trauma cranico per due di loro, uno in gravi condizioni – hanno acceso lumini funebri sui propri banchi.

Successivamente, hanno abbandonato l’aula, quando a prendere la parola è stato uno degli organizzatori del blitz, Oleksandr Jefremov, capogruppo del Partija Rehioniv – la forza politica, egemone nel Paese, a cui appartengono il Presidente, Viktor Janukovych, il Premier, Mykola Azarov, e quasi tutti i membri del Consiglio dei Ministri.

Riunita per qualche minuto con Nasha Ukrajina-Narodna Samooborona – l’altro gruppo dell’Opposizione Democratica – la forza politica dell’anima della Rivoluzione Arancione ha deciso il boicottaggio ad oltranza dei lavori, fino alla condanna dei responsabili delle violenze.

Inoltre, come dichiarato dal Braccio Destro della Lady di Ferro ucraina, Oleksandr Turchynov, Bat’kivshchyna ha esposto denuncia in procura, ed addotto foto e filmati come prove. Inoltre, si è appellata ad Unione Europea e Stati Uniti, per invitare le autorità ad interrompere il clima di terrore politico.

Partija Rehioniv contro i giornalisti

 

 

Alla linea dura, lo Speaker del Parlamento, Volodymyr Lytvyn, ha risposto di non ammetere l’assenza di una componente della Rada. Inoltre, la terza Carica dello Stato ha mostrato catene, ferraglie ed oggetti vari, introdotti in aula da colleghi, in vista di una possibile ripresa della lotta.

Più duro il Premier, Mykola Azarov, che ha bollato l’atteggiamento dell’Opposizione Democratica come cinico. Malgrado le registrazioni, diffuse dai principali mezzi di informazione, altri esponenti del Partija Rehioniv hanno negato di aver usato violenza, ed accusato di calunnia i giornalisti.

Pronta la risposta dell’associazione della stampa ucraina, che ha evidenziato come tali insinuazioni riflettano il reale atteggiamento della maggioranza nei confronti dei media indipendenti.

Invece, nessun rimprovero ai suoi da parte di chi, ex lege, dovrebbe garantire la correttezza nelle istituzioni. Il Presidente, Viktor Janukovych, ha invitato ad incrementare il livello culturale dei politici.

Successivamente, si è affrettato alle celebrazioni per l’accensione dell’Albero di Nuovo Anno – di Natale – della Capitale.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: