LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN UCRAINA: A KHARKIV CHIESTA RIPETIZIONE DEL VOTO

Posted in Ukraina by matteocazzulani on November 9, 2010

Troppo poca la distanza tra il candidato di Bat’kivshchyna, Arsen Avakov, e quello del Partija Rehioniv, Hennadij Kernes. La Commissione Elettorale Centrale invita ad accorciare i tempi

Il candidato sindaco di Kharkiv di Bat'kivshchyna, Arsen Avakov

Minima la distanza. massima la possibilità di un risultato falsato. Il Gruppo per la Difesa dei Diritti Umani di Kharkiv ha richiesto, così, la ripetizione delle elezioni comunali nell’ex capitale dell’Ucraina sovietica.

Domenica, 31 ottobre, l’esponente dell’Opposizione Democratica, Arsen Avakov, è stato sconfitto da quello del Partija Rehioniv, Hennadij Kernes, per due soli punti percentuali. Una distanza minima, con cui il candidato di Bat’kivshchyna – il partito dell’anima della Rivoluzione Arancione, Julija Tymoshenko – ha sfiorato l’impresa di strappare una tradizionale roccaforte della forza politica egemone nel Paese – a cui appartengono il presidente, Viktor Janukovych, il Premier, Mykola Azarov, e quasi tutti i membri del Consiglio dei Ministri.

Infrazioni nel dettaglio

Nella giornata di lunedì, 8 novembre, un’apposita nota è stata inoltrata alla Commissione elettorale Centrale, con tanto di spiegazione dei piccoli errori procedurali che, sommati l’uno all’altro, avrebbero modificato l’esito finale dello spoglio.

Primo di essi, la mancata esclusione da molte schede di Oleksandr Denysenko, candidato che ha rinunciato alla corsa 5 giorni prima delle votazioni. In alcuni seggi, gli elettori hanno potuto scegliere un’opzione non prevista, peraltro in concorrenza con il candidato dell’Opposizione Democratica, vero e proprio penalizzato dalle consultazioni.

In secondo luogo, i dati sono stati trasmessi alla Commissione Elettorale Territoriale da 56 sezioni con tanto ampi quanto sospetti ritardi. In altri, esponenti delle autorità non hanno permesso a Rappresentanti di Lista ed esponenti delle ONG incaricate dell’osservazione delle procedure di voto, di controllare la corretta trascrizione del dato del conteggio sui relativi verbali.

Ad essi,vanno sommati il ritrovamento di bollettini e verbali intonsi, ma già firmati, attività di propaganda elettorale di esponenti del Partija Rehioniv presso i seggi, e schede annullate arbitrariamente, senza possibilità di contestazione, in seggi favorevoli ad Avakov.

La Commissione Elettorale centrale ha risposto con un comunicato, in cui si invita a risolvere ogni controversia nel giro di una decina di giorni, entro i quali va fissata la scadenza per possibili ripetizioni del voto.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: