LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN UCRAINA: A KHARKIV AVAKOV CHIAMA I DEMOCRATICI AL MAJDAN

Posted in Ukraina by matteocazzulani on November 5, 2010

Il candidato di Bat’kivshchyna non riconosce i dati della Commissione Elettorale Locale al totale dello spoglio, che conferiscono la vittoria al Partija Rehioniv

Il candidato sindaco di Kharkiv di Bat'kivshchyna, Arsen Avakov

Tutti in piazza, per difendere il proprio voto. Contro ogni falsificazione. L’appello, lanciato dal candidato sindaco di Kharkiv di Bat’kivshchyna, Arsen Avakov, è l’ennesima contromisura, al termine di elezioni comunali, svoltesi nella più totale irregolarità.

L’esponente del principale partito dell’Opposizione Democratica, dato per favorito da tutti gli exit-pool, non ha riconosciuto i dati definitivi, divulgati dalla Commissione Elettorale Territoriale. Avakov si sarebbe classificato secondo, davanti alla comunista Alla Aleksandrovs’ka, e dietro a Hennadij Kernes, candidato del Partija Rehioniv – la forza politica, egemone nel paese, a cui appartengono il Presidente, Viktor Janukovych, il Premier, Mykola Azarov, e quasi tutti i membri del Consiglio dei Ministri. 29,47% a 30,08% il distacco con l’Opposizione Democratica avrebbe sfiorato una storica vittoria, in una tradizionale roccaforte regionale.

Casi di irregolarità

La leader dell'Opposizione Democratica, Julija Tymoshenko

Oltre alla mobilitazione, il candidato del partito dell’anima della Rivoluzione Arancione, Julija Tymoshenko, ha affermato di avere esposto ricorso, affinché siano ricontate le schede elettorali, una dopo l’altra. Inoltre, Avakov ha dichiarato che non riconoscerà l’esito del voto fino a quando le autorità competenti non indagheranno su un dossier di casi di irregolarità, annotate non solo da Rappresentanti di Lista di Bat’kivshchyna, ma anche da osservatori di ONG indipendenti.

Tra essi, bollettini stampati in sovrannumero, altri annullati senza motivo, né possibilità di ricorso, nei seggi favorevoli al candidato del campo democratico. In seguito, violazione del silenzio elettorale, alla vigilia e durante la giornata delle consultazioni, con esponenti del Partija Rehioniv impegnati a fornire esplicite indicazioni di voto. Inoltre, sarebbe stato recuperato un contenitore con delle schede autenticate, e votate.

“Lotteremo per ogni voto – ha annunciato – per difendere la nostra libertà. Nessuno può contrastare i democratici, se essi scenderanno, compatti, in piazza”.

Nella serata, la notizia che il principale partito dell’Opposizione Democratica andrà oltre alla mera dimensione locale, appellandosi alla corte europea. A comunicarlo, la Deputata Nazionale del Blocco Tymoshenko-Bat’kivshchyna, Olena Shustik, determinata a difendere la democraticità delle elezioni anche a Bruxelles.

Matteo Cazzulani

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: