LA VOCE ARANCIONE. Il Blog di Matteo Cazzulani

KYRGYSTAN AL VOTO. RUSSIA ED USA ALLA FINESTRA

Posted in Kyrgystan by matteocazzulani on October 11, 2010

A spoglio non ancora ultimato sono cinque i partiti che avrebbero superato lo sbarramento per entrare nella Keshena. Alti gli interessi di Mosca e Washington sulla consultazione

La presidente kyrgysa, Roza Otumbajeva

Urne chiuse in Kyrgystan. Stando ai primi dati, sui 29 partiti in corsa, solo cinque avrebbero superato la soglia del 5% necessaria per spartirsi i 120 seggi del Parlamento monocamerale di Bishek. Al primo posto, il partito conservatore di opposizione Ata Zhurt, con il 10,34% dei consensi, incalzato dal Partito Social Democratico Kyrgyso – che sostiene il presidente, Rosa Otumbajeva – con l’8,06%. Seguono Repubblica – 6,97% – il filorusso Ar-Namys – 6,91% – e la forza politica progressista della Otumbajeva, Ata Meken, con il 6,1% dei consensi.

Al voto per la stabilità politica ed economica

Per la repubblica ex-sovietica sono le prime elezioni dopo il colpo di Stato dello scorso aprile, con cui al potere è salita una compagine gradita alla Federazione Russa, capitanata da Rosa Otumbajeva – divenuta, nel contempo, Presidente, e capo del governo ad interim.

Ad esso, sono seguite lotte intestine tra kyrgysi ed uzbeki, concentrate per lo più nel sud del Paese. Ove, per un certo tempo, si è rifugiato l’ex presidente destituito, Kurmanbek Bakijev. Centinaia i morti nei pressi della città di Osh, 400 mila gli sfollati.

Un triste capitolo che le elezioni cercano di chiudere, non solo per il futuro politico, ma anche per la ripresa economica di un Paese che, stando alle stime del Fondo Monetario Internazionale, è il più povero della regione, con un altissimo debito pubblico, ed un saldo di crescita contrassegnato dal segno negativo.

Una Keshena promiscua

Qualora i dati fossero confermati, ad ottenere il primo posto sarebbe un partito conservatore-patriottico, forte nel sud del Paese, e fortemente critico con il governo ad interim. Ata Zhurt è preferito anche dagli strati più giovani della popolazione, maggiormente favorevoli ai principi occidentali, piuttosto che sovietici.

La Otumbajeva, sostenuta dai partiti di sinistra, potrebbe comunque contare su una buona percentuale di voti in una Keshena in cui tutte le etnie del Kyrgystan sarebbero rappresentate. In diverse occasioni, la Presidente ha dichiarato di avere come obiettivo la stabilità politica del Paese, dopo mesi delicati.

L'ex presidente kyrgyso, Kurmambek Bakijev

Buono anche il risultato di Ar-Namys, soggetto conservatore e filorusso, capeggiato dall’ex ministro degli interni, Feliks Kulov, immortalato sui cartelloni pubblicitari a fianco del presidente della Federazione Russa, Dmitrij Medvedev. Ar Namys propone un referendum per riportare il Paese ad un presidenzialismo puro. A sostenerlo, le minoranze etniche, che lo considerano garante dei propri diritti.

Il ruolo di Russia ed USA

Oltre alla stabilità politica ed economica, Bishek deve anche ridefinire una propria collocazione internazionale. Nel Paese, sia la Russia che gli USA possiedono interessi e basi militari. Non è un caso se la presenza del Cremlino e della Casa Bianca si è fatta sentire durante la campagna elettorale.

Mosca, che ritiene il Kyrgystan una zona di propria influenza, ha criticato il pluripartitismo, ed invitato Bishek a ripristinare il sistema proporzionale. Washington, invece, che necessita le basi sul territorio kyrgyso per le operazioni di rientro dall’Afghanistan, ha sostenuto lo svolgimento delle consultazioni democratiche, e lo sviluppo di una repubblica parlamentare.

Matteo Cazzulani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: